DA QIN

Già gli antichi Cinesi avevano intravisto una forte analogia fra il primo grande Impero Cinese e l’impero Romano, tanto che avevano chiamato quest’ultimo “DA QIN”(“Grande Cina”). In effetti, come afferma Wang Weiwei, la Cina di oggi è quello che sarebbe l’Impero Romano se fosse rimasto unito, uno “Stato-civiltà” come la Cina e l’India.

Per questo, in un momento in cui i vizi originari dell’Unione Europea (subordinazione al progetto tecnocratico occidentale, funzionalismo, poliarchia) stanno rendendo sempre più impossibile all’ Unione Europea di svolgere i compiti di un grande Stato del XXI Secolo, provocando una decadenza generalizzata delle sue società, risulta improrogabile mobilitare tutte le risorse concettuali possibili per trovare soluzioni alternative per la governance in Europa, atte ad invertire la rovinosa rotta imboccata, e riportando i paesi d’ Europa sulla strada della costruttività, dell’armonia, dell’ entusiasmo, della costruzione fiduciosa del’ avvenire. In questa ricerca, non sii possono non considerare le strade percorse, da un lato, dall’India, e, soprattutto, dall’ altro, dalla Cina, due grandi civiltà antiche almeno quanto la nostra, che, nel corso di un secolo, sono riuscite a passare, dalla massima abiezione (quando a Shanghai era scritto: “accesso vietato ai cani e ai Cinesi”) fino a raggiungere il vertice mondiale nel campo dell’intelligenzatecmologica e del potere economico e politico.

Anno di pubblicazione 2018

L’EUROPA SULLE VIE DELLA SETA

con prefazione di S. E. Alberto Bardanini

Al centro della presente fase della storia mondiale si situa la sfida all’impero americano dei popoli eurasiatici, che, prima della Seconda guerra mondiale, avevano dominato lo scenario della storia mondiale, e che invece, a partire dall’ invenzione della bomba atomica, erano stati mantenuti in uno stato di larvata soggezione. Dopo la caduta del muro di Berlino, possenti forze tradizionali prima rimaste latenti, come l’Islam politico e il nazionalismo russo, sono riemerse rivendicando un loro spazio nella storia del mondo. Il massimo vincitore di questa sfida risulta essere però la Cina, da sempre il più antico e il più grande agglomerato sub-continentale, la quale, dopo il secolare decadimento seguito alle Guerre dell’ Oppio, ha rapidamente riconquistato la sovranità, la salute economica, e, alla fine, anche l’assertività politica necessari per pretendere di assurgere a un rango almeno pari a quello degli Stati Uniti.

In questo contesto, il progetto di una Nuova Via della Seta, carezzato, ma mai attuato, dalle varie potenze occidentali, è stato ripreso proprio dalla Cina, che lo sta proponendo ai Paesi dell’ Eurasia, come un modello di sviluppo alternativo a quello americano. L’adesione, seppur tentennante, dei popoli europei, a questo progetto, culminata nella firma, da parte dell’Italia, nel 2019, del Memorandum sulla Via della Seta, è stato un momento culminante del conflitto in corso.

Il libro fornisce “una fotografia” dei rapporti fra Cina ed Europa jn attesa della firma, attesa da dodici anni, del Trattato sulla Protezione Reciproca degli Investimenti.

Data di pubblicazione 2019

Prezzo € 20,00 ISBN 978-88-95657-20-2

THE MEDITERRANEAN AND THE HEALTH SILK ROAD

Terza opera della collana “Evrazija-Avrasya” essa tocca un tema di bruciante attualità , che sconvolge la politica mondiale: quella che l’ Alto Commissario europeo per la Politica Esterna e di Difesa, Josep Borrell, ha definito come “battaglia di narrazioni” circa la pandemia da coronavirus. Mentre il Presidente Trump insiste nei suoi tweet circa la presunta incidenza del preteso ritardo cinese nel descrivere esattamente al resto del mondo l’inizio dell’epidemia, la Cina (secondo Trump per nascondere l’origine cinese del virus), insiste sui propri meriti nell’agevole superamento dell’epidemia e sulla superiore competenza del suo sistema in materia di prevenzione delle epidemie e di assistenza internazionale.

In realtà, la competizione fra Est e Ovest in materia sanitaria risale indietro di millenni, alle diverse impostazioni date alla medicina dalle grandi aree del mondo; nello stesso modo, le competenze mediche hanno migrato da un Paese all’ altro lungo le Vie della Seta.

La via della Seta Sanitaria, lanciata nel 2019 dalla Cina in collaborazione con l’Organizzazione Mondiale della Sanità, s’inserisce nella Belt and Road Initiative accanto ad una Via della Seta Terrestre, una Via della Seta Artica, una Via della Seta Culturale, una Via della Seta Digitale…

Data di pubblicazione 2020

Prezzo 25,00 ISBN 978-88-95657-14-1