Archivi tag: Asia Europe Meeting

Osservazioni a margine del vertice ASEM di Milano (16-17 ottobre)

Osservazioni a margine  del vertice ASEM di Milano  (16-17 ottobre)

(pubblicato su Articolo 3 Quotidiano online – clicca per leggere)

europa-eurasia

E’ senz’altro significativo che, proprio durante il “Vertice ASEM” di Milano, a cui hanno partecipato ben 58 Capi di Stato di tutta l’ Eurasia (ospiti del Presidente Napolitano), si siano verificati due fatti d’importanza fondamentale:

a)l’ennesima crisi finanziaria greca;

b)la firma di ben 20 accordi commerciali fra Italia e Cina, che fanno seguito a quelli (altrettanto numerosi) stipulati nei giorni precedenti da quest’ultima con Germania e Russia (costituendo, nel loro insieme, n vero e proprio “piano di salvataggio” dalla crisi in cui ci ha gettato la guerra commerciale con la Russia).

Essi hanno in comune il fatto di mettere, finalmente, in evidenza quanto l’Europa dipenda ormai dalle economie dell’Asia. A causa di un declino politico oramai secolare, i termini dello scambio si sono invertiti rispetto al secolo scorso: non è più l’Europa a dirigere l’ Asia, bensì è questa a condizionare e influenzare l’economia europea.

pechino

1.Tienjin, da Roma a Pechino

Basti vedere, ad esempio le mappe dell’ex dipendenza italiana di Tian-Jin di un secolo fa e oggi. Allora, ,vi erano le “Concessioni” degli Stati Europei, compresa l’ Italia, dove le vie si chiamavano “Corso Fiume”, “Corso Vittorio Emanuele III”, “Via Roma”, “Banchina d’Italia”, “Banchina Giapponese”, mentre oggi Tianjin è una città di 15 milioni di abitanti, parte integrante della conglomerazione metropolitana della nuova Pechino, e da sola più grande e ricca di qualunque città europea. La confinante Municipalità di Pechino ha 13 milioni di abitanti. In totale, 28 milioni.

tianjin

2. Le forze dell’Asia, le debolezze dell’ Europa

L’attuale forza dell’ Asia non ha costituito per noi una sorpresa. Non avendo noi mai sottovalutato lo studio delle culture orientali, sappiamo che, durante tutta la storia mondiale, la Cina e l’ India hanno costituito da sempre le aree più popolose e più ricche del pianeta. Marco Polo, Cristoforo Colombo, Matteo Ricci, Leibniz e Voltaire erano semplicemente abbagliati dalla grandezza, soprattutto culturale, della Cina. Jones, Schopenhauer, Steiner, Guénon, additavano, nell’ India, la fonte della salvezza dell’ Umanità.

In primo luogo, le radici culturali ed etniche degli attuali Stati asiatici si perdono nella storia di imperi millenari, come quelli cinese, giapponese e persiano. Questo rende ora meno faticoso, per loro, che non in Europa, la ricerca di forme di aggregazione per grandi aree omogenee, cosa oramai urgente per infiniti motivi, e di cui l’Unione Europea costituisce un non irrilevante esempio.

Infatti, sussistono ancora, in Asia, tradizioni culturali e sociali di grande continuità e compattezza, come quelle dei Popoli delle Steppe, del Mandarinato, dei Veda, del Sān Jiăo, dell’Islam. Questo fa sì che certe grandi aree, come le attuali Cina, India e Medio Oriente, che raggruppano ciascuna più di un miliardo di abitanti, avvertano, spontaneamente, un senso di intima unitarietà, che, da noi in Europa, è più difficile ottenere, fra piccoli Stati, come i nostri, che hanno pur essi, ciascuno, origini almeno millenarie. Qui, c’è, infatti, chi rivendica l’”eurasiatismo”, chi l’”atlantismo”, chi la “disciplina” germanica, chi la “flessibilità” latina.

Soprattutto, in Europa vige una fondamentale incertezza fra “Europa” e “Occidente”, due culture in realtà solo parzialmente sovrapponibili. Il pluralismo dei popoli europei possiede, certo, una sua interna logica dialettica, fondata sulla coesistenza storica fra Medio Oriente (ortodossia), Europa Centrale (Sacro Romano Impero)e Atlantico (protestantesimo). Purtroppo, invece, l’”Occidentalismo”, che vorrebbe sovrapporsi all’ Europa, non accetta questa pluralità. Esso rappresenta, come diceva Huntington, la “dissidenza del dissenso”. Come tale, esso pretenderebbe di imporre una sua forma di omologazione a un’Europa che esso non ha mai accettata. Tale progetto risente della duplicità del discorso pubblico puritano. Mentre questo è tutto fondato su una pretesa controfattuale di eguaglianza, di fatto esso ha costruito, e continua a costruire, il più formidabile sistema gerarchico.

Infine, a nostro avviso, ciò che, contrariamente a quanto vorrebbe fare credere la “vulgata” dominante, ha contribuito, e ancora sta contribuendo, allo spettacolare rilancio dei Popoli dell’ Asia, è proprio il carattere radicalmente conflittuale, non già mascherato da pretese affinità culturali, dei conflitti dei secoli passati. Le Guerre dell’ Oppio, le Rivolte dei Sepoys e dei Boxer, la dissoluzione dell’ Impero Ottomano, le bombe di Hiroshima e Nagasaki, la costituzione dello Stato d’Israele e la Guerra del Vietnam sono state ferite brucianti, che ancor oggi non sono state sanate. Queste ferite hanno contribuito però anche, di converso, all’incredibile volontarismo che è stato alla base tanto delle battaglie di Gandhi, quanto della ricostruzione giapponese, quanto, ancora, della rivoluzione iraniana, quanto, infine, delle riforme economiche cinesi.

Béjart, un incrollabile cantore dei “valori asiatici”, aveva dato una plastica rappresentazione di questa fase epica nel suo balletto “Asia”

moneta romana

3.La Pace Perpetua, un progetto eurasiatico.

L’idea della “Pace Perpetua” tanto citata dall’ establishment europeo, e assurdamente attribuita a Kant, risale in realtà alla tradizione persiana, ed era stata perpetuata dal Sacro Romano Impero e dagli Illuministi. Il primo trattato di “Pax Aeterna” era stato infatti già stipulato nel 532 fra Cosroe di Persia e Giustiniano, e faceva parte di un più ampio progetto di confederazione fra Persia, Impero Romano, Unni Eftaliti e Impero Cinese, di cui Cosroe stesso avrebbe dovuto essere il leader: una situazione non dissimile da quella che sarà poi ipotizzata nell’ idea islamica del Califfato. Si tratta di un primo accenno di organizzazione eurasiatica. Tant’è vero che Crucé, e, poi, Voltaire, in polemica con Rousseau, avevano insistito per l’inclusione di tutti gl’Imperi mondiali, e, in primis, della Cina, nei progetti per la Pace Perpetua.

In effetti, nonostante che fossero state tutt’altro che infrequenti le lotte fra Cinesi, Unni, Persiani e Romani, si era sempre mantenuto, fra di loro, un certo equilibrio, e anche i rapporti culturali e sociali non erano infrequenti, con matrimoni fra Unni e Cinesi, influssi manichei sul Cristianesimo, ecc…I grandi imperi dell’ antichità si riconoscevano reciprocamente una sostanziale omogeneità culturale e strutturale, e anche se qualcuno aveva già in testa di dover unificare il mondo intero sotto il proprio comando, ciascuno rispettava gli altri imperi.

I Cinesi sentivano quest’omogeneità con gli altri imperi a un punto tale che, fino all’ arrivo di Matteo Ricci, sulle loro carte geografiche, l’ Occidente (comprensivo di Impero Romano, Roma, Chiesa Cristiana e Europa) veniva designato collettivamente come “Da Qin”, la “Grande Cina”, perché “Assomiglia al popolo cinese“..”Il Regno di Da Qin si trova a Ovest del mare, e perciò viene chiamato anche Haixi (“Impero d’Occidente”). Esso si estende per molte migliaia di Li. Possiede più di 4000 città fortificate e decine di piccolo regni tributari. Le mura delle città sono di pietra. Hanno, a regolari distanze, stazioni di posta, su strade lastricate e ben manutenute”. C’è da chiedersi se, dopo tanti anni di “austerità”, l’Europa attuale possegga ancora tutti questi requisiti, e se non sfiguri nei confronti della “Nuova Cina”.

Sta di fatto che l’Imperatore Cinese non pretendeva l’omaggio dell’ Imperatore d’Occidente, come invece faceva con molti altri sovrani (compresoi l’Imperatore del Giappone e il re d’Inghilterra e ), e come quest’ultimo pretenderà dai Maharaja nei Durbar dell’ Impero Anglo-Indiano

Infine, Gengis Khan aveva realizzato, nei fatti, una sorta di unità eurasiatica, esaltata da Marco Polo e citata più tardi come modello dal movimento culturale “eurasiatistico”.

Quest’unità culturale dell’ Eurasia era stata messa in evidenza, in Occidente, dagli studi ottocenteschi sui popoli indoeuropei e sui popoli turanici , nonché, alla fine del secolo, dalle diverse mode teosofiche, che avevano avuto una spesso ignorata influenza, anche politica, su movimenti importanti come per esempio le lotte per l’indipendenza del Popolo indiano.

espansione popoli eurasiatici

4.Russia e Eurasia

Là dove l’idea dell’Eurasia è più viva è in Russia. Ciò deriva dal fatto che quel Paese raggruppa una gran parte dei “popoli delle Steppe”, che, nel corso dei millenni, hanno sempre percorso i grandi spazi eurasiatici senza radicarsi in alcuno di essi. La Russia e. poi, l’unione Sovietica, sotto la spinta delle idee moderne di nazionalità, avevano compiuto sforzi nella direzione del “radicamento” (“korenizacija”) di questi popoli, il cui risultato parziale) si può vedere nella costituzione delle “repubbliche”. Tuttavia, in molti casi, quelle nazionalità erano rimaste ”fluide”, come si vede ancor oggi all’ insorgere di conflitti “nazionali” in quell’ area, oltre cha dagl’imponenti flussi migratori nello “spazio post-sovietico”.

Perciò, l’ideologia “eurasiatistica” in Russia è destinata ad essere anch’essa fluida, andando dalle nostalgie monarchiche a quelle sovietiche, dall’idea, tipica della Restaurazione, di un ruolo intrinsecamente conservatore del regno del Nord, all’identificazione dell’Eurasia intera con l’ Impero Russo.

La nascita, nel 2000, di un’Unione Eurasiatica, che si colloca fra le cause indirette della crisi ucraina, ha favorito il consolidarsi di un’identità supercontinentale. A questa ha contribuito anche il trasferimento della capitale del Kazakhstan, da Alma Ata ad Akmola/Tselinograd (oggi, Astana), una città dove a suo tempo Stalin deportava i Tedeschi, ma oggi modernissima e multiculturale, parzialmente centroasiatica e parzialmente europea (russa)

astana

3.Il Vertice di Milano

vertice di milano

L’Asem (Asia Europe Meeting), pur essendo di origine recente, riunisce oramai 58 Stati. La sua costituzione e il suo sviluppo sono rivelatori dell’irrequietezza che serpeggia nel mondo delle Organizzazioni Internazionali in seguito all’ emergere dei Paesi dell’Asia. Ricordiamo, ad esempio, che, subito dopo la fondazione del WTO, era invalsa l’abitudine di riunire, ora, il G7, ora, il G8, ora, il G 20, ora, il G22…Intanto, tanto gli Stati Uniti, quanto la Cina, hanno lanciato l’idea di accordi “parziali”, che “by-passano” la tanto decantata WTO. Finalmente, i membri occidentali del G8 hanno escluso unilateralmente la Russia, creando, così, la confusione più totale.

Risulta ora chiaro che gli stati Uniti erano stati degli accaniti fautori di organizzazioni internazionali universali solo fintantoché essi potevano controllarle ideologicamente, logisticamente e politicamente, ma, una volta che queste organizzazioni hanno saputo garantire a tutti gli attori internazionali una presenza, una visibilità e un’influenza sempre più paritetiche, essi sono diventano meno interessanti per gli Stati Uniti stessi.

Di converso, la Cina favorisce anch’essa lo sviluppo di organizzazioni parziali, ma, questa volta, senza gli Stati Uniti. Ed è questa la lotta diplomatica dominante nei nostri tempi.

Soprattutto, è già aperta è la corsa alla firma di nuovi trattati internazionali in materia di commercio. Già dal 2007, gli Stati Uniti avevano lanciato l’idea del TTIP (“Transatlantic Treaty for Trade and Partnership”), con l’ Europa, e di un parallelo trattato nel Pacifico, escludendone la Russia e la Cina.

Tratteremo in altra sede il “merito” del TTIP.

Ciò che è qui rilevante è che la Cina sta negoziando la UE un altro trattato di protezione degl’investimenti, simile al TTIP, e, contemporaneamente, una raffica di accordi commerciali con singoli Stati membri, che prevedono una rete fittissim d’investimenti finanziari e industriali cinesi in Europa, tale da rendere il nostro sistema finanziario parzialmente dipendente da quello cinese. Quindi, l’obiettivo politico originario del TTIP, che sarebbe stato quello di “Isolare la Cina”, non sembra affatto conseguito.

Resta il fatto che, a nostro avviso, tanto il TTIP, quanto l’accordo con la Cina, “legheranno ulteriormente le mani” all’ Europa nella lotta ch’essa dovrà necessariamente condurre, in tutte le direzioni, per difendere la propria sopravvivenza come Paese avanzato. Ad esempio, c’è da chiedersi se, dopo avere firmato il TTIP e l’ accordo con la Cina, l’Europa potrebbe fare, nel settore di Internet, ciò che ha fatto l’America, cioè sviluppare le imprese ICT con fondi militari e in basi militari, per poi offrirle praticamente gratis ad investitori amici, come per esempio Brin, Page e Jobs, spacciando poi questi ultimi come eroi della piccola e media impresa e del libero mercato, così come brillantemente raccontato da Mariana Mazzucato nel suo ultimo libro, e come da noi ripreso nei già citati e.books.

L’ipotesi più probabile è, quindi, che finiremo, come al solito, “ come i vasi di coccio in mezzo ai vasi di ferro”.

stele