COMMENTI ALLA STRATEGIA NAZIONALE PER L’INTELLIGENZA ARTIFICIALE,ALLEGATO n 3. CORRISPONDENZA

Nella tornata di Novembre, il Parlamento è chiamato a sdecidere sugli emendamenti alla posizione del Consiglio sul progetto di bilancio dell’ UE per il 2021

Torino, 24/4/2020

Al Presidente del Parlamento Europeo

David Sassoli

Signor Presidente,

Mi permetto di inviarLe con urgenza questa mia opera, la quale tratta di un tema attualmente in discussione per il 28 aprile dinanzi alla Commissione Industria, Ricerca e  Energia del  Parlamento (il nuovo regolamento e la nuova agenda dell’Istituto Europeo d’innovazione e Tecnologia), relativamente al quale mi permetto di trovare poco appropriato il calendario dell’iter approvativo  quale emerge dal sito del Parlamento (https://www.europarl.europa.eu/doceo/document/ITRE-OJ-2020-04-28-1_IT.html).

Le ragioni della mia critica sono contenute nel sito nel libro allegato “European Technology Agency”.

In sintesi, trovo prematuro approvare l’agenda e le modifiche al regolamento specifico dell’EIT (su cui le Istituzioni avevano già tanti dubbi) nel bel mezzo della crisi del Coronavirus (e senza sapere come questa andrà a finire), e, per giunta, stralciando una parte del budget pluriennale 2021-2027, che, secondo le Sue affermazioni e quelle della Presidentessa von der Leyen, dovrebbe essere tutto dedicato al cosiddetto “Piano Marshall”.

Ma c’è di più: secondo la tesi contenuta nel libro, si dovrebbe porre finalmente fine alla dispersione delle attività dedicate alla tecnologia in Europa, mettendo insieme l’ ESA, l’EIT e  l’AED,  per creare un DARPA, un MITI, un Commissariat au Plan o un’ IRI europea,  capace di riunire le scarse forze esistenti nel nostro Continente quanto a intelligenza strategica, finanza, tecnologie innovative, capacità di management e di ricerca, per  condurre finalmente una concorrenza efficace alle grandi potenze (ammesso che la si voglia fare). Si noti che, secondo il recentissimo studio pubblicato proprio dal Parlamento (allegato), la Cina ha oramai superato l’ Europa fin dal 2013 quanto a spese di ricerca e sviluppo. Domani l’EIT potrebbe non esserci neppure più, o, meglio, essere sostituito da qualcosa di molto più solido ed efficiente. Non possiamo compromettere il futuro approvando alla chetichella una soluzione stralcio..

Infine, la vergognosa vicenda di Immuni (copia pura e semplice dell’ Ant di Alipay, contratto segreto, abbandono del consorzio europeo,  indecisione sulle soluzioni tecniche, interferenze di Google e Apple, boicottaggio delle Regioni), dimostra che, prima che di soldi, abbiamo bisogno di idee e di potere. Il Parlamento deve bloccare Immuni e tutte le iniziative analoghe degli altri Paesi, e finanziare direttamente, con i soldi destinati all’ EIT, una sola soluzione e europea, obbligatoria dovunque, e messa a disposizione dalla Commissione Se necessario, occorrerà acquistare da Alipay una versione  modificabile, in cui inserire  tutte le regole del GDPR, e immagazzinare i dati in un server europeo, sotto il controllo della Corte di Giustizia e dell’ Europol.

Vorrei anche sfatare un mito, quello secondo cui l’Italia non avrebbe nulla da guadagnare dal potenziamento delle alte tecnologie, perché non avrebbe aziende qualificate, come l’Airbus o la SAP. Vorrei ricordare a questo proposito che l’Italia, oltre ad avere, come noto, una tradizione eccezionale (anche se purtroppo spezzata sul nascere) nel settore informatico, dispone attualmente di due centri fondamentali dell’industria spaziale europea, con cui ho avuto l’onore di collaborare: l’Avio di Colleferro, che fabbrica il lanciatore Vega e il booster dell’Ariane, e l’Alenia Thales di Torino, che fabbrica lo Space Rider, il Veicolo di Rientro Spaziale lanciato con il Vega.

Spero che apprezzerà la mia franchezza e che vorrà dare seguito, almeno parzialmente, a questi miei suggerimenti, intanto chiedendo una pausa di riflessione nell’iter approvativo del nuovo regolamento e dell’ agenda dell’EIT, e, poi, richiedendo anche un ampio dibattito sul bilancio pluriennale 2021-2027 per ciò che riguarda le nuove tecnologie. Mi sembra infatti che ci sia molta attenzione per le spese straordinarie per ovviare ai costi della crisi (non solo quella del Coronavirus, ma anche e soprattutto quella preesistente, e sottaciuta, dell’ economia), che non per gl’investimenti volti a creare nuove aree di attività (web economy, computers quantici, comunicazione digitale), e, quindi, nuove imprese, nuovo export, nuovi mercati, nuovi profitti, nuovi posti di lavoro, nuovi redditi.

Questo è particolarmente grave per un Paese come l’Italia, che, in passato (Olivetti), ma anche nel presente (Alenia Thales, Avio) ha enormi competenze tecnologiche non sfruttate, mentre infuria la disoccupazione, e, in particolare, quella intellettuale. Il miglior aiuto che l’ Europa potrebbe dare all’ Italia (e ai Paesi del Mediterraneo) sarebbe creare, intorno ad Enti Europei (come l’ESA, Arianespace e Galileo), delle nuove Silicon Valley (delle nuove Hanzhou e Shenzhen), per esempio in Alto Lazio (Frascati-Colleferro), e in Piemonte (Torino-Ivrea), per fare concorrenza, per esempio, al DARPA e a Elon Musk (come spiegato dettagliatamente nel libro allegato).

Ma, ora, il problema numero uno è bloccare prima di martedì prossimo (il 28) l’intempestiva approvazione delle proposte sull’ EIT da parete della Vostra Commissione Industria, Ricerca e Innovazione..

L’Associazione Culturale Diàlexis e il sottoscritto sono comunque a Sua completa disposizione per approfondire questi temi. Tra l’altro, avvicinandosi la celebrazione del 9 maggio, saremmo lieti di avere una Sua partecipazione digitale (scritta o filmata) alle nostre manifestazioni. Invieremo al Suo staff i necessari link

RingraziandoLa per l’attenzione,

Buon lavoro,

Per l’Associazione Culturale Diàlexis,

Il Presidente

Riccardo Lala

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Parlement-europeen-a-strasbourg1-1024x683.jpg

La relazione proposta dalla Commissione annulla molti dei tagli proposti dal Consiglio

Da: SASSOLI David, President <President@europarl.europa.eu>
Inviato: martedì 12 maggio 2020 11:07
A: Riccardo Lala <riccardo.lala@alpinasrl.com>
Oggetto: RE: Sessione straordinaria del 28 aprile della Commissione Industria, Ricerca e Energia D(14934)

Caro Dott. Lala,

Grazie per la Sua cortese lettera, per la pubblicazione “European Technology Agency” e per le proposte dell’Associazione Culturale Diàlexis sui nuovi ecosistemi tecnologici.

Il pacchetto “EIT” sta seguendo la normale procedura legislativa e si trova attualmente in prima lettura ad una fase iniziale. In occasione della riunione della commissione ITRE, lo scorso 28 aprile, si è tenuto un dibattito approfondito che ha messo in luce come la crisi provocata da Covid 19 sia attualmente al centro del confronto e delle decisioni politiche europee. È in questo contesto che gli europarlamentari di ITRE sono ora chiamati a presentare gli emendamenti al pacchetto “EIT”. Relativamente alle implicazioni sul bilancio dell’EIT, il Consiglio Europeo sarà inoltre chiamato a decidere sul prossimo Quadro Finanziario Multilaterale (MFF), relativamente al quale la Commissione europea avanzerà presto una nuova proposta che dovrà riflettere la nuova realtà della crisi Covid 19 e della risposta da dare a quest’ultima.

Ho trasmesso la Sua pubblicazione al Segretariato della commissione ITRE affinché possa essere distribuita ai Relatori del pacchetto “EIT”. La invito inoltre a mettersi direttamente in contatto con i membri della commissione ITRE per assicurarsi che la sua proposta possa giungere ai legislatori che, in ultima istanza, saranno chiamati a decidere sulla questione.

Cordiali saluti,

David Sassoli

Turin, 24/4/2020

La relazione della Commissione propone un aumento considerevole dei contributi del bilancio 2021 alle priorità del Parlamento

Ursula Von der Leyen

Betr.: Marshallplan und Technologie : Sitzung 28 April des EP um EIT

Frau Präsidentin,

Wir wünschen hierbei Sie über die Sitzung , diejenige schon für April 28 bei dem Ausschuß “Industrie, Forschung und Energie” des Europäischen Parlaments,um das  Europäische Innovations- und Technologieinstitut  und die damit verbundene Strategische Innovationsagenda 2021–2027: Förderung des Innovationstalents und der Innovationskapazität programmiert ist aumerksam machen (sieh die  Tagesordnung des Ausschusses https://www.europarl.europa.eu/doceo/document/ITRE-OJ-2020-04-28-1_DE.html ).

Wir betrachten das betreffende Vorhaben als unlogisch und gefährlich. In der Tat, ist, nach der Koronavirus-Krise, alles verändert, in Europa und überall in der Welt; infolgedessen, müssen alle vorherige Politiken durchgedacht werden. Wie Sie gesagt haben: “Die vielen Milliarden, die heute investiert werden müssen, um eine größere Katastrophe abzuwenden, werden Generationen binden. Deshalb haben wir die Pflicht, das Geld aus unserem nächsten Haushalt besonders klug und nachhaltig zu investieren. Es muss bewahren helfen, was uns lieb und teuer ist und das Gefühl der Gemeinschaft unter den Nationen Europas erneuern. Und es muss eine strategische Investition in unsere Zukunft sein”Damit unser Haushalt den neuen Anforderungen gerecht wird, müssen wir ihn entsprechend zuschneiden”

Im Licht Ihrer oben erwähnten Betrachtugen, fragen wir uns, welches Sinn eine neue Regelung  für Technologie in Europa machen kann, die schon vor der Entstehung der Koronavirus-Krise ausgedacht wurde, und die in diesem Augenbick diskutiert wird, wenn man noch nicht weißt, wie Dinge am Ende gehen werden, und  welche Strategie Europa für die nächsten 7 Jahre wählen wird. Sie haben auch eine erweiterte Debatte darum aufgefordert.

Zweitens, sollte sich die Konferenz für die Zukunft Europas nach dem technologischen Übergang, und nicht nach dem Status Quo,richten. Die bisherigen technologischen Tätigkeiten in Europa waren offenbar schon vor der Krise nicht zufriedenstellend. Die Rückständigkeit Europas gegenüber Amerika und China (Web Economy, Big Data, Kryptowährungen)  is ständig gewachsen, und wächst noch jetzt. Wie das europäische Parlament selbst festgestellt hat, hat China Europa seit 2013, für was die Investitionen in R&D anbelangt,  überwunden (sieh Anhang1). Was will Europa dagegen tun?

Sogar wenn die Politik dazu nicht zustimmen wollte, wird die wirtschaftliche Lage Europas am Ende der Krise so viel  geändert sein, daß die vorigen Prioritäten automatisch umgewältzt werden. Dies gilt auch für die Prioritäten der Kommission, wo die Fähigkeit neue, bedeutsame, Ertragsquellen für Bürger (nicht nur rechnungstechnischer Art) zu erschliessen, eine vorrangige Rolle spielen wird.

Sie auch haben gesagt: “Unsere Welt hat sich verändert”. Die bisherigen Praxen der europäischen Wirtschaft, wobei die neuen Entwicklungen in den Gebieten der Verteidigung, des Raum- und Luftfahrts, des Digitalen, der Biologie, der Transporten, der Umwelt, der Kommunikation, der Organisation, zu zersplittert waren, um eine kritische Masse gegenüber die Wettbewerber darzustellen,  müssen durchaus übergedacht und überwunden werden. Ein einziges europäisches Programm muß die Zentralbank, die Europäische Investitionsbank, die Kommission, den Rat, die Staaten, die Laender, die Unternehmen und die Städte so einbinden,  um uns zu erlauben, gleichzeitig DARPA und “China 2050” zu widerstehen.

Mitgliedstaaten benützen heute die Möglichkeiten, die paradoxerweise von der Krise angeboten weden, in einem selbstzestörerischen Weg. Z.B., haben die Italiener von “Immuni” das europäische Konsortium “PEPP-PT” verlassen, und jetzt werden sie von den italienischen Regionen, von Google und Microsoft boykottiert. Die Union muß diese Verwirrung aufhalten! Sie muß ein europäisches “Immuni”, mit Anwendung vom GDPR, unter der Kontrolle des europäischen Gerichtshofs und von Europol bereitstellen! Europa muß der Garant des GDPRs sein.

Mit all diesem in Sicht, haben wir jetzt das Buch “The European Technology Agency, with a proposal of Associazione Culturale Diàlexis for the Conference on the Future of Europe” (Anhang 2) herausgegeben, das wir hoffen, den europäischen Gesetzgebern von Hilfe sein kann, wenigstens mit dem analytischen Vorschlag, der als Beilage des Buches erscheint. Wir senden das Buch auch den dazu zuständigen Kommissaren und Euroabgeordneten, in der Hoffnung, daß jemand zeitgemäß handelt.

Wir werden diese besondere Aufmerksamkeit auch zum Gedenken des 70.ten Jahrestags der Schuman Deklaration, und des 2500.ten Jahrestags der Kämpfe an den Thermopylen and von Salamina,  zwischen dem 9.ten Mai bis die ersten Tage von September widmen, die wir durch eine Serie von digitalen Veranstaltungen beleben werden, zu denen, hoffen wir, die Institutionen teilnehmen werden.Wir werden Ihrem Staff die link übersenden.

Wir hoffen auch, daß diese Veranstaltungen den Anfang einer kulturellen Bewegug darstellen können, diejenigen  die heutige Haltung der europäischen Eliten verändern wird. Sie sollen nicht die “planlosen Eliten” bleiben, die schon seit 30 Jahren Glotz, Hirsch und Süßmuth stigmatisiert hatten.

Wir bleiben jedenfalls zu Ihrer Verfügung, diese Themen zu vertiefen, mit dem Zweck einer erfolgreichen Lösung der vielen und dringlichen Fragen, die heute vor Europa stehen.

Ich danke Ihnen im vorab für Ihre Aufmerksamkeit, und verbleibe,

Für Associazione Culturale Diàlexis,

Der Vorsitzende

Riccardo Lala

Il Condiglio insiste sul taglio dei “programmi faro” per controbilanciare gli oneri aggiuntivi derivanti dal prefinanziamento dei programmi

Turin, 14/5/2020

To the members of the European Council

Ladies and gentlemen,

We had addressed ourselves to the rapporteurs to the Committee “Industry, Research and Energy” of the European Parliament in the session of April 28 for the discussion (and possible approval in first reading) of two proposals, concerning a revision of the regulation governing the EIT, and its re-financing for the period 2021-2027.

In that letter, we emphasized  that, after the Coronavirus crisis, everything had changed in the world, so that  preceding policies should be in any case modified. As President Ursula von der Leyen had said “…because this crisis is different from any other, so must our next seven-year budget be different from what we know. We will need to frontload it so we can power investment in those crucial first years of recovery”.

We had sent to the rapporteurs  the digital file of the book  “A European Technology Agency”, which we send to each of you, including a proposal of Associazione Culturale Diàlexis for an overall restructuring of European technology policy alongside the Commission’s priorities, and especially its Digital Strategy, thoroughly revised in the light of the recovery needs after the incoming economic crisis and Coronavirus.

We start by noting that the European Coal and Steel Authority, of which the 9th of May has been the anniversary, was at the end of the day a European agency for the management of a European consortium, which, at that time, represented the core of crucial industries. In the same way, we propose now to put, under the common European control, the most sensitive European industries: the ones of new technologies. As the Coal and Steel Industries were pooled because they constituted the basis of military preparedness, such are today Internet, European Champions, Artificial Intelligence, Digital Currencies, Energy control, Biomedical.

The approach followed up to now, where new technological developments in defence, aerospace, digital, biology, transportation, environment, communication, organisation, are so much dispersed as to result ineffective , has to be reconsidered thoroughly, with the idea of a sole planning organisation, common to EIB, Commission, Council, Member States, Regions, Companies and Cities, which may concentrate this huge effort of the next few years, for challenging, from one side, DARPA, and, from the other, “Made in China 2025”and “China Standards 2035”.

Let’s recall also that Jean Monnet, before been appointed the first Chairman of the High Authority, had been the French Commissaire Général au Plan, and before, had worked for a military consortium of the Allied forces.

It is sufficient to say that, as it results from the papers to which the Parliament is confronted now for the discharge of their  accounts, the Agencies and Public-Private Entities of the Commission (mostly with high technological responsibilities) are almost 40, to which important entities such as ESA have to be added. It would be much more reasonable to have a sole big entity like MITI or DARPA, with a global vison of what is going on in all branches of technology, and the capability to react immediately.

We had sent the book and the proposals to members of Parliament and relevant Commissioners, urging them to consider its arguments and the proposals contained in it. Finally, we are also preparing a second book, devoted to a debate among intellectuals, politicians, European Movements  and  civil society, on technological humanism in Europe after coronavirus. We hope we will receive contributions from everybody, in time for influencing the ongoing debates. Of course, we think, in fist instance, of the addressees of this communication.

The basic idea is that, already before the Coronavirus crisis, the authoritative studies carried out by the French Senate (Rapport Longuet) and by the German Government (Nationale Wirtschaftsstrategie) had certified that Europe has no prospect to recover in time its positions in web industries, European Champions, cyber-intelligence, Artificial Intelligence, quantum computing, cyberwar, digital currencies, biotechnologies, before the proposed deadline of 2030, and the joint French-German Manifesto has already been overcome by the events of the last few months.

As a consequence, Europe’s situation is  condemned to deteriorate constantly, from the point of view of overall economic results (see Mazzucato, Morozov and Zuboff), from the one of military security (De Landa, Dinucci, Mini) of environmental crisis (Greta Thunberg, “Laudato Sì, Querida Amazonia) and of the protection of citizen’s rights (Assange, Snowden, Greenwald), unless the European Union undertakes an overall strategy of reflection, of political debate, of institutional reform, culminating in a new era of Digital Humanism, alternative to the one of Superpowers.

For the above reasons, during the discussions about the 2021 seven years budget which are bound to start soon, as well in the ones that must precede the Conference on the Future of Europe, the question of an overall restructuring (philosophical, conceptual, geo-political, institutional, technological and financial) of the orientation of European society cannot be escaped.

For these reasons, a preliminary question is whether the existence of EIT still makes sense, and whether or not should it be merged with ESA and other entities.

Let’s recall just some fundamental and unresolved issues, which have to be addressed before it is too late:

-the lack of a digital-humanistic ruling class;

-the abuses of the digital-military complex in the areas of data storage, tax evasion and antitrust;

-the upgrading of the European society, from an Industrial Society, to a Society of Intelligent Machines;

-Europe as an ideal battlefield among great powers in all possible areas of human life: economic war, battle of narratives, NCBW, political destabilisation…

Our book, and our formal proposal for the Conference, has the ambition to suggest the headlines of a global response to these unanswered questions

President Sassoli has replied to us very kindly, suggesting to address all the members of the ITRE Committee, who are, in last instance, responsible for a decision together with the Council (see below).

We are at your disposal for further illustrating the proposals, as well as for collaborating with your services in arriving at more concrete results. At the same time, we are addressing the same appeal to the Commission, so that this crucial deadline of European history is not missed.

We would be honoured by any reaction on your side, and we remain available for any form of cooperation.

Thanking you for your attention,

Kindest regards,

Riccardo Lala

Associazione Culturale Diàlexis

Riccardo Lala

Associazione Culturale Diàlexis

WEBINAR 9 MAGGIO: 70 ANNI DALLA DICHIARAZIONE SCHUMAN, 2500 ANNI DALLE TERMOPILI

Sabato 9 maggio, ore 9,00

Webinar sul tema:

2020,

-2500 ANNI DI EUROPA

-70 ANNI DAL PIANO SCHUMAN

-AVVIO DELLA CONFERENZA SUL FUTURO D’EUROPA

Che quest’anno sia cruciale per il futuro del mondo, e soprattutto dell’ Europa, lo dimostra non soltanto l’incidenza eccezionale della pandemia su modi di pensare, culture, ideologie, organizzazioni, rapporti geopolitici, abitudini ed economie, ma anche la coincidenza fra molte scadenze fondamentali per l’identità europea.

Durante questo lungo periodo che ci separa dal ritorno alla normalità e all’esercizio ordinario dell’attività editoriale (sintetizzata dall’apertura dei saloni del libro di Torino e di Francoforte), Alpina Dialexis sta sviluppando un intenso dialogo con i suoi lettori, con le Istituzioni, con il Movimento Europeo, con il mondo intellettuale, per fare chiarezza sull’ identità europea, sulla sua storia, sulla sfida tecnologica e sulle strategie da seguire per sfuggire all’entropia generalizzata delle società contemporanee, ritornando a quelle posizioni di leadership che, oramai da molti anni, costituiscono solamente più un wishful thinking degli oratori della domenica.

Questo primo webinar ha carattere introduttivo, essendo dedicato alla ricognizione dei temi che sono sul tavolo. Ad esso faranno seguito la presentazione delle novità librarie 2020, la pubblicazione di anteprime delle stesse, la discussione delle proposte per la Conferenza per il Futuro dell’ Europa, e, infine, la commemorazione delle battaglie di Salamina e delle Termopili, con il loro impatto eccezionale sulla memoria collettiva degli Europei.

PROGRAMMA

Ore 9,00 Prove tecniche

Ore 9,15 Apertura dei lavori (Modera Riccardo Lala, info@alpinasrl.com)

Ore 9,30

Relazione introduttiva

Prof. Pier Virgilio Dastoli:

Lo stato di avanzamento della Conferenza sul Futuro d’ Europa

Ore 10,00

Prof. Marcello Croce

Quale spazio per la cultura nel dibattito sull’ Europa?

Ore 10,15

Ing. Roberto Matteucci

Dove sta l’ Europa  nelle industrie tecnologiche?

Ore 10,30

Dott. Bruno Labate

C’è posto per i lavoratori nell’ Europa del futuro?

Ore 10,45

Avv.to Ennio Galasso

Che fine ha fatto la tradizione giuridica europea?

Ore 11,00

Ing. Ferrante Debenedictis

Europa e nazioni oggi

Ore 11,15

Domande e dibattito

Alle 12, sarà possibile collegarsi con il museo digitale europeo Europeana per un dibattito sul ruolo del patrimonio culturale nell’ integrazione europea.

Chi desidera partecipare alla manifestazione, dovrà collegarsi, a partire dalle ore 9,00 del 9 maggio, al seguente link: https://www.alpinasrl.com/dibattito-online/, segnalando eventuali difficoltà a:

info@alpinasrl.com, o ai seguenti numeri di telefono:Lo stesso vale per fare domande ai relatori e comunque per intervenire.

00390116690004 00393357776 1536.

Per rompere il ghiaccio, il Dott. Lala ha già anticipato il suo personale intervento, mediante il post sul sito Alpina Diàlexis https://www.alpinasrl.com/europa-2500-anni-dalle-termopili-70-anni-dalla-dichiarazione-schuman/.

Per facilitare il compito dei relatori, abbiamo raccolto una ventina di domande e risposte che, scelte da ciascuno,  potranno costituire  degli spunti per gl’ interventi dei relatori, orali e/o anticipati per iscritto, e si possono consultare con il seguente link:https://www.alpinasrl.com/dibattito-online.

Abbiamo già iricevuto il contributo della sinologa Giuseppina Merchionne.

Se avremo abbastanza interventi per iscritto, essi potranno fare oggetto di un e.book che metteremo online.

Se questa prima giornata funziona, lo schema potrebbe essere ripreso per la celebrazione delle Termopili all’inizio di Settembre.

ISTRUZIONI PER I RELATORI

I RELATORI debbono digitare  https://www.alpinasrl.com/dibattito-online-relatori.php

Prima delle 9,00, la pagina comunica solo le informazioni su COME partecipare.

Alle 9,00, permette di accedere alla videoconferenza in sé.

La videoconferenza si farà utilizzando il sistema 8×8 basato su Jitsi Meet.

Il sistema è compatibile con tutti i browser più aggiornati, ma consigliamo di utilizzare Google Chrome.

Per chi si connette tramite computer, non è necessario il download di alcun software.

Per chi si connette tramite smartphone, è disponibile un’app scaricabile dai rispettivi app store di Android ed iOS:

I relatori possono anche provare il sistema in autonomia, prima dell’evento, per assicurarsi che webcam e microfono funzionino correttamente. Per effettuare un test bisogna andare su https://app.8×8.vc/ scegliere l’opzione “Partecipa/avvia un meeting come ospite” e inserire un nome casuale per avviare una videoconferenza di test.

Come per qualsiasi conferenza online, consigliamo di accertarsi già un giorno o due prima di avere una connessione stabile e sufficientemente veloce. Al più tardi, questa verifica va fatta alle 9,00 del 9 maggio. Durante la videoconferenza, è preferibile che sul dispositivo non siano in esecuzione altri programmi che possono utilizzare grandi quantità di dati, come altri programmi di videoconferenza, aggiornamenti di sistema o altro.

Inoltre, consigliamo di disattivare sempre il proprio microfono quando non si deve intervenire, per evitare che rumori di fondo o altri suoni disturbino la teleconferenza

ISTRUZIONI  PER IL PUBBLICO:

Il link per gli spettatori è:

PER FARE DOMANDE AI RELATORI, INVIARE UN’e.mail AL MODERATORE riccardo.lala@alpinasrl.com, o telefonargli al numero 3357761536

Il video YouTube è già attivo.

Archivio – ELEZIONI EUROPEE 2014

 

Per taluni, le elezioni europee hanno costituito  uno shock. Infatti, per la prima volta:

-il primo partito inglese non è, nè liberale, né conseervatore, né laburista, bensì nazionalista/imperialista (UKIP);

-il primo partito francese non è né  gollista, né socialista, bensì nazionaliasta/giacobino (Front National);

-il primo partito greco non è oramai, né socialista, né conservatore, bensì di estrema sinistra (Syriza).

Tutti gli altri risuultati possono essere interessanti, ma non sono comparabili con questi.

E, difatti, essi non modificano le più importanti previsioni formulate alla vigilia,a cominciare dal sicuro conflitto fra socialisti e popolari nell’ interpretare, da un lato, il risultato delle elezioni, e, dall’ altro, il preteso “patto”  sulla nomina del Presidente della Commissione.  Conflitto che è puntualmente esploso  fra Juncker, Schulz e La Merkel. Dimostrando che anche la pretesa possibilità dei cittadini europei di scegliere il Presidente era una menzogna.

1. Si mantiene il multipolarismo

Dal nostro punto di vista, occorre distinguere la valutazione di questi risultati da due diversi punti di vista:

-da quello della politologia;

-da quello dei contenuti politici.

Dal punto di vista politologico, le elezioni non modificano il quadro politico europeo, in quanto le tendenze che si sono evidenziate erano presenti già in precedenza:

-dominio dei partiti “Mainstream” (popolari, socialist, liberali);

-indispensabilità di una “Grande Coalizione” (PPE, PSE, ALDE),

-difficoltà di determinarne il leader a causa del modo ipocrita con cui erano stai fatti gli accordi;

-rappresentanza modesta delle opposizioni, di sestra e di sinistre, moderate e radicali, le quali, per quanto rafforzate dall’ elezione del 2014, rappresenta comunque appena il 30%,  democraticità di un sistema politico.

Infatti, in netto contrasto con i cantori del bipolarismo, riteniamo che, per l’Europa, non possa esserci che un muultipolarismo che rappresenti l’enorme pluralismoculturale  che ci ha sempre caratterizzati (da Stirner a Trockij,da  de Maistre a da Mussolini, da Saint-Simon a Lenin,  da Trubeckoi a Croce, da Monnet a De Gaulle, da Spinelli   a Brandt, da Giovannio Paolo II a  Papa Francesco- che, quindi, nelle varie assemblee, debba essere rappresentata  circa una quindicina di raggruppamenti:  estremismo di sinistra e conservatorismo islamico,  sinistra pura e dura alla Trockij e destra rivoluzionaria , una sinistra d’ordine e una destra tradizionalisica alla De  Maistre; u sinistra riformistica  e eurasiatismo sul genere di Trubeckoj, destra conservatrice e centro-sinistra tecnocratico; E uropa dei popoli, sul modello di De Gaulle e un cattolicesimo tradizionale, socialdemocrazia nordica  e un pensiero sociale cristiano e, in ogni caso, un  federalismo europeo intransigente.

Dal punto di vista dei contenuti, Le elezioni non hanno non solo dato, ma neppure tentato di dare una risposta sull’ identità europea, per il semplice fatto che tutta la classe dirigente, ivi compresi gli Euroscettici, è, di fatto,  solidale nella censura a qualunque riferimento alla cultura europea. Si continuano a fare affermazioni assurde, come quella che l’ Europa sia nata da un desiderio di pace, mentre, dal 1951 ad oggi, abbiamo combattuto una ventina  di guerre; si continuano a confondere i valori europei con quelli americani; si continua a ignorare il desiderio d’Europa dei Russi e dei Turchi, si compiono autentici sabotaggi agli interessi economici dell’ Europa, come per esempio le sanzioni contro la Russia, che, da sole, provocano l’ulteriore caduta del nostro PIL di vari punti percentuali, mentre, invece, costituiscono un vantaggio non solo per l’ America (che può lanciare il suo “shale gas”), ma anche per la Russia, che può impedite ai suoi oligarchi ogni accordo sottobanco con gli Occidentali e può eliminare dal mercato russo alcuni  prodotti occidentali, come GPS e carte di credito, sostituendoli con la concorrenza locale.-

2. Uno smottamento  tettonico.

Nonostante la relativa indifferenza complessiva, nel breve termine, dei risultati di queste elezioni, riteniamo che esse  abbiano un significato importante per l’ Europa in quanto sintomo di uno smottamento tettonico di lungo periodo  verso il pluricentrismo in Europa e nel mondo. Pluricentrismo ben espresso dal fatto che praticamente tutti i partiti di opposizione etichettati come “euroscettici” sono, in sostanza, filorussi, e, quindi, si aggiungono come uletriore freno alle sanzioni.

Quae sarà  il prossimo passo? Martin Jacques ha  dato una risposta “tranchante”: “When China Rules the World”, che altro non è se non un tentativo di contestualizzazione delle idee di Confucio sul Da Gong, vale a dire su quel momento in cui “Il Paese d Mezzo è in ordine; l’ Ecumene è in ordine”. A nostro avviso, tale ‘”egemia dolce” (Heping Fazhan) dei Valori Confuciani verrà  come risposta all’ incapacità della cultura occidentale ad immaginarsi la Fine della Storia, che però è già dietro l’angolo. Anche qui, il mondo, e, in primis,l’Europa e la Russia dovranno per forza ricorrere alla saggezza della Cina..

Già Dostojevsjij aveva anticipato questo smottamento , quando aveva affermato: (i) che la bellezza avrebbe salvato il mondo; (ii) che il destino della Russia sarebbe stato di andare verso Oriente. Infatti, contro il dominio della tecnica, si afferma la volontà di bellezza che è propria della cultura e della religione. E, d’altro canto, un peso crescente nell’ equilibrio mondiale è assunto dall’ alleanza fra Cina e Russia, ben simbolizzata dall supercontratto sul gas. Ambedue i Paesi rivalutano nel contempo le loro culture e religioni tradizionali.

Anche l’ Europa sta andando impercerttibilmente verso Oriente. La sua crisi inarrestabile si potrebbe  fermare  solo dinanzi la ricchezza della Cina. La furia disgregatrice dell’ Estremo Occidente si infrange così contro “il Muro Rosso” del Cremlino solo perchè dietro c’è la forza immensa dell’Impero di Mezzo.

Lo slittamento tettonico dell’ Europa porta a rivalutare le forme di integrazione -di successo-  dello spazio eurasiatico;  a  una critica   delle “retoriche occidentalistiche” dell’ Unione ;  alla frantumazione degli equilibri consolidati negli e fra gli stati Membri. E’ in tale frantumazione  che si afferma l’esigenza della Russia come “partner necessario” in Europa. Tutti i protagonisti del momento  hanno oramai un inaggirabile  punto di confronto  nella Russia: dal “Movimento Nazionale” del Donbass, al nuovo presidente ucraino Poroshenko; dagli Jobbik,a  Marine Le Pen, da  Farage alla Lega.

Questo slittamento è appena iniziato.

3,. Fine dell’ autocensura.

Da decenni stiamo tentando di scrivere una storia dell’ Identità Europea.Se non l’abbiamo, fino ad ora, mai completato  il “1 e il 2° Volum a, non è certo per l’assenza di contenuti  o d’ idee, né neppure perchè non ve ne sia oggi un obiettivo  bisogno. Al contrario,ciò  che ci trattiene  è che lo scopo di un’opera monumentale come questa è quello  di dare a un popolo (in questo caso, il Popolo Europeo) la sua autocoscienza. Quest’opera può essere compiuta solo per quel pèopolo e con quel popolo. Ma, fintantoché abbiamo il sentimento che quel popolo non voglia ancora  riconoscere le sue tradizioni, la sua storia,  saremo  estremamente riluttanti a proporgli il nostro punto di vista.

In ultima analisi, le infinite nazioni europee si sono viste imporre da manovre di vertice un'”identità Nazionale” prefabbricata, una “copia conforme” della Missione dell’ America. L’esempio più macroscopico è costitiotoo dall’Ucraina, il Paese tipoco del pluricentrismo , che  è stata invece assunta dall’ “establishment” quale simbolo stesso della equivalenza fra Europa e Occcidente.Non che quest’equivoco non sia stato ampiamente diffuso in ogni tempo, ché anzi, moltissimi, da Trockij a Mussolini, da Stalin a Hitler, da Spinelli a Jean Monnet, da Schuman a De Gaulle, da Putin a Erdogan,vi  sono vissuti deliberatamente .

Occorre cominciare ad avere il coraggio di dire la verità, sulla filosofia, sulla storia, sulla filosofia, sulla religione, sulla società, sulla politica, sull’ economia, sulla cultura, sull’ arte europei , senza timori reverenziali: dalla scoperta dell’ America  in poi, cultura europea e cultura occidentale si sono progressivamente divaricate, per esempio con il conflitto fra Gesuiti e Conquistatores, con la contrapposizione fra Santa Alleanza e Dottrina Monroe, fra culturalismo degli Europei e “progetto della globalizzazione”, ecc..

3. I risultati delle elezioni  e l’azione keynesiana.

Tutti coloro, da Marine Le Pen a Matteo Renzi, da Tsipras a Schulz, che si illudono che i problemi dell’ Europa si risolvano semplicemente immettendo liquidità sul mercato, si sbagliano di grosso.

Proprio lo studio della Banca d’Italia sulla storia economica dall’ Unità a Oggi, recentemente presentato al Salone del Libro, ha dimostrato che tanto l’ Italia del XX° Secolo, quanto le economie occidentali, crescono, nel lungo periodo, nella migliore delle ipotesi, del 2%, mentre la Cina sta crescendo da circa 70 anni talmeno tre volte tanto; inoltre, il tasso di crescita necessario per fare fronte all’ obsolescenza tecnica e alla manutenzione straordinaria è del 4%.

Certo che un’iniezione di liquidità potrebbe portare a una temporanea ” risalita”, ma solo una modifica strutturale della nostra economia potrebbe portarci a livelli comparabili alla crescita dei BRIC, e, comunque, a evitare il declino. Infatti, anche nella denegata ipotesdi che tornassimo a crescere di un 2%, continuerenmmo a discendere, nei confronti della Cina, del 5% l’anno, e comunque non riusciremo a manutenere il sistema al livello dello stato dell’ arte. Ci troveremmo, cioè, nella situazione degli Stati Uniti, che continuano inesorabilmente la loro discesa, e conoscono un degrado generalizzato.

Ora, la politica dei BRIC non è una politica keynesiana, basata esclusivamente sul deficit spending, come vorrebbero un pò tutti in Europa: è una politica economica proattiva e differenziata nei singoli momnenti storici e nelle singole regioni, accoppiando l’industria militare al finanziamebnto dell’ edilizia, la defiscalizzazione e la programmazione, la manovra della moneta al rialzo o al ribasso a seconda dei momenti.

Ci vorrebbe anche in Europa un governo centralizzato dell’ economia.

3. Sulla riforma dell’ Unione

Dire che l’Unione non dispone delle necessarie competenze  è un eufemismo. Quello che hanno USA, Cina e Russia è una “Presidenza Imperiale”, in cui il Presidente si occupa di tutto, dai sistemi missilistici alla cultura, dallo spionaggio alla sanità, dall’ Ucraina al salvataggio delle imprese. Quando ci si incontra al verticve, per l’ Europa artrriva una plertora di persone, dell’ Unione e degli Stati Membri, Come è possiile adottare tempestivamente decisioni autorevoli ed incisive?

Per questo motivo, le varie proposte di Trattato Europeo per riformare le istituzioni lasciano il tempo che trovano.

In queste proposte, occorrerebbe affrontare una serie di temi che tutti si guardano bene dall’ affrontare, dai poteri del Presidente al controspionaggio europeo, dalla programmazione europea ai Progetti Europei.

Invece degli Euroscettici, che si limitano a criticare tutto ciò che cìè, e dei pseudo-europeisti, che fanno di tutto per modificare il meno possibile, ci vorrebbe un Movimento Europeo che “tenesse sotto controlllo” il comportamento degli Stati Membri e delle Istituzioni, e comntrapponesse, momento per momento, al comportamento di questi le cose che invece andrebbero fatte, scatenando anche movimenti di opinione per fare presione per la loro adozione.

Oggi come oggi, crediamo che le cose importanti e urgenti siano:

-un trattato internazionale sul controllo delle nuove tecnologie;

-il blocco delle sanzioni alla Russia;

-un grappolo di “Progetti Europei” per le imprese di alta tecnologia;

-il blocco del Trattato TTIPin attesa di un accordo globale sulle tecnologie

-il rafforzamento dei poteri del Presidente.

In realtà, tutti i “Quaderni di Azione Europeista” in generale, e le “1000 Tesi sull’ Europa” in particolare, ccontengono l’enumerazione e la disamina di questi punti e di queste proposte.

Il punto di partenza consisterà, dunque, nekl diffonderne la conoscenza e nel suscitare, attorno ad essi, un dibattito.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

QUADERNO n. 2-2014 100 TESI PER L’EUROPA

ASSOCIAZIONE CULTURALE/COLLANA
DIALEXIS

Quaderni di Azione Europeista

copertina 100 tesi (1)
Acquista ebook

QUADERNO n. 2-2014
100 TESI PER L’EUROPA
Fra  Elezioni Europee e Semestre Italiano

Prosegue la presentazione dei Quaderni di Azione Europeista elaborati dall’ Associazione, con il secondo quaderno, 100 Tesi per l’ Europa, Fra Elezioni Europee e Semestre Italiano.Questo Quaderno fornisce una panoramica a volo d’uccello sulle grandi problematiche dell’ Europa in questo passaggio fondamentale della storia del nostro Continente.

 Come noto,  Fra il 22 e il 25 maggio, si svolgeranno le Elezioni Europee, in un clima di disinteresse generalizzato per le tematiche propriamente europee. Il mondo politico è diviso fra, da un lato, una costellazione disordinata si “Euroscettici”, privi di qualunque programma comune, ma accomunati solamente dal desiderio di infliggere una sconfitta dei partiti tradizionali, e, dall’altro, questi ultimi, che chiedono, attraverso le elezioni, una sorta di conferma del loro operato (o meglio, della loro inattività).

Peccato che, già nel 2009, il partito maggiore sia risultato essere quello del “non voto”. Questo è gravissimo: come può una realtà nuova, com’è l’Unione Europea, affermarsi contro tutte le obiettive difficoltà, se non è sostenuta dall’ entusiasmo popolare?E, di converso, come potrebbero gli Europei entusiasmarsi per l’ Europa, quando gli stessi politici e media, che chiedono questa manifestazione di consenso, fanno di tutto per per coprire l’ Europa di discredito,  smorzando sul nascerre eventuali entusiasmi ? Eppure, l’Europa è più necessaria che mai, per le minacciose trasformazioni del mondo economico e sociale e per i pericolosi venti di guerra che si addensano nel cuore stesso del nostro Continente.

L’Associazione Culturale Diàlexis si è assunta l’ingrato compito di “fare il punto” sulla situazione, confrontando i problemi, le proposte dei vari soggetti politici e dei vari Autori sulle diverse sfide che attendono l’ Europa, e sulle diverse possibili risposte alle medesime,  condensandole in 100 Tesi, che possono essere lette come una proposta per il Parlamento Europeo, la Commissione e il Semestre Italiano (link).

 

Proposte per la legislatura 2014-2019

Il 22 Maggio 2014, avranno luogo le elezioni europee, in un momento drammatico, caratterizzato da:

  • tensioni geopolitiche e militari gravissime in Europa Centro-Orientale e in Estremo Oriente;
  • l’intensificarsi della lotta a livello mondiale contro la Società del Controllo Totale;
  • un declino dell’ Europa che sembra inarrestabile;
  • la volontà diffusa di riprendere il cammino dell’ integrazione, spezzato dall’assurdità delle scelte europee degli ultimi 25 anni, e dalla conseguente rinazionalizzazione delle politiche europee.

Eppure, fino al 1° Gennaio 2014, dai Partiti Europei, non abbiamo ottenuto nulla più che la candidatura di Martin Schulz come candidato del PSE, e un fantomatico  manifesto del Front National, ma non invece la seppur minima informazione circa i loro programmi  né le loro alleanze, né sugli altri candidati. Lo stesso programma tedesco di governo non contiene che poche, e non significative, parole a questo riguardo.

Certo, la maggior parte degli uomini politici afferma di voler rilanciare l’integrazione europea, e perfino gli Euroscettici dicono di volerla ricostruire su nuove basi, ma né gli uni, né gli altri, sono in grado di proporre se non idee, personaggi e soluzioni che sono state più volte tentate, ma senz’alcun risultato.

Vi è quindi il forte rischio che i programmi che ci saranno presentati siano solo rifritture di facciata elaborati all’ultimo momento, che le alleanze vengano fatte ex-post solo per motivi di numeri e di poltrone, che i candidati siano scelti più per ragioni di politica interna che di politica europea.

Poiché riteniamo invece che sia impossibile prescindere da una politica, che l’organizzazione politica richieda un legame con il territorio; che le tensioni a rendano impossibile ai territori di contare nelle grandi scelte se non hanno la necessaria dimensione culturale, territoriale, demografica, economica e militare, riteniamo che sia necessario il rilancio della “Grande Politica” in Europa, senza essere vincolati ad alcun binario prestabilito.

In base a queste considerazioni, la nostra Associazione si è presa la briga di raccogliere una serie di considerazioni sui vari punti scottanti della politica europea, focalizzando l’attenzione soprattutto sulle possibili soluzioni ai problemi più urgenti, che, a nostro avviso, sono:

  • l’Identità Europea,
  • i rischi delle nuove tecnologie,
  • il declino economico e sociale.

Abbiamo anche tentato di prendere in conto i prgrammi di altre associazioni, ove necessario citandoli e criticandoli motivatamente. Ci sembra per altro che nessuno abbia affrontato i veri problemi e le vere urgenze, operando il solito “ collage” di vecchie affermazioni ideologiche.

Ovviamente, questi appunti non sono brevettati. Anzi, vengono diffusi quanto più possibile nella speranza che i partiti e i candidati se ne ispirino. Non ci illudiamo per altro che i diversi Partiti Europei e i  singoli candidati li facciano propri, e, d’altro canto, ci sarebbe davvero da preoccuparsi se tutti i partiti europei condividessero fra di loro tutti i punti di vista (come invece oggi molti vorrebbero, perché ogni idea, valore o soluzione che sconvolga l’attuale assetto del mondo viene non rifiutata, non combattuta, ma semplicemente ignorata). E, tuttavia, ci sembra di avere fornito, con questo sforzo, un utile promemoria di opinioni ortodosse, ma, soprattutto, eterodosse, partendo dal quale dovrebbe essere possibile avviare un costruttivo confronto.

copertina 100 tesi (1)

INDICE 100 TESI PER L’EUROPA

1. Il 2014 è un anno decisivo
PARTE PRIMA: L’IDENTITA’ EUROPEA 1
2. Non è possibile alcun’ integrazione dell’ Europa senza un’
Identità Europea
3. Ripartire dai Padri Fondatori.
4. Non c’è alternativa all’ Europa
5. “Le critiche nei confronti della UE non sono affatto antieuropee,
al contrario.”(Schulz)
6. L’Europa deve fare i conti con la propria storia
7. La storia d’Europa non è univoca
8. La repressione della Privacy deriva dall’Equilibrio del Terrore
9. Il mondo si sta difendendo contro l’omologazione tecnocratica.
10. L’EUROPA NON PUÒ ESSERE SOLO ECONOMIA
11. L’Europa rischia di divenire uno Stato totalitario
12. L’ idea di “Occidente” è una sintesi di integralismi messianici
13. L ‘Europa Globalizzata è sostanzialmente nemica della Pace
Perpetua
14. Prendere atto della decrescita.
15. Il ”Nord del Mondo” potrebbe (e dovrebbe) integrarsi, sì, ma su
un piede di parità.
PARTE SECONDA: PROPOSTE PER LA NUOVA LEGISLATURA
I. ACCELERARE L’INTEGRAZIONE EUROPEA

16. Il Movimento Europeo deve tornare a costituire la forza
propulsiva dell’ integrazione .
17. Chiarire nuovamente i rapporti tra Federalismo e Movimento
Europeo .
18. I Partiti Europei devono divenire parte integrante del
Movimento Europeo
19. Il “Semestre Italiano” dovrà darsi obiettivi strategici .
20. Semplificare e razionalizzare l’ “Europa a Cerchi Concentrici”
21. Sì alla leadership dei grandi stati Membri, no alla
rinazionalizzazione.
II. I “PRIMI CENTO GIORNI” 71
22. Coniugare progetti strategici e azioni immediate
23. Occorre fin d’ora una Presidenza forte
24. Urge una sede indipendente di riflessione .
25. Per la Politica Estera e di Difesa, occorrerebbe, inoltre, una
“Cellula di Riflessione” specifica.
26. Sottoporre ad attento scrutinio i nuovi trattati di libero scambio.
27. Occorrono investimenti d’urgenza “di qualità” / ”Intelligenti”
senz’attendere un nuovo (per quanto necessario) quadro di politica
economica europea.
28. E’ possibile e auspicabile un progetto urgente per le Alte
Tecnologie.
29. Un mandato non convenzionale al Presidente .
30. Un progetto d’urgenza per la cultura, il turismo e l’agricoltura,
destinato prioritariamente ai mercati dei BRICS .
31. Un mercato del lavoro basato su diritti, formazione, contratti a
lungo termine

PARTE TERZA: OBIETTIVI DI MEDIO-LUNGO TERMINE
I. LA RIFORMA DELLE ORGANIZZAZIONI
INTERNAZIONALI
32. Una lobby europea
33. Il federalismo mondiale non è un mondo angelico
34. Le Nazioni Unite dovranno “cambiare pelle”
35. La NATO e l’OCSE potrebbero costituire una Confederazione
Paneuropea .
36. Il Consiglio d’Europa potrebbe divenire la “Federazione fra le
Tre Europe”
37. L’Unione Europea dovrebbe tornare a chiamarsi “Comunità
Europea”.
II. IL PRINCIPIO DI SUSSIADIRIETA’
38. Attuare l’ Europa delle Regioni
39. Contrastare la “rinazionalizzazione” .
40. Le Macroregioni Europee dovrebbero definire aree omogenee,
che partecipino al governo dell’Europa.
41. Sfruttare tutte le potenzialità delle Euroregioni .
42. Rafforzare le Regioni, le Città e le campagne. .
III. LO “SPIRITO DELLE LEGGI” EUROPEE
43. Ribadire con chiarezza i diritti costituzionali.
44. La laicità è una conquista del Cristianesimo, e dev’essere quindi
con esso compatibile
45. Combattere l’omologazione del progetto postumanistico
46. Giuridicizzare il Principio di Precauzione.
47. Il disarmo in Europa come sottoprodotto del Controllo delle
Tecnologie

48. La forza dell’economia europea: il solidarismo.
IV. UN’AUTENTICA LOTTA PER I DIRITTI
49. Più modestia in materia di diritti
50. Le Dichiarazioni dei Diritti non sono “universali”, bensì
“subcontinentali” (Montaigne, Pascal, Montesquieu, Boas,
Benedict, Herskovits):
51. La Carta Europea dei Diritti: un’erosione dei diritti
costituzionali novecenteschi
52. Tornare a una politica di piena occupazione
53. Le Politiche sociali non possono ridursi agli “alti salari”.
54. Più che eguaglianza, meritocrazia .
55. L’”esportazione dei diritti umani” sta provocando guerre,
stragi, dittature, integralismi e immigrazione selvaggia.
56. Ripensare l’immigrazione e l’aiuto allo sviluppo .
57. Non confondiamo l’eguaglianza con una “discriminazione a
rovescio” ai danni dell’ “uomo naturale”
58. Il “Deficit di Democrazia” si supera con la partecipazione
59. La libertà di pensiero è minacciata innanzitutto dalla “cultura
mainstream” globalizzata.
60. Attuare il principio della Diversità Culturale
V. LA POLITICA ECONOMICA DELL’ EUROPA
61. Dire la verità sulla crescita
62. Dire la verità sull’ economia mondiale
63. Dire la verità sulle multinazionali.
64 . Eliminare le principali cause della crisi
65. Le ricette che vengono proposte dalle Istituzioni e dal mondo
politico sono inadeguate.
66. Creare finalmente l’ inesistente Politica Economica Europea

67. Occorre una “Programmazione Europea”
68. Dieci, cento, mille Airbus
69. Un “Fondo per lo Sviluppo e l’ Occupazione”?
70. Eliminare l’equivoco dei “Fondi Europei”
71. Speriamo nei BRICS
VI. I SETTORI STRATEGICI EUROPEI
72. Il primo settore strategico è la cultura
73. Una “ cultura europea” è possibile purch’essa sia dialettica .
74. Una politica culturale per l’ Europa
75. Rilanciare la creatività, liberandola dai dogmi pietrificati
76. La cultura quale motore dell’integrazione europea
77. La cultura come motore della Politica Estera e di Difesa Comune
78. Il Fondo Culturale Europeo partecipa alle iniziative culturali ai
vari livelli
79. Creare curricula per preparare i cittadini europei.
80. Favorire la mobilità intraeuropea
81. Evitare l’eccessivo tecnicismo
82. Creare un’immagine dell’ Europa fondata sulla differenza
culturale
83. Puntare sull’“orgoglio europeo”
84. Creare dei “Media Europei”
85. L’Europa deve divenire una destinazione turistica unitaria .
86. Gestire il territorio europeo in modo unitario
87. Unificare le attività sportive .
VII. LA POLITICA ESTERA DELL’ EUROPA
88. Inserirsi nel nascente multipolarismo

89. Prendere atto della “Guerra Senza limiti”
90. Elaborare una dottrina europea della politica estera e di difesa
91. Creare un web europeo .
92. Attuare L’Habeas Corpus Digitale .
93. L’Europa : catalizzatore di un mondo multipolare
94. Non già “Allargamento”, bensì “Completamento”
95. Porre le basi per un Esercito Europeo
96. Coordinare il Servizio Civile con il Volontariato, la “Garanzia
Giovani”, la Politica Estera e di Difesa, la Politica Economica e la
Politica Culturale Europee.
VIII. POLITICA SOCIALE EUROPEA
97. Riprendere la Carta Sociale Europea..
98. Garantire la sicurezza sociale
99. Il diritto sociale:uno “ius activae civitatis”
100. L’impresa europea si ispira alla “Concezione Istituzionale”