Archivi tag: m istituto italiano intelligenza artificiale

L’ISTITUTO ITALIANO DELL’INTELLIGENZA ARTIFICIALE A TORINO: INSERIRE I CONTENUTI

Il Presidente Draghi ha invitato ad utilizzare utilmente i fondi europei

All’inizio di Agosto, al momento della candidatura di Torino a sede dell’Istituto Italiano per l’Intelligenza Artificiale, avevamo scritto alle Autorità cittadine:

“In vista dell’attesa  Conferenza sul Futuro d’Europa, Diàlexis ha predisposto fin d’ora, come allegato al libro “European Technology Agency”, 5 proposte relative all’implementazione in senso ICT di 5 delle priorità della Commissione, da presentare nell’ambito del Movimento Europeo. Fra queste, rientrano anche un’ Agenzia Tecnologica Europea, un’Accademia Digitale Europea, un’Accademia Strategica Europea e un  Distretto Digitale Italiano (All.5).Il tutto è già stato anticipato ai vertici di tutte le Istituzioni.

Con una proposta diffusa fra i soggetti coinvolti, e, in primo luogo, la Presidenza del Consiglio, abbiamo caldeggiato l’inserimento delle due Accademie fra i progetti italiani per il Recovery Fund e/o il Quadro Pluriennale 2021-2027, nell’ambito di un proposto Distretto Digitale Italiano. In particolare, stiamo sviluppando il progetto editoriale di un libro dedicato alla piattaforma europea, da collocarsi se possibile in Italia. Stiamo  anche per finalizzare un’opera collettiva dedicata all’Umanesimo Digitale.

I nostri progetti presentano un notevole grado di sinergia con il progetto d’ Istituto Italiano per l’ Intelligenza Digitale (raccomandazione n. 38), in particolare per ciò che concerne l’aspetto culturale dell’ intera operazione (Raccomandazione n. 3). E’ infatti nostra convinzione che il punto di partenza per una rinascita tecnologica, e, quindi, economica, dell’ Italia e dell’Europa, sia costituita da una generalizzata riqualificazione culturale (‘Up-skilling’, cfr. Raccomandazione n.16) delle nostre società, non solo dal punto della formazione professionale e della ricerca tecnologica, bensì anche da quello della riflessione culturale e della riorganizzazione della società, che ci faccia passare dall’attuale ruolo di ‘followers’ di USA e Cina, a quello di ‘trendsetters’, come auspicato dalla Commissione.

Le recentissime sentenze della Corte di Giustizia delle Comunità Europee (di cui mi onoro di essere stato funzionario) nei casi C-311/18 (Schrems II) e T-778/16, e T-892/16, (Apple), dimostrano lo scollamento fra  quest’ambizione dell’ Europa di proporsi quale ‘trendsetter del dibattito globale’ e una realtà fattuale in cui le multinazionali tecnologiche possono violare impunemente tutti i sacrosanti principi ‘etici’ invocati dal diritto europeo e contenuti nell’ Appello di Roma per un’Intelligenza Artificiale Etica. Per evitare questo scollamento, occorre lavorare senza esitazioni a tutti i livelli (filosofico, politico, pedagogico, scientifico, politico, tecnologico, economico, industriale, sociale) per fare veramente dell’Europa, come promesso da tempo, ma mai realizzato, l’area tecnologicamente più avanzata, e il baluardo dei diritti digitali dei cittadini.

In questo contesto, il tema dell’ Intelligenza Artificiale,  oggetto del progetto in discussione, occupa senz’altro un ruolo centrale. Tuttavia, ogni azione in questo campo ha senso solo se collocata in un contesto internazionale (un Trattato Internazionale), una strategia europea (l’Agenzia Europea), una filosofia della scienza (Umanesimo Digitale), un sistema economico efficiente ed equo, tutte cose che oggi non si verificano, con le conseguenze che tutti vediamo, come autorevolmente certificato dalla Corte.”

Anche il Presidente Bonomi teme interventi a pioggia

a.La decisione del Governo

Ora, il Governo ha deciso. Torino sarà la sede dell’Istituto italiano per l’Intelligenza artificiale (I3A)  che si caratterizzerà per essere  un vero network e potrà contare  su un organico di un migliaio di persone e su un budget annuale di circa 80 milioni di euro. 

Un ruolo in questa partita l’ha giocato l’Arcidiocesi di Torino e in particolare don Luca Peyron che insegna teologia della trasformazione digitale a Milano e Torino e si occupa di “spiritualità” delle tecnologie, oltre a essere direttore della Pastorale universitaria.

Ha commentato Don Luca:“La grazia è fatta: Torino è capitale Italiana per l’Intelligenza Artificiale. Un sogno, è diventata una profezia.
Ora è una promessa: una promessa al Governo che ha creduto in questo territorio, una promessa a noi stessi di essere all’altezza della nostra storia, una promessa all’Italia di essere traino per tutto il Paese e per l’Europa.

Siamo arrivati in meno di due mesi ad un risultato straordinario grazie ad un processo capace di includere, di ascoltare, di capire, di scommettere, di assumersi responsabilità.

La Vergine Maria ci doni l’umiltà necessaria per continuare a lavorare per il bene comune e mantenere queste promesse per le donne e gli uomini di oggi e di domani.

Ecco la Chiesa di Francesco, sta in mezzo alla gente, per il bene di tutti, generando processi…

Chi è rimasto alla finestra scenda in cortile a giocare con noi!”

A sua volta, la sindaca Chiara Appendino ha scritto su Facebook

“C’è lavoro. Tanto lavoro…Obiettivo dell’Istituto Italiano per l’Intelligenza Artificiale (I3A) – uno dei tasselli principali della strategia definita dal Ministero per lo sviluppo economico (MISE) in ambito AI – è quello di creare una struttura di ricerca e trasferimento tecnologico capace di attrarre talenti dal “mercato” internazionale e, contemporaneamente, diventare un punto di riferimento per lo sviluppo dell’AI in Italia, in connessione con i principali trend tecnologici (tra cui 5G, Industria 4.0, Cybersecurity).
I settori principalmente coinvolti saranno quelli della manifattura e robotica, IoT, sanità, mobilità, agrifoood ed energia, Pubblica amministrazione, cultura e digital humanities, aerospazio”

Don Luca Peyron, l’ideatore dell’ Istituto

b.Il nostro punto di vista

Avevamo comunicato alle Autorità il nostro, più articolato, punto di vista, e soprattutto, il timore che il nuovo Istituto si riveli essere l’ennesimo Ente inutile, attraverso un documento che rendiamo ora pubblico:

“PROGETTO: L’ITALIA QUALE AVANGUARDIA DIGITALE EUROPEA

In relazione, da un lato, all’entità e la destinazione dei fondi europei l’Associazione Culturale Diàlexis sta pubblicando due libri, ‘European Technology Agency’ e ‘European Digital Humanism’, e si è attivata da tempo con le Istituzioni Europee, il Governo, la Regione e la Confindustria, per sollecitare un più serio impegno nel campo della digitalizzazione, come unica via di uscita dalla spirale di decadenza che ha investito l’Europa, ma ancor più l’Italia.

1.Arretratezza europea

Il problema numero uno dell’Europa è costituito dal fatto ch’essa, non avendo sostenuto i primi esperimenti delle sue imprese (Olivetti) e dei suoi Stati (Minitel) in questo campo, è rimasta oramai indietro di parecchi decenni rispetto ad America e Cina, e, in alcuni campi, anche a Russia, Giappone, India, Corea del Sud e Israele. Oggi, essa vorrebbe recuperare, ma si trova ostacolata in mille modi, fra l’altro dalla sua filosofia liberistica, dalla pluralità e litigiosità degli Stati membri, dalla mancanza di un esercito europeo e dalla scarsezza  di gruppi finanziari e industriali pan-europei.

Quest’arretratezza è stata sottolineata negli ultimi anni dai casi Prism e Huawei e dalle due sentenze della Corte di Giustizia delle Comunità Europee Schrems II e Commissione contro Apple, che hanno smentito la presunta coerenza con il diritto europeo di due delle posizioni tenute negli ultimi anni dalla Commissione: il tentativo di eliminare i privilegi fiscali delle multinazionali del web facendo leva sul divieto degli aiuti di Stato e quello di permettere, nonostante la legislazione sulla privacy,  l’immagazzinamento dei dati degli Europei in America attraverso stratagemmi giuridici come il Privacy Shield e le Standard Contractual Clauses.

A nostro avviso, queste arretratezze economiche, tecnologiche e militari sono innanzitutto il risultato di un’arretratezza culturale. Lo sviluppo fenomenale del web in America è avvenuto dopo le ‘Conferenze Macy sulla cibernetica’ subito dopo la IIa Guerra Mondiale, le opere di Asimov e lo sviluppo dell’ ‘Ideologia Californiana’. Nello stesso modo, l’informatica cinese è in gran parte opera di ex ufficiali dell’Esercito Popolare di Liberazione che avevano sviluppato le loro competenze a fini militari, come pure quelle israeliana e indiana.

Le Istituzioni hanno lanciato la parola d’ordine della ‘Sovranità digitale europea’, che, se presa sul serio, presupporrebbe che Stati e imprese si facessero parti zelanti per acquisire risorse (a valere innanzitutto sui fondi europei), per realizzare iniziative imprenditoriali  competitive con quelle dei GAFAM e dei BAATX. Il Presidente Macron e il Senato francese (Rapporto Longuet) avevano  sostenuto che la competenza per realizzare questi nuovi ‘Campioni Europei’ avrebbe dovuto essere comunitaria….. Purtroppo, l’ex commissario Moedas aveva  risposto che la Commissione non intendeva promuovere quelle attività, ma che, se la Francia e la Germania volevano, erano libere di farlo, e la presente Commissione non ha detto nulla di diverso. Ora, Francia e Germania si stanno sforzando di coprire, in ossequio a quell’ impostazione, con iniziative come Qwant, JEDI e Gaia-X, l’insieme di queste attività, con la speranza di farle diventare dei veri ‘campioni europei’, ma si tratta ancora d’iniziative modeste e parziali, senz’ alcuna ricaduta durevole, e senza una partecipazione italiana.

Di fronte a questa situazione, osservo che, già anche soltanto a tavolino, vi sono sufficienti spazi liberi da colmare, non ancora coperti, neppure parzialmente,  dalle iniziative franco-tedesche. In particolare, l’Italia potrebbe candidarsi per tre iniziative già auspicate dalle Istituzioni, e mai portate a termine: l’accademia digitale; l’accademia strategica; la piattaforma di e-commerce e/o di  web marketing. In ogni caso, visto l’attuale imponente dirottamento di profitti e d’imponibile fuori dell’Europa grazie al gioco congiunto dei GAFA e dei paradisi fiscali, si tratterebbe di una provvidenziale forma di ‘import substitution’, seppure  sui generis.

L’iniziativa potrebbe risultare  sinergica ad altre, altrettanto necessarie e urgenti, nel campo dell’ acquisizione di competenze e dell’ ‘upskilling’ dell’ intera società italiana, rilanciando la tradizione di Adriano Olivetti.

2.La svolta del 21 luglio 2020

Liberismo, politica della lesina, vincoli comunitari, hanno costituito fino ad oggi in Europa degli ottimi pretesti per non fare nulla d’impegnativo, in particolare nel settore digitale.

La  vicenda del Coronavirus e degli Eurobond, oltre che le sentenze della Corte di Giustizia nelle cause  ha segnato  tuttavia una svolta. Oggi è una ‘communis opinio’ bipartisan che:

-l’economia europea è ormai giunta al suo punto più basso;

-le politiche di austerità seguite fino ad ora non sono state soddisfacenti;

-occorre fare investimenti produttivi, capaci di generare profitti, redditi, posti di lavoro sempre più qualificati e di sconfiggere la concorrenza internazionale;

– la parola d’ordine è ‘spendere al meglio i fondi europei’.

Il progetto che proponiamo  è quello di fare  dell’ Italia un centro qualificato di sviluppo della cultura digitale europea, con un programma a medio termine (pari alla legislatura 2021-2027 e al coevo Quadro pluriennale dell’ Unione), partendo dalle fasi più urgenti e più semplici (2021-2023), per poi passare a una trasformazione complessiva della nostra società, basata sempre sul ‘reskilling’ digitale.

La distinzione fra fase di recupero dalla pandemia e fase di rilancio dell’economia qui non si può mantenere al 100%, in quanto vi è tutta una fase d’interiorizzazione delle competenze, che non presenta costi rilevanti, ma dev’essere superata subito.

(a)L’accademia digitale.

Come detto in molte sedi, il principio di base che governerà le politiche economiche in Europa nei prossimi anni sarà quello di spendere bene i fondi europei.  Cosa che non è affatto garantita, a causa delle molteplici contraddizioni delle nostre società, a cominciare dalla stessa costruzione europea.

L’economia, e, ancor di più, la geopolitica, si giocano oggi in gran parte sulla capacità di usare il digitale come strumento competitivo sui mercati mondiali: Google contro Baidu; Amazon contro Alibaba; Silicon Valley contro Shenzhen.

Orbene, la Commissione Europea sostiene che, grazie al GDPR, l’Unione Europea avrebbe creato un sistema digitale identitario europeo, che  dovrebbe costituire un modello per tutto il mondo. In realtà, come hanno messo in evidenza due recentissime sentenze della Corte di Giustizia delle Comunità Europee (quella contro Apple e quella contro Facebook), l’enorme apparato burocratico posto in essere da una ventina di anni dall’ Unione Europea è un semplice castello di carte, che non serve a nulla salvo che a penalizzare le imprese europee rispetto alle loro concorrenti extraeuropee. Infatti, mentre noi in Europa siamo obbligati a circondare ogni trasmissione di dati sul web da una pletora di adempimenti burocratici che non sono richiesti ai nostri concorrenti (e che in realtà  non costituiscono alcuna protezione effettiva per i cittadini), poi l’insieme di questi dati viene trasmesso in tempo reale alle multinazionali , le quali sono tenute per la legge americana a metterli a disposizione senza indugio alle 16 agenzie d’intelligence. Che, in tal modo, hanno schedato tutti gli abitanti e le imprese europei, traendone enormi vantaggi tecnologici, politici e commerciali, oltre che militari, che rafforzano la nostra dipendenza. La Commissione si trova ora dinanzi all’ immane problema  d’immaginare una formula giuridica (diversa da quelle già bocciate dalla Corte di Giustizia) per  far rispettare il GDPR agli Americani e per tassare i profitti realizzati in Europa dai GAFAM….

La prova più schiacciante di quest’affermazione è costituita dal fatto che gli stessi documenti dell’ Unione che propugnano queste iniziative sono cosparsi di sconsolanti constatazioni circa la decadenza inarrestabile dell’ Europa (basti pensare alla strategia industriale del 2017 e allo studio del 2020 dell’ EPRS sulla sovranità digitale).

Di fronte a questa situazione, facciamo due osservazioni:

-già anche soltanto a tavolino, vi sono sufficienti spazi liberi da colmare, non coperti dalle iniziative franco-tedesche;

-uno dei principali motivi dei fallimenti franco-tedeschi è ch’ essi mancano di spessore teorico, in quanto, l’assenza settantennale dell’Europa dalle grandi tecnologie e la dipendenza tecnologica europea verso i GAFAM hanno annientato il ceto degli imprenditori digitali, e soprattutto l’ambiente dei pensatori originali e indipendenti.

Per questo motivo, l’Italia potrebbe candidarsi per tre iniziative già auspicate dalle Istituzioni, e mai portate in porto:

-l’accademia digitale;

-l’accademia strategica;

-la piattaforma di e-commerce e web marketing.

L’accademia digitale costituisce una premessa logica per le altre iniziative, perché dovrebbe permettere di riunire intorno a un progetto comune tutte le competenze, culturali e scientifiche, geopolitiche e sociologiche, economiche e tecnologiche, imprenditoriali e professionali, necessarie per la creazione di un ecosistema digitale europeo, ovviando così alla carenza di spessore culturale delle iniziative precedenti. Il meccanismo per la creazione dell’accademia dovrebbe essere quello usato a suo tempo da La Pira per la creazione dell’Istituto Universitario Europeo di Firenze e da Sariusz-Wolski per la creazione della sede di Natolin del Collegio d’Europa: le autorità locali sponsorizzano l’iniziativa, canalizzando fondi locali, nazionali ed europei.

Sono in corso discussioni per il distaccamento di corsi d’informatica del Politecnico di Torino presso l’ ICO VALLEY di Ivrea. La nostra proposta mirerebbe a fare di quest’iniziativa qualcosa di più ambizioso, mirante a conseguire due obiettivi:

-da un lato, allargare quella che già esercita il Politecnico, come strumento di cultura e di arricchimento del territorio con le vere e proprie attività accademiche e il loro indotto;

-dall’ altro, costituire una base concettuale su cui investitori, Istituzioni, Imprese, possano costruire iniziative più avanzate ed ambiziose, accedendo anche ai relativi fondi europei.

Soprattutto, i corsi e le attività di ricerca non dovrebbero indirizzarsi a una platea locale, bensì coinvolgere, come l’ IUE e il Collegio d’ Europa, tutti gli Europei.

(b)L’Accademia Strategica Europea

Anche dell’Accademia Strategica Europea si era parlato in varie occasioni , ma poi non se ne era fatto nulla, in assenza di una Politica Estera e di Difesa dell’ Europa. A questo punto, sarebbe probabilmente utile provare a invertire il processo logico, creando prima le competenze, per poi supportare il cammino ideativo della Politica Estera e di Difesa Comune. Infatti, come ha rilevato il Presidente Macron, esiste un gap concettuale, nel mondo politico europeo, circa le esigenze della politica di difesa, anche questa, delegata sostanzialmente agli USA, e perdendo, così, le competenze nel campo dell’analisi geopolitica, delle nuove tecnologie, dalla programmazione strategica, del rapporto civile-militare.

Occorrerebbe porre una molto maggiore attenzione alle culture di tutte le grandi aree del mondo, in cui rientrano scacchieri fondamentali come i Mari della Cina e il Medio Oriente, all’impatto di nuovi fattori come la militarizzazione dello spazio, i satelliti quantici e i missili ipersonici, i Big Data, la Cyberguerra, la concorrenza fra le grandi potenze per le tecnologie…

Un armamentario così complesso e sofisticato avrebbe senso solo per una platea più vasta del solo Esercito Italiano.

Anche qui varrebbero le stesse considerazioni fatte per l’Accademia Digitale Europea, con la quale vi sono molte sinergie. Altre sinergie, se non di più, vi sono con la Scuola di Applicazione, che potrebbe essere l’alveo entro cui collocare la nuova Accademia.

(c)Piattaforma europea di e.commerce e web marketing

Sempre in simbiosi con i due progetti di cui sopra, si potrebbe riprendere , come proposto dalla Vice-Presidente di Confindustria Beltrame, la creazione di una piattaforma dedicata all’e.commerce e al web marketing. La proposta nasce dalla constatazione dell’incongruenza, per un Paese esportatore come l’ Italia, di non disporre di una propria piattaforma web dedicata, specie in un momento, come quello presente, in cui, a causa della pandemia, il traffico dell’ e-commerce e del web marketing è aumentato a dismisura.

A parte il sospetto, che sempre c’è in questi casi, che questa carenza dai orchestrata dai concorrenti, vi è certo il problema che una piattaforma troppo specializzata è comunque debole, sicché, per poter disporre di un’utenza abbastanza vasta, occorre allargare l’operatività della piattaforma a materie confinanti. Per esempio, il marketing di tutti i prodotti europei, il marketing turistico e delle industrie culturali, la promozione del territorio, delle sue eccellenze e della sua cultura.

La piattaforma potrebbe crescere a latere dell’accademia del digitale, e costituire anche un ambito di sperimentazione per la stessa.

3. Le ricadute sul territorio

Secondo una leggenda metropolitana, l’industria digitale non creerebbe sufficiente occupazione, e, anzi, avrebbe effetti negativi sull’ ambiente sociale circostante. Sta succedendo in America nella West Coast, dove i pochi privilegiati venuti per lavorare nella Silicon Valley hanno reso la vita difficile agli abitanti originari, soprattutto a causa dell’aumento del costo della vita. Questo accade però se l’introduzione  dell’ industria digitale avviene senza un piano preordinato, e, soprattutto, se non si guarda all’ aspetto geopolitico.

Intanto, le grandi piattaforme americane e cinesi hanno da 30.000 a 100.000 dipendenti, che è già una bella cifra, a cui va aggiunto l’indotto, diretto e indiretto. Infatti, intorno a queste attività è destinato a svilupparsi tutto un mondo di piattaforme e servizi “satelliti”, e comunque il personale di questo tipo di aziende dispone di una capacità di spesa notevole, che non può non influenzare l’economia locale.

Ma, ciò che più conta, la nascita di vere e proprie grandi imprese digitali non avviene mai nel vuoto. Anzi, deve avvenire all’ interno di un intero processo di “upskilling”, nel corso del quale tutta la società viene accompagnata verso nuovi tipi, digitalizzati, di attività. Si incomincia con la cosiddetta “Industria 4.0”, nell’ambito della quale si dovrebbe realizzare una generalizzata trasformazione dei lavoratori in operatori digitali. Ma si dovrebbe continuare con trasformazioni capillari anche di attività tradizionalmente labour intensive o intellettuali.

Ma, soprattutto, l’introduzione di attività digitali avanzate va visto, nel nostro caso, come una forma di “import substitution”. Infatti, nella nostra situazione attuale non è che introdurremmo la digitalizzazione là dove essa non c’era. Al contrario, noi creeremmo imprese torinesi o italiane per svolgere un’attività che attualmente viene svolta da Amazon, E.bay o Alibaba, e i cui profitti non si riescono a tassare per la nota vicenda della web tax. Perciò. L’effetto positivo sarebbe costituito innanzitutto dal mancato trasferimento di utili e d’imponibile.

In ogni caso, il piano di finanziamenti appena approvato, dovrebbe servire proprio per finanziare nuove attività che permettano di rilanciare l’economia dei territori, non solamente recuperando il terreno perso per effetto della pandemia, bensì anche creando nuove opportunità di utili e di reddito. L’Italia  è chiamata  a  fare proposte e a richiedere fondi. Soprattutto in un contesto, come quello presente, in cui l’oculata utilizzazione farà oggetto di un controllo da parte dell’ Europa.Orbene, quale utilizzo più appropriato che non realizzare obiettivi conclamati dall’ Europa come propri? “

Abbiamo richiesto alle Autorità di essere ricevuti per discutere l’insieme di queste proposte.

Il Collegio d’Europa di Natolin, fermamente voluto dall’ Onorevole Sariusz-Wolski

c.Torino Capitale Europea della Cultura

Nel frattempo, la Sindaca Chiara Appendino ha deciso di candidare Torino a Capitale Europea della Cultura per il 2033. Un vecchio progetto, per il quale ci eravamo battuti per anni, tra l’altro con:

-la creazione del Comitato della Società Civile per Torino Capitale Europea della Cultura;

-la pubblicazione di ben due libri per l’argomento.

 Ho perciò scritto alle Autorità cittadine:

“Nella mia veste di presidente dell’Associazione Culturale Diàlexis, e, in particolare, di coordinatore del Comitato della Società Civile per Torino Capitale Europea della Cultura (raggruppante una cinquantina di associazioni di Torino e provincia, che figurano nel frontespizio di “Torino snodo”), avevo supportato,  dal 2010 al 2012, la giunta Fassino, e, in particolare, l’Assessore Alfieri e il Dott. Bagnasco, nello studio preliminare della candidatura per il 2019,  facendomi parte zelante per l’organizzazione di:

-una bozza di atto di candidatura;

-alcune manifestazioni pubbliche, per lo più presso la sede del Comune, ma anche e soprattutto  presso il Circolo dei Lettori, dedicate a discutere con esperti e con la società civile i vari aspetti della candidatura.

Soprattutto, avevo pubblicato, presso la Casa Editrice Alpina, due studi sull’ argomento: ‘Torino Capitale Europea della Cultura?’ (2010) e ‘Torino, snodo della cultura europea, Piano di offerta culturale 2011-2021’, che Vi invio in allegato All. 1 e 2).

Inoltre, come già espresso in quell’occasione, credo che la candidatura di Torino non possa prescindere, a causa dell’emergere di sempre nuove problematiche, che, nel 2033, saranno divenute particolarmente acute:-dal riordino delle vocazioni culturali della Città, in particolare nella direzione  dell’umanesimo digitale, cosa di cui le Istituzioni stando dando atto con l’iniziativa relativa all’ Istituto Italiano dell’ Intelligenza Artificiale. Anche a questo proposito abbiamo diffuso  all’inizio di Agosto il libro ‘European Digital Agency’, che illustra le proposte già fatte alle Istituzioni europee e alla società civile per la Conferenza sul Futuro dell’ Europa, in particolare per ciò che concerne le iniziative che potrebbero essere localizzate a Torino…..

Al fine di non disperdere, e, anzi, di recuperare, a favore della nostra Città, gli enormi sforzi sostenuti in quell’ occasione, saremmo grati alla Sindaca e a tutti i destinatari della presente se potessero convocarci per ascoltare le nostre esperienze e proposte. Nel contempo, siamo a Vostra disposizione per fornirVi tutte le informazioni e la documentazione raccolta ed elaborata, nonché quella relativa a Fiume Capitale Europea della Cultura, manifestazione attualmente in corso.

Infine, saremmo lieti di organizzare, nell’ambito del Salone Virtuale del Libro 2020 (cfr. Allegato n 3), che stiamo mandando avanti a dispetto della pandemia, un webinar dedicato alla candidatura, a cui saremmo onorati se potessero partecipare le Autorità cittadine ed esponenti della società civile. Chi è interessato, è pregato di segnalarcelo, indicando anche la propria disponibilità a partecipare, e le date preferite.

Infine, va da sé che saremo sempre disponibili per mobilitare come allora un movimento indipendente di cittadini a sostegno della candidatura, da coordinarsi con le Autorità.”

Teilhard de Chardin, il controverso gesuita padre del postumanesimo

d. Non perdiamo un’occasione preziosa

Tutti   questi nostri interventi sono stati basati sulla preoccupazione che, come affermato da autorevoli personaggi fra i quali il Presidente Draghi e il Presidente Bonomi, tutti questi sforzi volontaristici non si traducano in un miglioramento concreto della situazione culturale, umana, politica, economica e sociale, né dell’ Europa, né dell’ Italia, né di Torino, tutte duramente colpite ormai da decenni da un declino generalizzato rispetto al resto del mondo. Manca, infatti, una strategia complessiva per arginare questo declino, che passi attraverso le sue ragioni storico-filosofiche, le carenze strutturali, la progettazione di un’alternativa, la concentrazione sulle priorità.

Abbiamo preso atto, anche in precedenti post, che si sta riscontrando un rapido avvicinamento delle posizioni ufficiali a quella che sarebbe una visione realistica del problema. Si  è passati, in un decennio, dall’apologia auto-referenziale di un presunto superiore benessere e giustizia sociale dell’Italia e dell’ Europa, a una seppur superata logica redistributiva per ovviare alle principali carenze, poi al riconoscimento della  necessità di sostenere le attività produttive, passando  per l’addolcimento, attraverso il Quantitative Easing, del dogma monetaristico che tanto male ha fatto all’ Europa, per poi giungere,  grazie al Covid-19, a una forma di neo-keynesismo, che va, attualmente, ancora  aprendosi a un’idea di ‘Stato Innovatore’, e che potrebbe perfino giungere  ad ammettere che la digitalizzazione è la chiave di volta per la rinascita delle nostre società.

Mancano però ancora alcuni passi importantissimi:

-il riconoscimento del carattere civilizzatorio (e drammatico) del dibattito sulla digitalizzazione;

-la necessità della centralizzazione a livello europeo, o, almeno, nazionale, delle vitali scelte in questa materia;

-l’urgenza  di un dibattito pluralistico e alla pari, che non dia per scontato l’oltranzismo post-umanistico di Teilhard de Chardin e di Kurzweil, ma permetta anche di esprimersi  a un Umanesimo Digitale critico sulla falsariga di MacLuhan e Nida-Ruemelin, e, concretamente, delle sentenze Apple e Schrems della Corte di Giustizia delle Comunità Europee.

In una fase politica dominata, non solo in Italia, ma in Europa, da preoccupazioni elettorali, una classe politica che si pretende europeistica non sarà in grado di mobilitare le energie intellettuali e morali dell’Europa contro le tendenze disgregatrici se non facendo leva su quelle minoranze che sono concretamente impegnate nella ricerca e nel dibattito sulle soluzioni per superare l’attuale impasse. Se non dimostrerà un maggiore impegno in queste direzione e una maggiore indipendenza nei confronti dei GAFAM, non potrà essere presa sul serio, lasciando agli Euroscettici tutto lo spazio politico.

Mentre ribadiamo perciò ovviamente la richiesta di essere ricevuti per illustrare il complesso esito delle nostre più che decennali ricerche su questi temi e per proporre concreti contenuti, tanto per l’ Istituto Italiano dell’ Intelligenza Artificiale, quanto per la candidatura di Torino a Capitale Europea della Cultura, proseguiamo con i nostri “Cantieri Virtuali d’ Europa” per mantenere vivo l’interesse dell’ opinione pubblica su questi temi..

Se queste non diventeranno al più presto le priorità dell’ Europa, dell’ Italia e del Piemonte, questa classe dirigente dovrà assumersene l’intera responsabilità politica.

Marshall Mc Luhan, il teorico dellav società della comunicazione,critico della rivoluzione digitale