UN BILANCIO DEL SALONE DEL LIBRO DI TORINO 2018

Nonostante le polemiche, è evidente che i Torinesi (e gl’Italiani) sono affezionati al Salone, e vi sono molte forze che si muovono per sostenerlo. Tutto ciò non va visto come un sostegno acritico al “Sistema Torino”. Non v’è dubbio che la riqualificazione della città in senso culturale andava fatta almeno a partire dalla fine del XX secolo, e fatta in modo energico, come in effetti è avvenuto. Del resto, avevo addirittura partecipato all’ elaborazione del programma di rilancio di Tortino come città culturale ai tempi dell’Alleanza per Torino, poi, con il Comitato della Società Civile per Torino Capitale Europea della Cultura. E, tuttavia, si può discutere circa l’efficacia dell’operazione così com’è stata condotta. E’ mancata una cultura specifica della città (un vero “genius loci”, per dirla con Carandini, “il contesto”), che avrebbe permesso di salvaguardare meglio il suo risalente patrimonio culturale: le radici storiche; l’editoria impegnata; il suo valore residenziale di lusso; il carattere cosmopolita, europeo e transfrontaliero….

Prendiamo atto con piacere che i Fratelli Laterza, sempre molto attenti all’impegno civile del Salone, hanno proposto, con una lettera aperta del 17/5/2018, di dedicare il Salone 2019 al futuro dell’ Europa. Tema a cui è dedicata, da 12 anni, tutta l’attività di Alpina e di Diàlexis, e, in particolare, i nostro “Quaderni di Azione Europeista”. Inoltre, sono anni che andiamo proponendo, con altri editori, questo tema. Basti consultare il nostro  sito.Per questo motivo, stiamo cercando consensi fra editori e decisori locali per sostenere quest’autorevole proposta.

Nel Salone 2018, non sono mancati spunti interessanti, e, tuttavia, ne sono evidenti le carenze. Non c’è stato il previsto afflusso di editori esteri; pochissime le novità librarie veramente controcorrente: il solito appiattimento sulla cultura “mainstream”, che, certo, non è colpa del Salone, ma a cui il Salone potrebbe almeno tentare di ovviare; infine, un inutile intasamento che avrebbe potuto essere evitato con un poco più di personale e di aree.

Per quello che ci riguarda, Alpina/Diàlexis ha presentato due novità librarie di cui si sentiva veramente la mancanza: da un lato, quella sul rapporto Europa-Cina; dall’ altra, uno stato dell’arte sull’ evoluzione del modello sociale europeo sotto l’incombere della Società delle Macchine Intelligenti e dopo l’enciclica “Laudato si’.” Hanno partecipato al dibattito istanze qualificate come l’ Università Cattolica, l’ UCID, l’ Ordine dei Giornalisti.

Per chi avesse perduto la presentazione di “DA QIN” e desiderasse comunque ottenere un quadro del libro, vi sarà una seconda presentazione presso “Il Laboratorio”, via Carisio 12, il 24 Maggio, alle ore 18.

Dai discorsi che abbiamo proposto al “Salone Off” sono usciti due progetti concreti: da un lato, quello di un’ opera collettiva sulla Nuova Via della Seta, a cui stiamo  lavorando da molto tempo; dall’ altro, un convegno, da organizzarsi in autunno, sulla partecipazione dei lavoratori nella società automatizzata.

Mentre pubblicheremo in una prossima newsletter il mio intervento  nel secondo dei due dibattiti, Vi invieremo il programma dettagliato della presentazione di  SA QIN presso Il Laboratorio..

Riassumo qui di seguito alcuni degli incontri tenutisi al Salone del Libro, a cui ho assistito, e che  mi hanno colpito per la loro attualità

Presentazione della “Breve storia del futuro” di Jacques Attali

Non avevamo apprezzato molto, a suo tempo,   l’operato politico di Jacques Attali, né l’edizione francese del suo libro.

Quanto al primo, esso era stata purtroppo legata all’ infelice esperienza della Banca EBRD, la quale avrebbe dovuto costituire  il perno intorno al quale avrebbe dovuto girare il rilancio dell’ Europa Centro-Orientale dopo la caduta del Muro di Berlino, ma il cui ruolo è stato, invece, in effetti,  molto modesto, a causa degli eccessivi costi di struttura, delle incertezze delle politiche europee e dei disaccordi con la Russia, la quale ultima è stata, ed è,  tuttavia, il massimo beneficiario dei finanziamenti.

Quanto al libro, non avevo apprezzato il suo eccessivo ottimismo per il futuro tecnologico e globalizzato.

Oggi, Attali sembra divenuto un altro, e questo gli fa onore.

Intanto, è l’unico membro dell’”establishment” ad avere il coraggio di riconoscere senza circonlocuzioni che “tutte le élites hanno fallito”. Tutte, proprio tutte. Detto da uno che ne ha fatto parte come nessun altro, è molto importante, anche perché s’inserisce in una serie di autocritiche da parte di soggetti diversi, da Ichino a Sofri.

Poi, Attali è anche uno dei pochi a riconoscere che, della crisi con l’Europa Centrale e Orientale, destinataria esclusiva dei finanziamenti della EBRD, la colpa è dell’Europa Occidentale, che vuole escludere da se stessa Paesi inequivocabilmente europei come Russia e Turchia. In particolare, Attali, che si occupava all’ epoca proprio di questo, ha testimoniato circa il fatto che, all’inizio del suo primo mandato, Putin era un deciso europeista.

Anch’io, a quell’ epoca, mi occupavo proprio dei rapporti industriali e finanziari con l’ Europa Orientale. A proposito di Putin, voglio ricordare che il 27 marzo 2007, il giorno del 50° anniversario dell’Europa, il Presoidente russo aveva pubblicato, sulla prima pagina de “La Stampa” di Torino, un articolo in cui faceva due affermazioni alquanto impegnative:

-che, in quanto pietroburghese, rivendicava il diritto di essere considerato europeo a tutti gli effetti;

-che, a suo avviso, l’Unione Europea costituiva la più significativa realizzazione politica del XX secolo.

Che cosa ha reso Putin così inviso all’ “establishment” europeo e quest’ultimo così inviso a Putin?

Innanzitutto, l’”arroganza romano-germanica”(Trubeckoj), secondo cui gli Europei Orientali sarebbero “Europei di second’ordine”, quelli che Marx chiamava “i popoli senza storia”, e che quindi non andrebbero associati all’Unione Europea se non in una posizione subordinata. Poi, l’occupazione occidentale dell’Irak nel 2003 senza alcuna motivazione valida (il famoso discorso di Powell alle Nazioni Unite!), e in contrasto con il veto della Russia, della Cina e della Francia, e con l’opposizione della Germania. Inoltre, il fatto di non avere dato seguito alle proposte, rivolte al Parlamento Tedesco, alla Bdi (Confindustria tedesca) e a Romano Prodi, di associare la Russia all’ Europa su un piede di parità. Poi ancora, il sostegno dato, da un certo numero di Paesi europei, all’assalto genocida di Saakashvili contro l’ Ossetia  Meridionale, protetta, su mandato ONU,  dai caschi blu russi. Infine, il colpo di Stato di Kijev, con cui, attentando alla vita del Presidente Janukovich, lo si era costretto alla fuga, instaurando, con il terrore, un regime minoritario che aveva abolito immediatamente tutte le garanzie costituzionali delle importantissime minoranze etniche. E, ancora, le sanzioni comminate per l’annessione della Crimea, annessione richiesta, con il voto del parlamento locale e un referendum, dall’assoluta maggioranza dei cittadini come risposta all’ abolizione, da parte del nuovo regime di Kijev, delle garanzie costituzionali delle minoranze.

Le reticenze dei rivoluzionari storici

Il Salone del Libro ha invitato Adriano Sofri a fare il punto, con Karol Modzelewski e Irena Grudzińska, sul ’68 polacco, pagina poco nota e poco chiara della storia europea, che costituisce, sotto certi punti di vista, una premessa storica di Solidarność. Nel ‘68, i conflitti interni del regime comunista polacco, diviso fra le fazioni dei “revisionisti” e dei “partigiani”, fra gli ambienti ebraici e quelli antisemiti, avevano portato a censurare (parzialmente) la messa in scena a Varsavia di un classico della letteratura polacca, “gli antenati”, del grande scrittore romantico Mickiewicz, che ha, in Polonia, un peso comparabile a quello che hanno in Italia “Divina Commedia” e “Promessi Sposi, ed è, paradossalmente, anche un passaggio obbligato per il teatro innovatore o rivoluzionario in senso stretto e in senso metaforico. Il suo motivo principale è un rituale arcaico di incontro tra morti e vivi, con degli incantamenti e una magia poetica multiforme. Gli Antenati mette in scena tutti gli elementi della tradizione storica “grande-polacca”: l’unione con la Bielorussia, la Lituania, la Lettonia e l’Ucraina, l’influenza delle eresie ebraiche, la russofobia e l’antisemitismo. Per questo, dopo centocinquant’anni, la rappresentazione de “gli Antenati” poté sollevare, nella Polonia comunista, passioni così forti, e, in particolare, scatenare la rivolta studentesca.

Karol Modzelewski, che, insieme a Jaczek Kuron, un altro futuro leader di Solidarność e animatore dei moti del ‘68, sarà condannato, in seguito, a tre anni e mezzo di prigione, è oggi un apprezzato storico medievale, il quale, guarda caso, si occupa proprio degli antenati dei Polacchi, e, in generale, del “Barbaricum”, quella ben poco nota area dell’Europa antica che andava dalla Galizia spagnola agli Urali degli Sciti. Nel suo libro “l’Europa dei Barbari”, Modzelewski ha dimostrato l’unità dei costumi di Celti, Germani, Slavi, Balti e Ugrofinni, che, tutti insieme, nelle radici dell’ Europa d’oggi, hanno un peso non inferiore a quello dei Greci, dei Romani e degli Ebrei.

Nonostante sia stato da me sollecitato in tal senso, Modzelewski non ha mostrato una grande volontà di illustrare il nesso (a mio avviso molto forte) fa quella drammatica rappresentazione de “gli Antenati” e il suo attuale impegno di storico nazionale in una Polonia in cui, come allora, le diverse radici del Paese costituiscono una fonte inesauribile di conflitti.

Ichino spiega, con la propria autobiografia, la parabola politica della borghesia comunista

Pietro Ichino, ben noto come giuslavorista e parlamentare impegnato nella riforma del diritto del lavoro, ha presentato un suo libro radicalmente autobiografico, in cui racconta la parabola storica di una classe dirigente italiana che ha usato la sua superiore cultura per superare senza intoppi e senza traumi le diverse fasi della vita italiana: dall’ “accumulazione originaria” da parte dell’alta borghesia, alle continuità rappresentate dal fascismo, alla socialità di matrice cristiana, all’ egemonia culturale marxista, fino all’attuale fase di qualunquismo generalizzato. Come scrive Olimpia Ammendola sul “Roma” di Napoli, ”Ebbene questo libro chiarisce molte cose e fa capire come certe degenerazioni sono cominciate molto tempo fa, negli anni ’70-’80, quando abbiamo confuso disciplina e obbedienza, unità e annullamento delle differenze, eguaglianza e appiattimento. Ma quello che ha condannato la sinistra a essere una forza residuale è stato il suo ritenersi superiore, diversa, portatrice di una missione storica di salvezza. A ben vedere una visione per nulla laica della politica e della funzione di un partito e di un sindacato”.

Come scrive la Ammendola, “Il libro di Ichino getta una luce sulla generazione che ha vissuto le speranze e il disincanto del secondo Novecento, ma è una luce non abbagliante, è piuttosto del meriggio, quasi umbratile”.

Il “Brave New World” tecnologico.

Di questo tema scottante hanno parlato i giornalisti Francesco De Filippo e Maria Frega, che hanno raccolto, nel libro “L’età ibrida”, le interviste con vari scienziati italiani circa il futuro tecnologico del mondo.

Alla presentazione al Salone del Libro era presente uno degl’intervistati, il Prof. Piergiorgio Strata, il quale ha segnalato un problema molto concreto: lo squilibrio fra, da una parte, i progressi nella cura del cancro, e, dall’ altra, quelli, molto più modesti, nella cura dell’Alzheimer, il che condurrebbe in breve tempo, a detta del professore, a un incremento esponenziale di persone anziane relativamente sane, ma con un funzionamento mentale deficitario. Come in tutti gli altri campi, le “magnifiche sorti e progressive” si annunziano foriere non già di soluzioni, bensì sempre nuovi problemi.

Quest’idea di una società decerebrata rende bene, in forma simbolica, il nocciolo della nostra polemica della tecnica scatenata come decadenza dell’umano.

I cinquant’anni di Romano Guardini

Le Edizioni Morcelliane hanno commemorato Romano Guardini a 50 anni dalla morte. Il tema prescelto è stato “Romano Guardini e l’Europa”. Silvano Zucal, che ha presentato l’opera del filosofo italo-tedesco, ha dato particolare enfasi al ruolo da esso attribuito all’Europa nell’ affrontare la questione della tecnica, tema rispetto al quale Guardini ha fatto passi in avanti rispetto a Heidegger e Heidegger, ch’egli giudicava eccessivamente pessimisti.In effetti, Guardini riteneva che si dovesse preparare una nuova umanità, capace di non sogggiacere alle forze scatenate, ma capace di ricondurle  nell’ ordine. Tuttavia, secondo il nostro Autore, “dire a questo proposito cose più esatte, senza cadere nella fantasticheria, è difficile” 

 

 

E’ USCITO IL NUOVO NUMERO DELLA COLLANA “QUADERNI D’AZIONE EUROPEISTA”

DISPONIBILE DA OGGI IN BROSSURA E E-BOOK (STREETLIB)

Pag 370  € 24,00     –       E-book  €6,99
Il sempre crescente predominio della tecnica dispiegata, che si manifesta innanzitutto sotto la forma della disoccupazione tecnologica, rende oramai inevitabile un controllo rafforzato, da parte di tutti gli stakeholders, sulle interrelazioni fra l’ uomo e la macchina, con approcci nuovi, tanto rispetto alla vecchia contrapposizione lavoro-capitale, quanto nei confronti di concezioni formalistiche della partecipazione dei lavoratori che sono oramai  sempre più incompatibili con i nuovi aspetti dell’ organizzazione del lavoro.
Il modello sociale europeo e il pensiero sociale cristiano, spregiati e negletti negli ultimi decenni, potrebbero fornire, meglio ancora che non i paradigmi pragmatistici e post-umanistici oggi in voga, idee innovative, fondate sul rinnovamento e il potenziamento dell’umano a partire dall’ irriducibile libertà e imprevedibilità della persona. La critica, da parte dell’Enciclica “Laudato sì”, delle “colonizzazioni culturali”, e le formule di partecipazione nell’impresa collaudate da decenni in Europa Centrale, forniscono basi concettuali da cui partire.
Il libro costituisce un tentativo di sintesi fra discipline troppo spesso disgiunte, quali la teologia, la storia del diritto e dell’economia, le relazioni industriali e la cibernetica.

 

 

E’ USCITO IL n.1 DEL 2015 DEI “QUADERNI D’AZIONE EUROPEISTA”: CORPUS JURIS TECHNOLOGICI

E’ USCITO IL n.1 DEL 2015 DEI “QUADERNI D’AZIONE     EUROPEISTA”:              CORPUS JURIS TECHNOLOGICI

Per un Trattato Internazionale sul controllo delle nuove

copertina Corpus Iuris (1) copia 

Negli ultimi giorni, non fanno che uscire sempre nuove “edizioni speciali” sul tema della Rivoluzione Informatica e del suo impatto, anche immediato,  sull’ Umanità. L’Associazione Culturale Diàlexis può vantarsi di essere stati fra i primi a portare questa materia all’ attenzione generale (“L’Habeas Corpus Digitale, Quaderni di Azione Europeistica, n.1-2014” e “Restarting EU Economy via Knowledge-Intensive Industries, n. 4-2014) .

Per questo, abbiamo appena pubblicato, con la Casa Editrice Alpina, un nuovo Quaderno dedicato a un tema ancora più puntuale: Corpus Juris Digitalis – Quaderno n. 1-2015, che è sostanzialmente l’intervento dell’ Associazione Culturale Alpina nella consultazione  telematica lanciata dalla Camera dei Deputati sulla “Costituzione del Web”.

Un Trattato Internazionale sul Controllo delle Nuove Tecnologie.

Il nostro e.book, come tutti quelli che l’hanno preceduto, non vuol essere una semplice esercitazione letteraria, bensì aspira a costituire un’azione politica concreta.

In questo caso, si è trattato del fatto che la Camera dei Deputati italiana, contemporaneamente a quella francese, sta tentando (a nostro avviso troppo flebilmente), di dare attuazione a quell’ampio, seppur vago, programma di azione legislativa a cui il Parlamento Europeo aveva voluto dare avvio con la sua Risoluzione del 12 Marzo 2014, con la quale esso aveva anche indicato  una specie di cronoprogramma per le varie istituzioni europee e nazionali   (quello che avevamo chiamato “l’Habeas Corpus Digitale”)

Tale programma non viene, a nostro avviso, messo in opera. Al contrario, le varie Istituzioni che sarebbero chiamate ad attuarlo, non solo perseverano negli atteggiamenti antigiuridici del passato, non solo non hanno adottato in tempi tecnicamente utili i provvedimenti promessi per rimediarvici, ma anche, e addirittura, continuano ad approvare emendamenti che svuotano ulteriormente i diritti dei cittadini, incrementando invece quelli dei sistemi di sorveglianza e delle multinazionali del Web.

 

 

Mappatura dei principali rischi informatici

FENOMENO RILEVATO IMPATTI NEGATIVI SOLUZIONI PROMESSE PROVVEDIMENTI ADOTTATI INCONVENIENTI
CONSERVAZIONE INDEFINITA DEI DATI Profilazione degli utenti

Controllo dei cittadini da parte di Stati Esteri

Divieto della profilazione

Creazione dei web europeo

Sentenza della Corte di Giustizia UE. Tuttavia, i nostri dati sono negli USA (e forse anche in Cina)

Progetto Quaero (fallito)

Collegamento atlantico col Brasile (si ignorano i risultati)

Le multinazionali del web posseggono un “doppio” di noi, con cui ci condizionano subliminalmente.

I servizi segreti internazionali hanno la mappatura delle opinioni e abitudini dei cittadini

INTELLIGENZA ARTIFICIALE Sostituirà l’uomo in tutte le sue attività Manuale di progettazione robusta pubblicato dal Future of Life Institute Non serve a nulla, come Asimov aveva dimostrato plasticamente con tutta la sua produzione letteraria Perdita di posti di lavoro, spersonalizzazione delle attività umane, “Fine del’ Uomo”
BRAIN PROJECT Permetterà il condizionamento remoto del cervello Potrebbe permettere alle Autorità e/o alle multinazionali di imporre l’unanimità a livello mondiale Nulla Fine della libertà
BIG DATA Consiste nell’ incrociare i dati rilevati a livello mondiale in qualunque memoria artificiale Permetterebbe ai sui detentori di prevedere le mosse di tutti gli altri, dominandoli economicamente o politicamente Cloud europeo Le multinazionali americane lo propongono già come “servizio” alle imprese europee
PROGRAMMI PRISM E ECHELON Permettono ai servizi segreti americani di spiare i cittadini europei Permettono un controllo politico, economico e culturale “No-Spy Agreement” Tutto continua come prima
NANOTECNOLOGIE Permettono di distruggere rapidamente la struttura della materia Sarebbero lo strumento più semplice e rapido per la distruzione del mondo Nulla Ogni Stato prosegue per conto suo
SISTEMI ANTIBALISTICI AUTOMATIZZATI Espropriano completamente gli stessi Alti Comandi delle decisioni sulla pace e sulla guerra, che divengono semplici automatismi Ogni situazione di conflitto può degenerare in pochi secondi senza possibilità di controllo Dialogo sulla difesa antibalistica in Europa  In Europa e nel Mar della Cina siamo in ogni momento sull’orlo di una guerra nucleare

 

La Distruzione dell’Umanesimo è in corso

Infatti, prima ancora che ad una vera e propria distruzione del mondo di carattere militare, tutti ritengono altamente probabile una distruzione dell’ uomo da parte delle macchine. A questo rischio sono infatti dedicati una serie di “Numeri Spexciali” di varie riviste politico-culturali.

Ad esempio, “Rischi Globali”, pubblicato da Aspenia, in “Transatlantic Watch”, censisce, fra i principali rischi della società contemporanea, il cattivo uso delle tecnologie e il furto o manipolazione di dati, mentre  l’intervento, sulla stessa rivista, di Stefano Cingolani, individua, fra di essi, “sistemi di software intelligenti in grado di eseguire compiti di lavoro della conoscenza compresi comandi non strutturati o giudizi” e “sequenziamento genetico rapido e a basso costo, analisi avanzata dei big data e biologia sintetica (“scrivere” il DNA)”.

In queste poche e aride frasi è sintetizzato il rischio, e, direi, anzi, la certezza, della distruzione dell’uomo, o, meglio, di quella concezione di uomo alla quale, nonostante i dissidi ideologici, religiosi e di civiltà, eravamo stati tutti educati. Questo tipo di uomo era mortale (come Gilgamesh), imperfetto (Umano, Troppo umano!), sessuato (Adamo ed Eva), identitario (i Montecchi e i Capuleti), radicato (la Terra Promessa), differente (Derrida), cetuale (Marx), conflittuale (Eraclito), gerarchico (Confucio), religioso (Duerkheim), individuale (Stirner), razionale (Cartesio), laico (“Libera Chiesa in Libero Stato”.

La Società del Controllo Totale in cui viviamo ha già svuotato la sessualità, trasformandola in un “optional”, ha posto in dubbio l’identità,  distrutto i ceti, criminalizzato le gerarchie e omologato le religioni un un’unica Religione della Scienza (o di Internet); sta fondendo tutte le individualità nel “General Intellect” del web e concentrando la ragione fuori dell’ uomo (il “cloud”,i “big data”). Ha riunificato religione e politica nel Culto della Rete. In definitiva, ci ha tolto ciò che Leonida e Catone, Foscolo e Croce, Stewart Mills e Gandhi , avevano chiamato “Libertà”.

Si annunzia ora, già nei prossimi mesi, l’avvio la Società delle Macchine Intelligenti, ove resta in pratica acquisito che ciascuno di noi può essere “profilato” “a tappeto” (alla faccia dei Codici sulla “Privacy”, anzi, grazie ai provvedimenti legislativi vigenti e ai loro successivi peggioramenti), in “server” centralizzati  di Stati e di multinazionali stranieri, ove tutta la nostra vita viene trasformata in un “file”, da cui estrarre messaggi personalizzati da inviarci quotidianamente per orientarci nel senso voluto dal sistema. Fra breve, i nostri uffici pubblici, i nostri ospedali, i nostri veicoli, verranno gestiti da un’unica grande macchina centralizzata, che, per “prevenire” l’errore umano, ci toglierà ogni forma di “privacy” e di autonoma scelta. Contemporaneamente, i nostri organi, deboli e difettosi, verranno sostituiti da protesi finché non rimarrà  neppure più un “pezzo” originale.

Nei prossimi anni, la “Società delle Macchine Spirituali” condizionerà i nostri corpi e i nostri cervelli, in modo tale che, alle nostre naturali inclinazioni, mortali, imperfette, patologiche, talvolta violente e criminali, vengano sostituite inclinazioni regolari, omogenee, utili al sistema.

Per il prossimo decennio, si annunzia il “back-up” di tutti i nostri “files”, dentro un’enorme cloud” -“Big Data”-, evitando così ogni inutile dispendio di energia. Subito dopo, con un comando tipo “antivirus”, si ordinerà la cancellazione dai nostri “files” di tutto ciò che è imperfetto o incompiuto. E, quindi, non resterà più nulla. Neanche dei “Big Data”, che, in ultima analisi, erano alimentati dall’ infinita materia prima della  storia e dalla memoria umana.

Temiamo intanto che, come spesso accade, la generalizzazione di un  tema porti a sottovalutarne, da un lato, la portata rivoluzionaria, e, dall’ altro, la capacità di mobilitazione del tema stesso ai fini di un riscatto più generale dell’ attuale società, e dell’ Europa in generale, dall’attuale stato di decadenza spirituale, etica, politica, economica, geopolitica e creativa.

Leonida contro Serse

La ragione prima di questa vicenda è da ricercarsi, a nostro avviso, nel conflitto fra due tipi di profezia.

Nel racconto che  Erodoto fa della vicenda di Leonida, l’oracolo gli risponde che, se il Re degli Spartani si salverà nella prossima battaglia, scompariranno Sparta e la libertà dei greci, mentre, se il re di Sparta morrà in battaglia, eterna sarà la gloria e la libertà della Grecia e di Sparta. In pratica, gli Dei lasciano l’uomo libero di scegliere, pagandone il prezzo. Orbene, Leonida, fedele alle “Leggi non scritte” della sua terra, si accinge quasi lieto a morire in battaglia, per influenzare il corso della storia nel senso da lui volutoi: la Grecia vince, e la sua cultura arriva fino a noi.

Al contrario, Serse, che non avrebbe voluto la guerra contro la Grecia, e che avrebbe poi pianto vedendo attraversare al suo esercito l’ Ellesponto, si lascia convincere da un raggiro dei Magi che gli Dei vogliano  che la Persia conquisti l’ Europa, affinché la Persia confini con il Paese degli Dei. Ideologia questa che si ritrova in tutto lo zoroastrismo e sarà ripresa da tante ideologie provvidenzialistiche,   non ultime delle quali quelle modernistiche e postumanistiche che ora ci minacciano. Serse segue le fallaci profezie dei Magi e si ritrova sconfitto. Purtroppo, oggi dei nuovi Magi vanno riproponendo ai nuovi principi lo stesso tipo di illusione. Di questi Magi fanno parte forse i leaders dell’ ISIS, ma sicuramente ne fanno parte i vertici delle Multinazionali dell’ Informatica, che stanno costruendo, come ha detto il Sommo Pontefice, degli “Imperi Sconosciuti”.  

Le due prospettive che Erodoto descrive per Leonida e Serse si aprono anche ai nostri contemporanei. O combattere, e magari perire, per difendere la nostra civiltà, o farsi travolgere comunque sconfiggere da un movimento che pretende di trascendere le nostre personalità e di trascinarci verso un destino ineluttabile, anche se descrittoci come luminoso, così come i Magi avevano fatto credere a Serse.

3 -2014 – UCRAINA 2014: No a un’inutile strage

copertina Ucraina (1) nuova

Disponibile in formato E-book su Ultimabooks (clicca qui)

La crisi apertasi in Ucraina con la rivolta di  Kiev sta mettendo in moto una spirale di conflitti e di violenze che, cumulandosi con una situazione internazionale sempre più pesante, potrebbe innescare una vera e propria guerra mondiale.

L’Unione Europea, che ha il merito di aver contribuito, negli ultimi sessant’anni, al mantenimento della pace in Europa, si sta rivelando, anche a causa di certi suoi limiti, sempre meno all’altezza di far fronte ai compiti via via più impegnativi che la storia e i suoi stessi cittadini sembrerebbero attribuirle.

L’atteggiamento preconcetto verso i popoli europei orientali, l’arroganza di chi non vuole riconoscere i propri errori, e l’ansia di compiacere a tutti i costi gli alleati, stanno impedendoci di vedere ciò che accade sotto i nostri stessi occhi, sicché, anziché  comprendere le eccezionali opportunità di questo momento storico, rischiamo di trasformarle colpevolmente in gravissimi rischi.
L’Unione Europea quale la vediamo oggi non ha purtroppo alcun progetto per il futuro proprio, dell’ Ucraina e/o della Russia, lasciando semplicemente che si scontrino, in terra europea, i progetti altrui.

Salvare l’Europa dall’ Euroscetticismo significa anche studiare, dibattere, costruire, difendere, una nuova forma dell’integrazione dell’Europa, che, né si arresti, come vorrebbero gli Euroscettici, né prosegua all’impazzata, bensì trovi il suo  naturale completamento in una confederazione “da Brest a Vladivostok”, come l’avevano immaginata, fa gli altri, personaggi diversissimi fra di loro come Blok, De Gaulle, Gorbaciov e Mitterrand, e come sarebbe in realtà già perfino spirito istitutivo implicito nelle organizzazioni internazionali regionali, dall’OCSE, al Consiglio d’ Europa, al Partenariato UE-Russia e al Consiglio NATO-Russia.

Il presente e.book ha l’ambizione di “cantare fuori  dal coro”, presentando voci non conformiste, che pongono in evidenza fondamentali, anche se misconosciuti, aspetti del rapporto Europa-Russia-Ucraina

 

 

 

 

4 – 2014 RESTARTING EU ECONOMY

 

copertina Economy (1) per sito

E-book in vendita su Ultimabooks (http://www.ultimabooks.it/restarting-eu-economy-via-knowledge-intensive-industries)

The new Parliament and the new Commission have been appointed in a moment when Europe is undergoing an unprecedented decline, which, probably for the first time, shows itself in  full evidence, producing its effects on economy, society and politics. The debate under way about the new Commission and its program starts from the Resolution of the European Parliament of 12 March 2014 and the priorities set by President Candidate Drucker, indicating a central role of ICT for the future of freedom and employment in Europe.

Associazione Culturale Diàlexis, an association aiming to diffuse the
knowledge of Europe in the North West of Italy, and of the North West of Italy in Europe, is participating to the opern consultation launched by President Candidate Juncker in his website about his proiorities. The document which we present in this Paper is the text which has been submitted to President Designate Juncker, as well as the Presidents of the Union, Tusk, the High Commissioner for Foreign and Defense Policy, Mogherini, Commissioner Öttinger and the chairman of the European Investment Bank, Hoyer.

It has the ambition to become an instrument of debate in this moment of profound reflection about the future of Europe, outlining an alternative vision of Europe’s economy, rejecting both free-trade and post-marxist approaches, and  trying to reevaluate traditional European economic thought, such as the ones, for instance, of Hilferding, Kalecki, Schumpeter and Servan- Schreiber.

Albeit taking very seriously the efforts of European Institutions to
overcome outdated points of view, such as Western self-complacency and puristic monetarism, the authors  criticize also  the insufficiency of the recent Institutions’ approach, including the limitation to ICT, the central role of Member States, the acceptance of a subordinate role vis-à-vis the US even after the DATAGATE.

They propose a brand new approach, based upon the centrality of UE Institutions, an operational planning, an overall European  Knowledge Intensive Industries Policy, a European Web.

 

 

 

 

 

2-2014 – 100 TESI PER L’EUROPA

copertina 100 tesi (1)

Acquista ebook

Le Elezioni Europee 2014 e il Semestre Italiano costituiscono uno snodo fondamentale per l’ evoluzione dell’ Unione Europea, a causa del loro coincidere con eventi fondamentali per la storia del Continente:

– la crisi ucraina;
– l’avanzata senza precedenti dell’Euroscetticismo;
– l’approvazione, da parte del Parlamento Europeo, dell’Habeas Corpus Digitale.

Di fronte  a questi nuovi trend, l’establishment culturale e politico  appare impreparato.
Il dibattito sulle elezioni europee non appare quindi focalizzato sui veri problemi dell’ Europa.
La nuova realtà multipolare, l’approssimarsi della “Singularity” e l’insofferenza degli Europei per la loro condizione presente  richiederebbero, da parte della cultura e della politica, una risposta di ben diverso spessore.

L’Associazione Culturale Diàlexis, che ha l‘obiettivo di fare conoscere l’Europa nell’ area delle Alpi Occidentali e, in Europa, la cultura di queste ultime, prosegue i suoi “Quaderni di Azione Europeista” con questo instant book dedicato alle grandi questioni che l’ Europa affronterà durante questa legislatura, alle posizioni di partiti e candidati, alle possibili soluzioni.

L’obiettivo è quello di aprire un dibattito a tutti i livelli.

1-2014 – L’HABEAS CORPUS DIGITALE

copertina Habeas (1)

Acquista ebook

L’adozione, il 12/3/2014, da parte del Parlamento Europeo, dello Habeas Corpus Digitale, segna una fondamentale svolta nel discorso politico del nostro Continente, in quanto, per la prima volta:

– si manifesta, da parte di un’ Istituzione Europea, una presa di posizione proattiva di fronte alla rivoluzione digitale in corso,  non occultando le principali aree di conflitto e  proponendo un dettagliato e articolato programma di azione;

– si prende ufficialmente posizione circa tali aree di conflitto quali la protezione internazionale dei dati, lo spionaggio elettronico, il Trattato Transatlantico sulla Protezione degli Investimenti, il Web Europeo, l’industria elettronica europea,  l’esigenza  di favorire la nascita di una cultura digitale.

Questo “instant book” ha l’obiettivo di rendere conto, in contemporanea  con le Elezioni Europee, con il  Semestre Italiano e con l’elezione dei nuovi organi esecutivi, dello stato di avanzamento dei vari dossier trattati dall’ Habeas Corpus, inserendoli nel più ampio quadro dei lavori sullo stesso argomento di altre Istituzioni internazionali e delle trattative fra i Governi miranti a disciplinare questa decisiva e controversa materia.

Esso si rivolge  perciò a un pubblico trasversale di cultori di economia europea, di  politiche del web  e di  scienze strategiche, nonché agli operatori europei del settore, per  contribuire a formare un’opinione pubblica specializzata in materia.

Un elemento di particolare interesse è costituito dal testo appena approvato dell’ Habeas Corpus Digitale  e della Risoluzione delle Nazioni Unite sulla tutela della privacy nell’ era digitale.