Archivi tag: ursula von der leyen

PROMEMORIA: DOMANI CANTIERI VIRTUALI D’EUROPA 2020-TELECONFERENCE 4 LUGLIO (ORE10):RAPPORTI EUROPA-CINA

“Ren”:l'”altro”

Contributo personale di Riccardo Lala: La Cina: Partner/concorrente/rivale?

Continuiamo con la serie di manifestazioni in preparazione del Salone del Libro di Torino e della Conferenza sul Futuro dell’Europa. Nell’ ambito delle priorità rese note per il prossimo semestre dalla presidenza tedesca, figura anche l’accordo sugli investimenti con la Cina, a cui Angela Merkel attribuisce una particolare importanza, e al quale von der Leyen, Michel,Borrell, Xi Jinping, Li Keqiang e Yi Wang hanno dedicato importanti teleconferences preparatorie.

Quanto alla Conferenza sul Futuro dell’ Europa, essa sarà ulteriormente spostata in attesa che la fine della pandemia permetta manifestazioni dal vivo. Essa dovrebbe perciò potere anche tener conto dell’esito delle trattative con la Cina. La pubblicazione di vari documenti delle Istituzioni ci permette di comprendere quale sforzo queste stiamo facendo per passare da un originario atteggiamento di disinteresse (soprattutto se confrontato con il peso enorme che aveva, ancora nella “Dottrina Solana” il dialogo transatlantico), a questo nuovo atteggiamento di sostanziale equilibrio e di maggior interesse rispetto agli USA (i quali oggi deliberatamente perseguono un atteggiamento di confronto e di chiusura tanto verso l’ Europa, quanto verso la Cina).

Quest’equilibrio si trova espresso nei tre ruoli che la nuova dottrina europea attribuisce alla Cina:

-partner strategico;

-concorrente;

-rivale sistemico.

La partnership è riferita soprattutto alla convergenza sui grandi temi del dibattito internazionale, come multilateralismo, riforma delle istituzioni internazionali, Green New Deal e contenimento delle pandemie. La concorrenza si esplica a livello commerciale, anche se si dovrebbe parlare soprattutto di complementarietà, perché le specializzazioni dell’Europa sono diverse da quelle della Cina,  anche e soprattutto ora che questa ha deciso di concentrarsi alte tecnologie, nella connettività e nella finanza (che invece l’ Europa sta  trascurando). Quanto alla rivalità sistemica, si tratta dell’aspetto più sofferto di questo rapporto. Infatti, l’Europa aveva rinunziato, almeno formalmente, a “esportare la democrazia”, sicché sembra improbabile che i due sistemi entrino in conflitto su questo punto (anche a causa della debolezza dell’ Europa). Anche perché non fa parte della logica della Cina “fare proselitismo”. La sua è deliberatamente una “via nazionale al socialismo”. Come tale, essa vuole avere “caratteristiche cinesi”, che non si pretende siano comuni ad altri Paesi. Ciò che disturba i vertici europei non è perciò tanto un preteso proselitismo internazionale del Governo cinese, quanto l’esistenza di una sempre nutrita schiera d’intellettuali internazionali (p.es., Jacques, Frankopan, Bell, Zhang Weiwei, Zakaria, Khanna e Zhao), i quali non mancano di esaltare i vantaggi dei “sistemi confuciani” rispetto a quello occidentali. Ma, di tutto ciò, non è responsabile il Governo cinese, bensì la crisi della cultura “occidentale” e la conseguente esigenza di ricercare  modelli diversi, che risale già ai Gesuiti, a Schopenhauer, a Fenollosa, a Pound….

L’Europa si differenzia certamente dalla Cina per il fatto di respingere, sia concettualmente (in opposizione agli USA), sia nei fatti (in opposizione alla Cina), l’approccio che Aresu ha chiamato “capitalismo politico”, vale a dire un sistema che, pur nel rispetto formale dell’ economia di mercato e dello Stato di diritto, privilegia in economia l’affermazione di un’agenda politica dello Stato, chi invocando in tutte le circostanza la sicurezza nazionale (Patriot Act, Subversion Act, War Production Act, Trading with the Enemy Act, CLOUD Act), chi la tradizione culturale e politica nazionale (la Costruzione del Socialismo, la Grande Armonia, l’Ecumene), chi, infine, i Campioni Nazionali (gli OTTs e i BATX). Il “Capitalismo politico” ha poco a che fate con la pretesa provvidenzialità del mercato a cui si ispirano ancora gli Stati e le Istituzioni in Europa.

Contro questo atteggiamento pratico delle due Superpotenze, l’Europa rivendica, nel perseguimento del proprio ideale di “Stato neutrale”, un ruolo di “Trendsetter”, quel “riferimento per tutto il mondo”  che richiama le indicazioni fornite a Strasburgo dal Sommo Pontefice. Si tratta paradossalmente di una riedizione aggiornata della concezione del “Wu Wei” (in Sankrit, “ahimsa”, “Satyagraha”=agire senza agire) tipico del Saggio (Imperatore), che però nel XXI secolo va aggiornata, a causa dell’ingerenza totalitaria dell’ informatica in qualsivoglia vicenda umana (gli “Imperi Sconosciuti” di cui parla sempre Francesco), che non permette a nessuno di comportarsi come nei secoli precedenti.

Vi sono perciò due dubbi sulla sostenibilità delle posizioni delle Istituzioni:

-da un lato,  questa dottrina (erede storica del compromesso democristiano-socialdemocratico) è in contrasto con la tradizionale lettura  europea e cattolica della laicità, espressa già nel Vangelo (Dio e Cesare), e poi in Dante (i Due soli) e nel cattolicesimo liberale, secondo il quale vi dev’essere una netta distinzione fra la funzione spirituale del Sacro e quella politica dello Stato. Lo Stato non può avocare a sé il magistero etico (la difesa del “politically correct”), senza fare violenza all’ autonomia della coscienza (un’inedito “Stato Etico” puritano a difesa della modernità, “una nazione con l’anima di una Chiesa”);

-dall’ altra, anche la vecchia dottrina, di lontana origine giapponese, della “cultura orientale+tecnica occidentale(Wakon yosai”,“Zhongti Xiyong”) si è rivelata superata nei fatti  dal fallimento delle “tigri asiatiche”. Infatti, oggi è impossibile distinguere la cultura dalla tecnica, sicché si pone la questione di un umanesimo digitale, che non può più essere indifferente alla politica. L’informatica modifica l’umano, sì che l’”Imperatore Saggio” non può più limitarsi a presiedere ai Riti, bensì deve anche essere al cuore della tecnica (sia essa costituita dai big data, dai social, dalle comunicazioni o dalla cyberguerra). La “guerra pacifica” di Mozi e di Sunzu è divenuta impercettibilmente la Guerra Senza Limiti di Qiao Liang e Wang Wensui. Questa è la ragione profonda tanto del superamento dei richiami impliciti al “wu wei”,  quanto della critica  che Alessandro Aresu muove alle politiche dell’Unione. L’attuale pacchetto europeo di misure  in materia di alte tecnologie continua a soffrire di un peccato di “angelismo” (per dirla con il Papa): l’Europa non può essere un “trendsetter” se non sperimenta prima su di sé in concreto, in tutta la sua asperità,  una nuova cultura del digitale, un “ecosistema sovrano”, veramente indipendente e diverso rispetto al Complesso Informatico-Digitale, e non un sottoprodotto dello stesso come quello espresso dal Privacy Shield, delle Standard Contractual Clauses, da Qwant e perfino del “Rome Call for an Ethical AI”.

Un confronto culturale e scientifico serrato con la Cina dovrebbe servire, a nostro avviso, a comprendere questo snodo essenziale ed esoterico della post-modernità, che l’Asia ha vissuto così intensamente,  e anche, possibilmente, a ricercare insieme delle vie  per il “Ringiovanimento” delle rispettive nazioni.

I relatori del nostro prossimo webinar parleranno essenzialmente di Italia e Cina. Quest’orientamento ha il merito della concretezza. A nostro avviso, contrariamente a quanto i più sembrano credere, l’Italia può intervenire nel contesto del confronto euro-cinese in pieno svolgimento in modo particolarmente autorevole per più di una ragione, Intanto, farebbe parte proprio del “Primato Morale e Civile degl’Italiani”(Gioberti) rivendicare  quel ruolo di “riferimento” nel mondo che Papa Francesco ha additato al mondo. Quindi, proprio la “specializzazione” naturale degl’Italiani nella cultura, nell’ arte, nella comunicazione e nel turismo fa sì ch’ essi possano svolgere una funzione centrale nel dialogo fra Est e Ovest, sulle tracce, innanzitutto, di Marco Polo, ma anche e soprattutto dei Gesuiti, che hanno vissuto il loro rapporto con la Cina come un modo per rinnovare la stessa cultura europea (il dibattito sul nichilismo nel”Vero Significato del Signore del Cielo”, lo “Stato Minimo”, la “Prisca Philosophia”). Senza dimenticare la Butterfly, la Turandot di Puccini e i “Pisan Cantos” di Pound, scritti in gran parte in Italiano e in Cinese.

Tutto questo ha trovato un principio di attuazione nell’ MOU sulla Via della Seta. Come nell’ uso linguistico antico, non vi era nessuna distinzione fra Roma, l’Italia, l’Impero Romano, l’ Europa e il Cristianesimo (tutti designati come “Da Qin”), così anche oggi occorre elaborare una concezione  “italiana” del rapporto con la Cina, che sia valida e proponibile all’ intera Europa. Una Concezione che parta dalla “Humanitas” classica, tanto simile alla “Ren” delle San Jiao siniche, e che oggi si dovrebbe declinare come “umanesimo digitale”. Un umanesimo che, sotto la dominazione del Complesso Informatico-Militare”, è tutt’altro che acquisito in concreto, e va ricercato con lo studio, il dibattito, la ricerca tecnico-scientifica, lo “Stato Innovatore” e una nuova classe dirigente. Tutto ciò può essere acquisito solo se, lungi dal rinchiudersi  nel provincialismo dei “followers”, gl’Italiani egli Europei sapranno guardare senza pregiudizi a tutto ciò che sta accadendo nel mondo, e, in primo luogo, in Asia. Solo così potranno divenire dei “trendsetters” come auspicato da Ursula von der Leyen.

Da Xue: un link fra Cina, America ed Europa

WEBINAR 4 LUGLIO, ORE 10,00

VERSO IL TRATTATO PER LA PROTEZIONE DEGL’INVESTIMENTI :

XI JINPING RICONOSCE IL RUOLO DELL’ UNIONE EUROPEA

Dopo 50 anni dall’avvio dei rapporti diplomatici fra Italia e Cina, la rapidissima ascesa di quest’ultima, dalle distruzioni di più di 100 anni di guerra, fino all’attuale posizione  all’avanguardia mondiale nella tecnologia e nell’economia,  ci fa comprendere che, per tornare a padroneggiare la propria storia, anche  gli Europei  devono  avviare una loro autonoma concettualizzazione della post-modernità, e, in particolare, del contributo che i grandi Stati-civiltà come la Cina e l’ Europa devono dare  per superare l’’”impasse” ideale e pratico in cui si dibatte l’Umanità.

Anche se il previsto trattato sulla protezione degl’investimenti è stato posticipato, e la Commissione ha evidenziato più le criticità che non gli elementi positivi, la teleconference fra Xi Jinping e Ursula von der Leyen ha costituito l’avvio di un dialogo su un piede di parità fra UE e Cina.

Questo dialogo con l’Asia, verso cui l’Europa sembra oramai avviata, serve innanzitutto a comprendere l’utilità attuale degli “Stati-civiltà” e delle loro culture, senza trascurare il ruolo di Paesi, come l’Italia, che sono stati da sempre a mezza strada fra uno Stato Civiltà e una nazione etno-culturale. Basti pensare all’ equivoco uso di ”Rum”, Da Qin, “Hroma”,”Rom”, per indicare tanto Roma, quanto l’Italia, l’Impero Romano, la Chiesa Cattolica e l’Europa.

Ursula von der Leyen ha definito il rapporto con la Cina come “strategico” e “ricco di sfide”. Infatti, pur nell’incommensurabilità e autonomia delle diverse identità continentali, l’Italia e l’Europa possono recuperare, come vorrebbero l’Unione e la stessa Chiesa, “un ruolo di riferimento a livello mondiale”, ma  solo traendo, dalle culture dell’Epoca Assiale, come quelle sinica e classico-cristiana (“Da Qin”), la forza per controllare la società delle macchine intelligenti. Per fare ciò, l’Europa ha bisogno di un umanesimo digitale non subordinato culturalmente al Complesso Informatico-Militare, come quelli sviluppati nelle varie, diverse, regioni dell’Asia contemporanea (la “Sovranità Digitale Europea”).

La collaborazione culturale, tecnologica, economica e politica -da inaugurarsi nei prossimi mesi con l’Asia, e, in primo luogo, con la Cina, dovrebbe fornire all’Europa almeno parte di quegli elementi concettuali, di know-how, finanziari e volontaristici, che le mancano per divenire anch’essa un nuovo, originale, Stato-civiltà. In particolare, il “pacchetto digitale” in gestazione a Bruxelles avrebbe bisogno, per divenire una concreta realtà, di una robusta iniezione di riflessione interculturale e di tecnologie da tutti i Paesi. Basti soltanto pensare che oggi il 50% dei brevetti depositati presso l’Organizzazione Mondiale della Proprietà Intellettuale sono di origine cinese.

Con il tanto criticato MOU sulla Via della Seta, l’Italia ha fornito un esempio concreto che, senza dirlo,  ora sta seguendo la stessa Unione.

Dal punto di vista pratico, la Cina sta fornendo, in questa fase di recessione, un supporto ineguagliabile alla ripresa dell’economia europea, con i suoi massicci acquisti di Airbus e con il consenso a che la Volkswagen  sia divenuta  azionista di maggioranza delle imprese cinesi che producono e vendono il 40% dei suoi prodotti.

Confucio: una base per scrivere oggi

PROGRAMMA  DEFINITIVO

ore 10, Introduzione, di Pier Virgilio Dastoli, Presidente del Consiglio del Movimento Europeo in Italia

Ore 10,30 Alberto Bradanini, già ambasciatore italiano a Pechino: I rapporti politici, economici e commerciali fra Italia e Asia

Ore 11,00 Liu Pai, giornalista del China Media Group, Italian Department: Lo sviluppo delle relazioni sino-italiane negli ultimi anni.

Ore 11,30 Giuseppina Merchionne, Responsabile dell’Ufficio di Rappresentanza della Cina del Nord-Ovest a Milano:  L’esperienza di una vita nel dialogo interculturale Italia-Cina

Modera Riccardo Lala, Presidente dell’ Associazione Culturale Diàlexis

Ricostruzione del Mercato Occidentale di Xian, punto di partenza della Via della Seta

 

MODALITA’ TECNICHE

Ricordiamo le credenziali necessarie per partecipare alla video conferenza:

CREDENZIALI

Il link ( https://us02web.zoom.us/j/89628252000?pwd=a0F4a0ZrektOaGl5SnZyTUw2WTA2dz09 )

e la coppia meetingID+password

Join Zoom Meeting
https://us02web.zoom.us/j/89628252000?pwd=a0F4a0ZrektOaGl5SnZyTUw2WTA2dz09

Meeting ID: 896 2825 2000
Password: EUROPA

sono equivalenti tra loro.Il link è già di per sé un metodo di accesso “one click” alla conferenza.

Chi – eventualmente – dovesse ricevere la mail su un computer e volesse connettersi con un altro.


In quel caso invece di ricopiare il link a mano, può utilizzare i codici.

Nel caso di problemi, telefonare a 3357761536 o a 0116690004

A domani.

RESILIENZA DELL’ EUROPA: “SURE”

Alte Briefverschlussmarke aus Papier, welche seit ca. 1850 von Behoerden, Anwaelten, Notaren und Firmen zum verschliessen der Post verwendet wurde.

Finalmente, dopo almeno un mese d’indifferenza, l’Europa sembra risvegliarsi, cercando di fornire risposte comuni ai terribili colpi infertici dalla pandemia.

Secondo il commissario Gentiloni, il proposto fondo SURE (Support to mitigate unemployment risks in emergency) raccoglierà risorse sui mercati emettendo bond con tripla A, quindi a tassi bassissimi, che darà poi, ai Paesi che ne hanno bisogno, prestiti con scadenze a lungo termine.

Questa “cassa integrazione europea” proposta dalla Presidentessa von der Leyen è certamente un’ottima trovata per mettere d’accordo tutti. E’ sostanzialmente un prodotto della politica interna tedesca, molto sensibile, come ormai tutti e dovunque, ai nominalismi. Invece di chiamarla “coronabonds”, o ”MES”, termini (“Schlagwoerter”) che facevano infiammare troppo gli animi, la chiameremo “cassa integrazione”. Del resto, già quando era ministra tedesca per gli affari sociali, la von der Leyen aveva cambiato il nome al sussidio di disoccupazione, la cui denominazione gergale, “Harz IV”, ricordava troppo il cancelliere socialista Schroeder.

Qui la differenza è che i “coronabonds” proposti da Italia e Francia miravano a finanziare il debito degli Stati più deboli, lasciando a questi ultimi la libertà di disporne a piacimento, mentre il nuovo strumento aiuterebbe equanimemente tutti gli Stati, e sarebbe destinato a una finalità chiara ed evidente. Basti pensare che in questi mesi il solo settore dell’auto ha già perso, in Europa, 1 milione di posti di lavoro.

 

Ulrike Guérot: La nuova guerra civile, Alpina, 2019

1.La storia dell’ “Europaeisches Arbeitslosengeld” (“Europaeische Kurzarbeit”)

L’idea di un “sussidio di disoccupazione europeo” era nato qualche anno fa all’ interno dell’estrema sinistra tedesca (die Linke), era poi stato formalizzato nel 2018 dal ministro socialista Scholz, era stato lodato nel libro di Ulrike Guérot, pubblicato l’anno scorso da Alpina, “la nuova guerra civile”, e, infine, era finito nel programma di governo della Commissione von der Leyen, che aveva ottenuto il voto favorevole del Parlamento Europeo. Insomma, dovrebbe essere una soluzione di attuazione relativamente facile, visto che i governi l’avevano già approvata e il Parlamento votata.

Il progetto prevederebbe addirittura l’obbligo, per gli Stati Membri che ancora non l’avessero, d’introdurre, nel proprio ordinamento, quest’ istituto. Una rivincita culturale dell’Italia. Dopo tante decennali critiche alla Cassa Integrazione, la Commissione è giunta ad affermare che questo istituto si era rivelato provvidenziale, nel 2008, proprio in quei Paesi, come l’Italia, che ce l’avevano. D’altro canto, che cosa fanno i decreti di Conte, se non introdurre una sorta di “cassa integrazione per tutti”, e che cosa chiede l’opposizione? Semplicemente di accelerarne l’accredito bancario.

La Guérot aveva paragonato, nel suo libro, molto pertinentemente, la “cassa integrazione europea” alla Reichsversicherungsordnung (Decreto imperiale sulle assicurazioni) dell’ Impero Germanico, del 1911,  che ha costituito, fino al 1992, la base del diritto sociale tedesco, -e, per estensione, dell’ “economia sociale di mercato”-, di cui mi ero occupato nel 1971 presso l’ ANMA di Torino, come di  diritto vigente a tutti gli effetti, salve le norme divenute nel frattempo incostituzionali (“vorkonstitutionelles Recht”).

Si tratterebbe di un’integrazione europea, su fondi propri della Commissione (in parte già esistenti), con contributi e garanzie degli Stati membri, a supporto dei Paesi in particolare difficoltà: visto l’andamento dell’epidemia, la Presidentessa ha citato espressamente l’Italia e la Spagna. Tuttavia, fra i primi a fruirne ci sarà proprio la Germania, dato che, tra una cosa e l’altra, il mercato dell’auto e l’export in Cina si sono inchiodati, e il ministro  Altmaier sta addirittura pensando di nazionalizzare qualche grosso gruppo. Secondo il ministro del lavoro, in seguito alla quarantena, 470.000 imprese hanno fatto domanda della cassa integrazione, contro le 1.300 domande mensili degli anni passati.

Il provvedimento sarà limitato nel tempo, ma sarà prorogabile. La maggior parte dei politici europei pensa (giustamente) che un sistema di aiuti europei per il rilancio dell’economia agli Stati membri in difficoltà debba durare per l’intero esercizio pluriennale 2021-2017. Tutti citano ovviamente il Piano Marshall, ma si tratta di una citazione stucchevole, perché, come aveva spiegato bene Milward, il Piano Marshall aveva un  diverso obiettivo: quello d’ integrare l’Europa occidentale nell’ economia di un’altra potenza, l’ America, e i Governi europei lo avevano “dirottato” (almeno parzialmente) verso loro diverse finalità (risanare i rispettivi bilanci), con una resistenza occulta, ma non per questo meno efficace. E, come ha notato brillantemente Gentiloni, era stato adottato ben 2 anni dopo la guerra, non avendo quindi nulla a che fare con il rimbalzo economico postbellico.

Qui si tratta invece, -finalmente- di un aiuto reciproco fra Europei per reintegrare nel mercato del lavoro i disoccupati o i sottooccupati (che tra l’altro non sono certo solo colpa di un mese di quarantena). Quindi, contrariamente ai “corona bonds”, non  è un finanziamento dei deficit di bilancio, bensì un fondo di scopo, per altro ben mirato, che non lascia discrezionalità agli Stati membri. E’stata sostanzialmente accolta la tesi del Governo italiano: il MES sarebbe stato inapplicabile, perché qui non si tratta di prestare dei soldi a un Paese in bancarotta, bensì di concedersi reciprocamente un supporto dinanzi a una catastrofe ad oggi ancora non misurabile. Non ci sono paesi ricchi e paesi poveri, anche perché, in cima alla lista dei Paesi in difficoltà c’è, nonostante la scarsa mortalità per Coronavirus, la Germania.

La  mia preoccupazione è che, con l’ansia di mettere toppe alle nostre economie, passino  come sempre in cavalleria gli ambiziosi progetti di Macron e di Altmaier per un’autonomia tecnologica europea. Tra l’altro, proprio la presidente della Commissione era stata eletta il 16 luglio 2019 con un programma comprendente la Conferenza sul Futuro dell’Europa, che avrebbe dovuto permettere all’ Europa, tra l’altro, di recuperare tutto il terreno perduto negli scorsi decenni rispetto al resto del mondo. La conferenza avrebbe dovuto partire il 9 maggio, ma, ovviamente, non partirà. Così, un altro anno è passato inutilmente, e il futuro non viene progettato, né si permette ai cittadini di dire la loro. Infine, la Commissione aveva adottato, il 19 Febbraio, un sostanzioso anche se, a mio avviso, insufficiente pacchetto di progetti per un’Europa digitale.

A mio avviso, i progetti discussi l’anno scorso, parzialmente sviluppati nel pacchetto del 19 e ampiamente commentati da think tanks e personaggi politici, possono, ed anzi debbono, essere comunque realizzati nel corso del prossimo bilancio settennale. Anche perchè le caratteristiche tipiche dell’ attuale epidemia: ruolo centrale delle statistiche, distanziazione sociale, telelavoro, diagnostica elettronica, controllo sanitario sul contante, pagamenti elettronici, hanno fatto fare, all’ economia cinese, tali  nuovi balzi tenologici in avanti rispetto a tutto il resto del mondo, che l’ Europa non può semplicemente permettersi di non fare praticamente nulla in quel campo. Il mondo non sta fermo ad aspettare i nostri comodi.

  1. »Nous sommes en guerre »

Intanto, non solo tutti gli Europei dovrebbero condividere i costi della pandemia, ma addirittura la lotta alle pandemie dovrebbe diventare un compito dell’Unione, nell’ ambito della politica esterna e di difesa comune, perché essa confina con un evento bellico. Non per nulla Macron ha dichiarato “Siamo in guerra” (e tutti l’hanno ripetuto). Ma si va in guerra senza un comandante in capo? E, infatti, gli Stati membri sono arrivati tutti impreparati perché non c’è nessun caporale che li strigli quando non fanno il loro dovere. E qui nessuno l’ha fatto. Secondo i protocolli stabiliti dall’ Organizzazione Mondiale della Sanità, e perfino dalla NATO, dovrebbero esistere piani dettagliati, ospedale per ospedale, medico per medico, su cosa fare in caso di emergenza. Nei magazzini, civili e militari, dovrebbero esserci stati miliardi di mascherine.  E invece, almeno in Italia, molti di questi piani non sono stati neppure scritti, e neanche la Francia e la Spagna avevano le scorte. Infine, tutti hanno dovuto usare le attrezzature regalate da Russi e Cinesi, spesso approvvigionandosi presso fornitori non autorizzati, con richiami di materiale per qualità scadente. Solo ora  stiamo avviando una produzione nazionale. Unico Paese in regola, la Turchia, che, rispondendo all’ appello lanciato dai due Paesi attraverso la NATO, ha fatto omaggio a Italia e Spagna di qualche tonnellata di attrezzature mediche autoprodotte dall’Esercito Turco: unico fulgido esempio di “preparazione industriale bellica”, con cui si è complimentato perfino Stoltenberg.

Pensiamo che cosa sarebbe successo se, come sostenuto da molti complottisti, si fosse trattato veramente di una guerra batteriologica. Il potenziale nemico l’avrebbe vinta subito senz’altro. Quand’ ero ufficiale nella fortezza di Casale, una volta abbiamo fatto la prova della mobilitazione generale. Bene, sono stato rimproverato per il fatto di essere passato armato sulle mura della fortezza “perché qualcuno avrebbe potuto pensare che stavamo facendo un colpo di Stato”. Se affrontiamo così i problemi di una mobilitazione generale, contro il nemico o contro un morbo, certo perderemo tutte le battaglie.

La prova schiacciante di quest’ impreparazione è l’esito grottesco delle grandi manovre NATO “Defender Europe 2020”, “le più grandi manovre in Europa dopo la IIa Guerra Mondiale”, che avrebbero dovuto coinvolgere 37.000 militari, essenzialmente americani, ma anche di tutti i Paesi europei. Bene, ancora pochi giorni fa, poco dopo ch’ erano già arrivati, in Germania, 5000 Americani, l’esercitazione è stata cancellata alla chetichella, anche perché sono risultati positivi al tampone il comandante generale delle forze americane in Europa, Tenente Generale Christopher Cavoli, il comandante supremo polacco Jaroslaw Mika, il generale italiano Salvatore Farina e l’ispettore della Bundeswehr, Tenente Generale Alfons Mais, tutti dopo essere stati alla riunione del 6 marzo a Wiesbaden sulla prevenzione dell’ epidemia fra le truppe. Dopo di che, l’epidemia si è diffusa più che mai in Italia, e poi anche in America.

Queste grandi manovre sono state altamente istruttive: se una divisione americana tentasse veramente di raggiungere il Baltico, potrebbe essere fermata in mille modi, ma, in primis, con le (certo, vietatissime) armi batteriologiche. Quindi, neppure gli Stati Uniti (né la NATO) sono attrezzati adeguatamente contro le pandemie.Un’ulteriore conferma delle valutazioni del Presidente Macron sulla “morte cerebrale dello Stato”.

Robot-dottore usato a Wuhan contro il Coronavirus

3.Come coordinare gl’interventi d’urgenza, la Conferenza sul Futuro dell’Europa e il bilancio 2021-2027?

Il vero problema è che l’Europa, così come l’Italia, sta accumulando una serie di problemi insoluti, sì che sembra sempre più difficile risolverli. E, tuttavia, il fatto stesso che, da un lato, si stia mettendo in sicurezza questa fase transitoria con la “cassa integrazione europea”, e, dall’ altro, tutti convengano che gli altri problemi vadano risolti globalmente nel medio periodo, fa finalmente sperare che verranno assunte decisioni ponderate.

L’errore che un po’ tutti hanno commesso fino ad ora è stato quello di concentrarsi sugli aspetti quantitativi: gli USA hanno stanziato 1.200 miliardi di dollari per il rilancio dell’economia  dopo il coronavirus, di cui una parte in “helicopter money”, cioè contanti  dallo Stato ai cittadini per far girare l’economia. Lo stesso meccanismo è stato adottato in Cina dalle comunità locali.

Il programma SURE copre 100 miliardi di Euro. La Proposta della Commissione al Consiglio lo definisce come segue:

“SURE will take the form of a lending scheme underpinned by a system of guarantees from Member States. This system will allow the Union to:

(1)     expand the volume of loans that can be provided by the SURE instrument to Member States requesting financial assistance under the instrument;

(2)     ensure that the contingent liability for the Union arising from the instrument is compatible with the Union budget constraints.

For the approach to serve the intended purpose, Member States must provide credible, irrevocable and callable guarantees to the Union in line with the respective shares in the total Gross National Income of the Union. The system of guarantees will avoid the need for up- front cash contributions from Member States while providing the credit enhancement required to ensure a high credit rating and protect the resources of the Union budget.

In addition to the provision of Member State guarantees, other safeguards are built into the framework in order to ensure the financial solidity of the scheme:

  • A rigorous and conservative approach to financial management;
  • A construction of the portfolio of loans that limits concentration risk, annual exposure and excessive exposure to individual Member States, whilst ensuring sufficient resources could be granted to Member States most in need; and
  • Possibilities to roll over debt.”

La “cassa Integrazione Europea” (SURE) non è l’unico provvedimento d’urgenza adottato per rimediare la crisi del Coronavirus, perché la Commissione sta dedicando, all’ emergenza Coronavirus, molti fondi residui in base al bilancio 2014-2021:

-una Coronavirus Response Investment Initiative:37 miliardi attraverso il Fondo Sociale Europeo

-1000 miliardi di garanzie alle banche dallo European Investment Fund  per finanziamenti alle piccole e medie imprese;

-lo European Globalisation Adjustment Fund, fino a 179 milion  di Eiuro per il 2020, per sostenerer i lavoratori disoccupati;

-lo EU Solidarity Fund, da allargarsi alle crisi sanitarie per  800 milioni di Euro  per il 2020.

 

E’ evidente che ci dovrà essere una seconda fase dedicata alla ricostruzione, in cui serviranno nuovi fondi, che però, essendo spalmati su un bilancio settennale, incontreranno meno difficoltà di reperimento.

A mio avviso, è comunque un errore valutare questi programmi in base agl’importi stanziati (quasi fossero “helicopter money”). Infatti, la maggior parte degli attuali fondi europei non sono utili, per una serie di motivi:

-non sostengono le attività essenziali (come la cultura europea, l’autonomia e la crescita digitale e in generale tecnologica, il turismo, l’esercito e l’intelligence europea, la difesa del territorio), e favoriscono invece, “a pioggia”, attività create spesso solo per mantenere inutili strutture burocratiche o per dare ossigeno ad attività senza futuro;

-sono troppo macchinosi, richiedendo un’ingente attività preparatoria senza ritorni economici;

-sono troppo manipolabili dalla politica;

-per i motivi di cui sopra, spesso non sono spesi, o addirittura non sono neppure richiesti, soprattutto nel caso dell’Italia.

Vista l’arretratezza tecnologica sempre crescente dell’Europa e la rapidità con cui le grandi potenze stanno occupando le aree strategiche della crescita tecnologica (intelligenza artificiale, computazione quantica, blockchain, finanza digitale, biomedica), i prossimi passi dell’Europa debbono essere immediati. I nuovi fondi debbono essere spesi per finanziare questi nuovi settori, non quelli maturi, né tanto meno quelli obsoleti. I capitali e il personale vanno indirizzati a spostarsi verso i nuovi settori.

Inoltre, i nuovi investimenti che andiamo a proporre dovrebbero distinguersi per il loro carattere qualitativo, non già quello quantitativo. Dovrebbe esserci una regia europea unica e forte per tutto l’avanzamento tecnologico nel Continente, eliminando le duplicazioni e le dispersioni; dovrebbero unirsi le tecnologie civili e militari; dovrebbero favorirsi le aggregazioni europee; dovrebbero privilegiarsi le qualità umane: educazione, eccellenza, responsabilità, volontariato, senza pensare che con il denaro si possano ottenere i migliori risultati, com’è dimostrato dalle enormi risorse di abnegazione dispiegate da medici, infermieri, volontari, forze armate e forze dell’ ordine in occasione della crisi sanitaria, mentre la politica, le  burocrazie sanitarie, le amministrazioni locali e l’imprenditoria sanitaria privata, tutti assieme, si erano resi responsabili della solita impreparazione, con il conseguente drammatico contributo di vite umane.

La produzione libraria del 2020 di Alpina Diàlexis sarà dedicata a questi obiettivi, e alla proposizione, nell’ ambito della Conferenza sul Futuro dell’Europa, di un’Agenzia Europea per la Tecnologia.

2020: CONFERENZA SUL FUTURO DELL’ EUROPA

Ursula von der Leyen

La Conferenza sul Futuro dell’Europa è una consultazione lanciata dalla nuova Commissione per raccogliere le idee degli Europei in vista dei gravi problemi irrisolti della Unione Europea.

Un’ iniziativa simile (la “Convenzione sull’ avvenire dell’ Europa”) era stata varata nel 2001 per preparare la prevista Costituzione Europea, approvata dai parlamenti, ma bocciata dagli elettori francesi e olandesi nel 2005, e, da allora, abbandonata. Essa era stata l’ultima di una serie di “conferenze sul futuro dell’ Europa”, a partire dal Concilio di Basilea- Ferrara-Firenze-, del 1431-1439, per passare alle Conferenze di Osnabrueck e Muenster, al Congresso di Vienna, ai congressi federalistici di Montreux e di Amsterdam…

La Conferenza lanciata ora è più vaga Convenzione che l’ha preceduta, in quanto non pretende di pervenire a una Costituzione, ma, anzi, vorrebbe giungere a realizzare molte iniziative senza neppure modificare, se possibile, i Trattati. Cosa a mio parere per altro tecnicamente possibile, anche se forse non auspicabile. Tuttavia, il  vero problema non è giuridico, bensì politico: qualunque sia la soluzione tecnica prescelta, se non si vuole che l’economia europea venga distrutta, che gli Europei si estinguano senza eredi e le Grandi Potenze facciano dell’ Europa il loro campo di battaglia come hanno fatto in Medio Oriente, la cultura, la società e la geopolitica dell’ Europa debbono cambiare rapidamente, lasciando spazio a una classe dirigente al contempo molto più europeista e molto più sovranista, capace di adottare politiche rigorose, e non demagogiche, in materia tecnologica, economica e di difesa.

Concordo con il giudizio negativo del Movimento Europeo circa  il “Non Paper” dei Governi francese e tedesco, che, come implica la sua stessa paradossale denominazione, non è sufficiente per impostare la Conferenza, anche perché quest’ultima, pur essendo più che mai necessaria, arriva appena in tempo, se non fuori del tempo massimo, in relazione alla tumultuosa evoluzione storica in corso (l’”Accelerazione della Storia”), dalla quale l’Europa è tagliata fuori, caratterizzata:

1)dall’affermarsi dell’Intelligenza Artificiale (-“AI”-, intesa in senso lato, dai Big Data ai robot, al web, alla società del controllo totale, al G5 e G6, ai computer quantici, all’ Industria 4.0 e 5.0, e alla cyberguerra). L’AI ha già svuotato di sostanza le istituzioni sociali classiche, dalle religioni agli Stati, dalla cultura agli eserciti, nel contesto delle quali era stata concepita l’integrazione europea, e informa di sé sempre più comportamenti, tanto pubblici quanto privati. Particolarmente svantaggiata risulta esserne l’Europa, la quale, non controllando, né i big data, né operatori rilevanti sul web, né una difesa digitale, si è vista esclusa dai principali flussi di conoscenza, di potere e di reddito della nuova era, compromettendo così la sua cultura, la sua libertà la sua economia;

2)dalla concorrenza fra, da un lato, il complesso informatico-militare occidentale, e, dall’ altro, quelli delle grandi potenze eurasiatiche (vedi casi ZTE, Huawei, Siria, Libia);

3)dalla transizione in corso negli Stati Uniti, dal neo-liberalismo internazionalista al protezionismo;

4)dalla conseguente stagnazione, in corso in particolare in Italia e in Germania.

  • Per questo, fra le priorità, porrei al primo posto “le implicazioni umane ed etiche dell’Intelligenza Artificiale” e “il ruolo dell’Unione Europea nel mondo globalizzato, vale a dire una vera politica estera e di difesa comune”, le quali influenzano pesantemente la comprensione di tutti gli altri temi.

Tenendo conto che gli effetti della Conferenza potranno incominciare a farsi sentire solo a partire dal 2022, buona parte degli eventi decisivi sui diversi fronti di cui sopra potrebbero già perfino essersi nel frattempo verificati, senza la possibilità di qualsivoglia reazione da parte dell’Europa, ridotta a soggetto passivo della storia. In ogni caso, la successiva legislatura 2024-2029 costituirà, come affermato nel primo hearing dalla commissaria Šuica,”l’ultima occasione per la politica”, vale a dire il termine ultimo per darsi finalmente un sistema culturale comune, un ecosistema digitale autonomo, una classe dirigente coerente, un esercito europeo e un compiuto diritto costituzionale (l’”Unione sempre più Stretta”), prima che, nel corso dei prossimi decenni, sopraggiungano crisi di portata inimmaginabile (il “Rischio Esistenziale”: per esempio, la III Guerra Mondiale, una catastrofe ecologica, il sopravvento delle Macchine Intelligenti ), tali da frustrare ogni progetto europeo (“Finis Europae”).

La Costituzione del 2005 fu bocciata dal referendum francese

1.La Conferenza come strumento di lotta

Occorre innanzitutto approfittare dell’eccezionale occasione offerta, all’europeismo, dall’ipotesi di rendere permanente la Conferenza, la quale diverrebbe così l’anello di congiunzione fra le Istituzioni e il mondo politico e sociale: un ruolo essenziale per formare la classe dirigente europea dei prossimi anni, capace di far compiere al nostro Continente quel “passo in avanti” verso l’“Unione sempre più stretta”, che è ormai improrogabile. Come affermato sempre dalla Commissaria Šuica, il dialogo con i cittadini dovrà essere veramente inclusivo, comprendendo tutti i segmenti della cittadinanza europea e della società civile, anche e soprattutto le voci anticonformistiche e dissenzienti, e (aggiungiamo noi) anche gli Europei che vivono fuori dell’Unione (come gl’Inglesi e i cittadini dell’ Europa Orientale), perché,  se “il futuro dell’ Europa” fosse costruito solo sulla base di una minoranza della società (dal punto di vista numerico, ma anche ideologico, etnico o geografico), esso resterebbe debole e indifendibile.

Occorre in secondo luogo, come indicato da Ulrike Guérot, evitare una “democrazia simulata”, e, quindi:

-permettere l’accesso al dibattito a tutte le voci rilevanti, comprese quelle fino ad ora escluse;

-tentare di giungere a conclusioni veramente impegnative per le Autorità e per il popolo europeo;

-ammettere anche interventi in forma autonoma e strutturata.

Le conferenze di Osnabrueck e di Muenster prepararono la Pace di Westfalia

2.Interconnessione fra le diverse tematiche della Conferenza

L’organizzazione della Conferenza dovrebbe provvedere a che i temi indicati vadano affrontati con un approccio sistematico e poliedrico, inquadrandoli in modo interdisciplinare e interculturale nel mondo digitalizzato, ma profondamente territorializzato (“geortet”), del XXI secolo. In particolare:

-La preminenza imprenditoriale dell’Europa in campo ambientale, che Ursula von der Leyen ha collocato, ambiziosamente, al primo posto, implica il gravoso compito d’inventarci un ecosistema digitale/culturale autonomo, perché, per gestire il “Green New Deal” (vale a dire l’ottimizzazione di tutti i dispositivi meccanici collocati  sullo sterminato territorio europeo) è indispensabile l’”Internet delle Cose”, che, a sua volta, presuppone il controllo sui Big Data e sulle tecnologie di comunicazione 5G e 6G (oltre che, presumibilmente, anche sulla computazione quantica);

-Anche il ruolo dell’ Europa nel mondo quale potenza continentale  costituisce un semplice  risvolto fisico della necessaria sovranità tecnologica, che richiederebbe molto campioni europei (sul modello dell’ Arianespace e dell’ Airbus) in tutti i settori strategici, e l’”enhancement” dei cittadini-soldati, così come la realizzazione del pilastro sociale non può prescindere dall’inserimento del modello sociale europeo in un sistema di “upskilling” generalizzato delle nostre società, che rivaluti la partecipazione di lavoratori e imprenditori, che, in un’economia integralmente automatizzata, diverranno tutti degli “operatori digitali”;

-L’eccellenza europea in campo ambientale e sociale presuppone anche una nuova forma di educazione dei cittadini e un rapporto attivo con l’AI (l’”ecologia della mente”), fondato sulla cultura, da rivalutarsi all’ interno delle Istituzioni europee,  che salvaguardi la preminenza dell’Umano, la “European Way of Life” e  la  concreta coercibilità, da parte delle Autorità europee, dei tradizionali diritti civili e sociali, da completarsi con i nuovi diritti digitali (cfr. casi Assange e Schrems), in modo che l’ Europa possa veramente tornare a essere, come richiesto dal Papa, un non retorico “punto di riferimento per il mondo intero”.

L’organizzazione del mondo in grandi organismi continentali (gli “Stati-civiltà”) all’ interno delle organizzazioni internazionali, costituisce lo scenario inaggirabile della costituzionalizzazione della “multilevel governance” europea, fondata su una realizzazione coordinata delle identità europea, macroregionali, nazionali, euro-regionali, locali e cittadine, sulla base della cultura, dell’amore per la libertà, dei diritti civili e sociali, del legame con i territori, come ai punti precedenti. In particolare, si debbono porre in grado le figure apicali europee di mettere effettivamente in essere le politiche di cui sopra, grazie soprattutto a uno status non deteriore rispetto ai loro omologhi delle Grandi Potenze.

La Commissaria Dubravka Suica, responsabile della Conferenza

  1. La Conferenza quale “road map” dell’integrazione europea

 

In considerazione dell’incalzare degli eventi esogeni di cui sopra (“Singularity”, Europa campo di battaglia fra Superpotenze), la Conferenza dovrà stabilire una tempistica strettissima per le necessarie azioni, sia di carattere ordinario (politiche delle Istituzioni), sia di carattere straordinario (attività costituenti, da parte della società civile, della cultura, degli Stati membri e delle Istituzioni), mobilitando tutte le energie disponibili.

 

Fintantoché non sarà stata concordata e approvata una Costituzione Europea in senso formale, non sarà logicamente possibile far leva su un “patriottismo costituzionale” europeo. Sotto una costituzione puramente “materiale”, come quella sottostante a un sistema di trattati, l’europeismo dei cittadini e della società civile si regge su altri aspetti delle identità collettive del nostro Continente: di carattere psicologico (p.es.: Freud, Jung), culturale (p.es.: Weil, Chabod) e religioso (p.es.: Novalis, Dawson), da cui non potrà comunque prescindere neppure l’auspicabile costituzione formale.

 

EVERYTHING IS DIGITAL:WELCOME TO THIERRY BRETON

A commentary to the Turin Tecnological Kermesse (Decode Symposium and Festival della Tecnologia).

The approval, by the European Parliament, of Thierry Breton as the candidate of France to the new Commission opens up the necessary debate about a coordinated European policy for digital. I think that this is the key issue of this political phase.

Not everybody is persuaded of that. On the contrary, many tend to deny also now that Europe must start as soon as possible with a new affirmative strategy for catching up the distance accumulated, not only towards America, but also towards China, Russia, India and Israel.

When I have asked, to the panel of the Decode Symposium of 5-6 November, in Nuvola Lavazza, Torino, whether they did not think that Europe needs now a new Institution, and even a “Single Man in Power”, for handling all of the Digital Issues presently at stake, Luca Di Biase answered me in a hurry that, since everything is becoming  digital now, my proposal would mean that such person would become “a Fuehrer”.  But this is precisely the direction into which all areas of the world are going, not because of a specific ideological choice, but because of the technological evolution of the Digital Era obliges nations and societies to follow that path. In the States, if the “Fuehrer” were not Trump, it would be Kurzweil or Zuckerberg.

1.Focus on Europe ‘s lack of sovereignty.

In fact, my provocation was not just a strange personal idea, but rather corresponds to a clearly perceived need, shared by  a relevant segment of European politics, citizens and think tanks. As written by the European Foreign Relation Council (ECFR), “European countries are increasingly vulnerable to external pressure that prevents them from exercising their sovereignty.” By the way, these pressures have been very heavy since a long time, i.e., since the end of  World War II:  for example, as concerns the drafting of the new constitutions, the repression of alternative political movements, the stationing of US and USSR forces and armaments in Europe, the impunity of these armed forces and intelligence. However, notwithstanding the end of the Warsaw Pact, the European weakness has never been so striking as now, since at least the competition between US and USSR opened up some spaces of freedom, such as the ones exploited by national-communist parties, by de Gaulle, by the Ostpolitik and by the dissident movements of Eastern Europe.

Taking into account this present situation, the ECFR has written that ” to prosper and maintain their independence in a world of geopolitical competition, Europeans must address the interlinked security and economic challenges other powerful states present – without withdrawing their support for a rules-based order and the transatlantic alliance. This will involve creating a new idea of ‘strategic sovereignty’, as well as creating institutions and empowering individuals that see strategic sovereignty as part of their identity and in their bureaucratic interest. Most fundamentally, the EU needs to learn to think like a geopolitical power”.

2. AI has worsened Europe’s weakness.

As stated by many people, including Hawking, Rees, Musk and Putin, Artificial Intelligence constitutes a fundamental existential risk, i.e., the risk that mankind will cease to exist because intelligent machines will render it useless or even dangerous. This risk is strictly connected with the one of the extinction of Europeans because of their inability to cope with the digital revolution.

Within the above framework, Ulrike Franke has written: “AI’s potential can appear almost limitless. It is not only ‘dual-use’, in the sense that it can be used for both civilian and military applications, but ‘omni-use’, potentially able to influence all elements of life”(such as religion, freedom, human structure, sex, family, politics, economy, work, ethic…).The US, China, and Russia grasp this geopolitic impact of AI and  pursue their imperial agendas in recognition of this. The negligence of the Europeans is highly suspect, and connected with the overwhelming nature of American hegemony. As Franke remarks,  “the recently published ‘Executive Order on Maintaining American Leadership in Artificial Intelligence’ takes a clearly geopolitical approach, and emphasises that: ’continued American leadership in AI is of paramount importance to maintaining the economic and national security of the United States and to shaping the global evolution of AI in a manner consistent with our Nation’s values, policies, and priorities’. In contrast, the European Commission’s ‘AI Factsheet’ only emphasises the importance of AI in sectors such as healthcare, transport, and public services. “

Contrary to the optimism expressed by Thierry Breton during his hearing in front of the European Parliament, Kai-Fu Lee has claimed that Europe is “not even in the running for bronze AI medal”.

3.A criticism to the vision of Evgeny Morozov and of the Decode Project.

Evgeny Morozov, which was the soul of the Decode Symposium, expressed without hesitation a need for a strong European state intervention against digital capitalism. However, according to my mind, as I told him, his proposed strategy is vague,  not drawing all consequences from the “net delusion”. In fact, if “technological sublime” was just the last avatar of the myth of progress, its failure shows also the impossibility to master technology with a “libertarian” approach. The first stumbling block is constituted by the inability of such approach  to cope with the fundamental problem of  labour’s role in the digital society. In fact, the digital capitalism well described by Morozov and Zuboff consists of a step-by-step take-over of the economic system by an alliance of digital industries and finance. Via their control an all production processes, digital capitalists, in the same moment in which they digitalise productive capital (agriculture, manufacture, services), they become the beneficial owners of the same. E.g., in substituting manpower with machines, the  digital industry becomes the main supplier of the manufacturing industry, and, in providing  also the services of Big Data, it substitutes their management staff (which exercised the control over the businesses), and the administrative complex of the State (which exercised the control over economy. At the end, digital giants will remain the only employers of the machines, carrying out the work of all society.

The form of democratic participation favoured by the Decode Project are helpful for maintaining a certain amount of participation at local level, but cannot impede that the giants of the web take over the real infrastructures of society, i.e. the large continental States and the manufacturing complex, nor address the question of power on the big decisions presently taken by States and Corporations.

In a realistic view, decentralisation, as favoured by the Decode Project,  would play a positive role positive in a digital society as in any other society, but will never be integral, because certain fundamental decisions, such as the one about the social model and the one of war and peace have always been centralised, and always will be. We cannot leave them to the digital giants and to Big Data.

So, at the end of the day, if we follow the suggestions of the Decode Project, we will have a concentration of political and economic power in a few digital capitalists, and probably a certain vague and useless decentralisation of municipal life. The main problem, the one to transfer the profits of the digital complex to the unemployed population would  remain unsolved. The idea of “citizenship income”, even if it would be really be implemented, would be unsatisfactory, before all because it would involve the whole population,  but will not solve the problem of power. Citizens have power only if they have a role in the production and management cycle, and this role will not be guaranteed by participation just in municipal life, but, on the contrary, by the one in production processes.  Whilst physical production will be concentrated in machines, immaterial processes (or, better, decision-making processes) should be concentrated in humans.

 

4.Europe’s Digital Sovereignty

Because of the need to assert the people’s sovereignty over the digital-military complex, people’s participation should be guaranteed not just at local level, but also, and above all, Europe.

Unfortunately, because of the omni-pervasive impact of AI, digital subordination of Europe just increases the former general kind of subalternity. As the Brueghel think Tank puts it, “Europeans like to believe the European Union has the collective economic size and capacity to determine its own economic destiny. But the behaviour of others global powers is increasingly calling this ability into question. China and the United States, especially, do not separate economic interests from geopolitical interests in the same way the EU does. They are increasingly using economic connections, from cyberspace to financial links, to gain geopolitical advantage or to serve geopolitical goals. Europe’s economic sovereignty is at stake”.

Tis problem is tightly linked to the one of participation, shown by the debates inside the Decode Symposium. In fact, as, in the West, digital giants are all American, the expropriation of all production structures from their former owners amounts, in the long term,  to the colonisation of Europe’s economy by America, as foreseeen by Lev Trockij already during World War I. This problem is worsened, now,  by the fact that, for being able to maintain a minimum of balance with America, European are favouring the presence,  beside the American multinationals, of Chinese, Arab, Indian and Russian ones. This has led to  a substantial absence of managerial skills in Europe, both in the private and in the public sector. An extreme paradox is constituted by the fact that the Italian State, after having privatised ILVA considering the private sector as more effective than the public one, and after the bankruptcy of the Italian investors, has attracted an Indian group, which, immediately thereafter,  would be happy to flee away, but which the Italian State pretends to “oblige” do hold its investment in Italy.

As I personally recalled during the Festival della Tecnologia at the Politecnico di Torino, Emmanuel Macron has recently declared: “My goal is to recreate a European sovereignty in AI. And, as ECFR has written,  “the EU has the market power, defence spending, and diplomatic heft to end this vulnerability and restore sovereignty to its member states. But, unless it acts soon, Europe may become not a player in the new world order but the chessboard on which great powers compete for power and glory”. “This means fundamentally rethinking the purpose of European integration. In an earlier era, the main tools of EU policymaking served quite different purposes than they do today. Defence and security policy was about demilitarising Europe rather than building capabilities and a capacity for action. Competition policy was about eliminating state aid and unfair competition within the EU rather than defending European consumers and companies from the predatory behaviour of actors outside Europe’s borders. Equally, European technology and research policies were about redistributing resources within the EU rather than matching the best in a global technology race”.

5.AI and Defence

Paradoxically, recovering European sovereignty would be easier in the defence sector than in the civil one, because cyberwar is less expensive than traditional warfare based upon a mix of infantry, marine, air forces, missile nuclear forces and covert operations.

Ulrike Franke writes, for this purpose, that  “ignoring the impact that AI can have on warfare is not a viable long- or even short-term approach. Indeed, there may even be opportunities for European countries that they have not yet acknowledged: the new competitive landscape could, in fact, benefit middle powers, as they will have greater capacity to compete than they did in the creation of the complex – and expensive – military platforms used today, such as precision-guided missiles and nuclear-powered submarines. Political scientist Michael Horowitz argues: ‘As long as the standard for air warfare is a fifth-generation fighter jet, and as long as aircraft carriers remain critical to projecting naval power, there will be a relatively small number of countries able to manufacture cutting-edge weapons platforms. But with AI, the barriers to entry are lower, meaning that middle powers could leverage algorithms to enhance their training, planning, and, eventually, their weapons systems. That means AI could offer more countries the ability to compete in more arenas alongside the heavy hitters.’ Horowitz even goes as far as to say that it is ‘possible, though unlikely, that AI will propel emerging powers and smaller countries to the forefront of defense innovation while leaving old superpowers behind’”.

6.A general survey on the Festival della Tecnologia.

The festival has had the huge advantage of bringing all these problems to the forefront in a region still obsessed by the idea of “factory” and “manufacturing”. Fortunately, the simultaneous news about the German crisis, the creation in Berlin of a Tesla plant, the FCA-PSA agreements which oresee the control by the French (and the Chinese) over the FCA group, the non solution of the crises of Embraco, Mahle, Pernigotti…have shown  to everybody that, either Piedmont choses new types of specialisation , or it will disappear as an economic subject. The Technology kermess constitutes a tentative to go in the right direction.

The number and qualities of the interventions on all matters concerning the connection between technology and society have been exceptional. The historical and philosophical trends of the digital civilisation have been outlined, i.a,,  by Elena Loewenthal, Laura Curino, Massimo Leone, Luca Peyron, Davide Sisto, Dario Voltolini, Derrick de Kerkhove, Gaetano di Tondo, Pier Paolo Peruccio, Vincenzo Giorgio, Denis Maggiorotto, Eleonora Monge, Valerio di Tana, Giancarlo Genta, Paolo Riberi, Claudio Allocchio, Elia Bellussi, Vittorio Bertola, Andrea Casalegno, Arturo di Corinto, Francesco Ruggiero, Marcello Fois, Giuseppe Cambiano, Christian Greco, Cecilia Pennaccini.

The philosophical and political challenges of digital technologies has been outlined by  Pierluigi Fagan, Stefano Quintarelli, Geert Lovink, Steve Graham, Simone Arcagni, Ugo Pagallo, Niculae Sebe, Tommaso Valletti, Enrico Donaggio, Franco Bernabè, Marcello Chiaberge, Viola Schiaffonati, Gianmarco Veruggio, Paolo Benanti, Marina Geymonat, Alessandro Montelero, Carlo Blangino, Francesco Garibaldo, Tatiana Mazali, Nicola Scarlatelli, Juan Carlos De Martin, Cristofer Cepernich, Fabio Chiusi, Paolo Gerbaudo, Valeria Cirillo, Cinzia Minzolini, Giulio de Pietra, Deborah De Angeli, Enzo Mazza, Marco Ricolfi, Peppino Ortoleva, Stefano Geuna, Massimo Inguscio, Giammarco Molinari, Simona Morini.

A so wide range of speakers brings about obviously a wide spectrum of ideas and of positions. Unfortunately, the fact that all these specialists, representing an elite in our society, have been able to acquire their skills and renown having worked, directly or indirectly, for the digital giants, has unfortunately had a negative impact on their capability to be fully objective, and as critical as necessary, towards the obscure prospects of the ongoing trend towards the Society of Total Control.

This situation has been addressed openly by Carlos de Martin, who has recognized that, even in University, research on digital  matters is financed mainly by the US giants. But this is just a part of a general landscape where all research is financed by multinational corporations,  what explains the wide-ranging conformism of today’s culture.

Therefore, criticisms are always very prudent. Especially, nobody wants to arrive at any practical conclusion, from a cultural, historical, political and legislative point of view. Those, who, like we do, raise too many questions, are considered troubleshooters. Their questions are not properly addressed. I recall, among others, the questions concerning the proviso not to try to insert ethics into the programs for machines; European Digital Sovereignty (which, i.a., was supposed to be the object of the Decode Symposium); the need to define the concepts of digital revolution not only with reference to Western cultures, but also to the Eastern ones; technological unemployment; especially, the question of who will take care of all these matters at a European level.

The final mock trial, devoted to a “process to technology”, shows this excessive  prudence. As the new Rector of the Politecnico, Guido Saracco, has stated candidly at the end, he could not, in his position, condemn technology.

  1. A European Sovereignty Strategy

Taking into account the links of European digital sovereignty with the Common External and Defence policy, ECFR has suggested that the new High Representative (Josep Borrell) is charged to work out a comprehensive strategy in this direction, but the mission letter of Ursula von der Leyn is much more prudent in this regard. Personally, I wonder whether the High Commissioner is the most appropriated subject for this coordination task, which, as said before, is multidisciplinary. In fact, as the ECFR writes: “Principally, any such strategy will need to integrate geo-economic and strategic policymaking. Currently, European economic governance purposefully ignores geopolitical considerations. So, for example, EU state aid rules make it difficult to channel support to emerging strategic industries such as AI, thereby allowing other powers to gain an advantage in such areas”.

From a professional point of view, Thierry Breton is more fit for the purpose, but his conflicts of interest might be an obstacle. These are the reasons why I expressed the above provocative suggestion to create a new Institution, instead of the may already existing and of the others which the European think tanks are suggesting. In fact, the solution proposed by ECFR is a network of inter-Commission committees for coordinating the different aspects of this tremendous challenge. First of all, a  Strategic Sovereignty Committee within the European Commission and an EU Task Force on Strategic Industries and Technologies. Moreover, “in the economic realm, the EU needs to create a Financial Sanctions Enforcement Office and to ensure that all member states are represented on the board of the Instrument in Support of Trade Exchanges. The EU should also adopt asymmetric countermeasures by setting out a formal legal process for enforcing the EU Blocking Regulation through investigations into companies that withdraw from a country in response to non-European sanctions. The EU could mobilise its competition policy instruments to expand state aid control beyond European companies, and bolster the euro’s international role by fostering deep and integrated capital and banking markets, creating a euro area safe asset, and extending currency swap lines to partner central banks. The EU could improve its AI capacity by leveraging its significant regulatory power through shared, anonymised European databases for research, as well as an EU seal for ethical AI.

As it also needs an effective cyber security institution with centralised functions, Europe could transform the EU Agency for Network and Information Security to that end. An investigative service focusing on foreign interference would also be valuable. “

I may agree that, within the present framework, dominated by power struggles between member States and European Parties for the allotment of competences to their national Commissioners, a system of committees coordinated by  somebody (why not, by the President) is probably the best result that may be achieved. However, this Commission should work out at least a new legal framework which puts “under the same umbrella”, among other things, a European Academy, the EFSI, the existing European Strategic Fund, a new European Intelligence, a European Investment Fund for ITC, a Regulator for the Digital industries. This agency should also rethink and coordinate according to a sole design the very numerous actions under way by the most different entities: international treaties for the regulation of digital; the EU regulations concerning data and robotics; antitrust concerning ITC; Internet tax; financing of EU digital industries and academic research.

Earlier this year, the European Council on Foreign Relations had commissioned YouGov to carry out surveys covering more than 60,000 people across Europe. These included finding out their views on the foreign policy challenges the EU faces. As ECFR writes, “The study reveals a fundamental shift in Europeans’ views of the world. Although there is widespread public support for the idea of the EU becoming a cohesive global actor, there is also a growing divergence between the public and the foreign policy community on several key issues – ranging from trade and the transatlantic relationship to EU enlargement. “The most shocking finding of the survey is that, contrary to what all the establishments constantly thought and said, a large majority of the citizens of all member states, in case of a conflict between US and Russia, would opt for neutrality.

Precisely for this reason is it necessary that the European digital system is disconnected, at least potentially, from the American one. The new Russian law follows precisely that path. Without impeding now the utilisation of the “American” World Wide Web by Russian users, it renders possible, in a case of conflict, to disconnect the Russian web from the general Internet, for the same reason that, since ever, in case of war, there has been always a military censorship on mails sent across the national borders.

Paradoxically, this is already the main reason of dispute between the EU and the USA in the digital  sector. After that, in the Schrems Case, the European Court of Justice had condemned the Commission, obliging it to renegotiate with the US, in substitution of the Safe Harbour Agreement (not complying with the DGPR), the Commission had signed with the US a  new agreement, the Privacy Shield, which was again not compliant, as declared by the European Parliament, and is giving rise to a new action in front of the Luxemburg Court. Why is it non compliant? Because, under the signed copy of the agreement, the US in any case the application of the agreement is subject to the US defence laws (which allow the secret services to have access, with a certain procedure, to the files stored in any part of the world, by US multinational). It is always an effect of the US “military censorship law” for the time of war, which has never been suspended because, from Word War I up to now, the US has never ceased to be at war against somebody. Under these circumstances, it is clear that the privacy of European citizens intellectual property  of European Companies and the military secrets of European Armies will never be safe, until their data will be stored in Europe, by companies or public entities integrally subject to European Law. This renders many of the discussion under way about digital unrealistic, and emphasizes the urgency of an implementation of the ideas of Macron about European Digital Sovereignty.

SE IL LAVORO NON CONTA PIU’

GRAFIK Börsenkurse der Woche / KW 2/2019 / Produktion

 Recessione in Germania

di fronte al crollo dell’economia, uno Statuto dei Lavoratori europeo

Finalmente, anche nella pubblicistica mainstream si sta facendo strada la verità sulla crisi senza ritorno del nostro sistema produttivo, nonché sulle performances deludenti anche del sistema europeo, con l’esclusione, forse, dei Paesi di Visegrad.

Cito come esempio l’articolo pubblicato da Massimo Giannini su “La Repubblica” di Venerdì 25 ottobre, intitolato “Se il lavoro non conta più”. L’autore riporta giustamente una sfilza impressionante di dati sull’interminabile crisi italiana: 82.000 famiglie mese sul lastrico dalle decisioni sull’ ILVA, 18 milioni di ore lavorate in meno rispetto al 2008, 50.000 disoccupati “avviati al lavoro” con il reddito di cittadinanza, su 982.000 richiedenti (che comunque sono solo una parte infinitesimale dei disoccupati).

Cita anche (implicitamente criticandola) l’idea lanciata  dal CNEL, di un nuovo Statuto dei Lavoratori.

Quanto alla situazione piemontese, ricordo invece l’articolo, sempre su “La Repubblica”, ma di sabato, di Salvatore Tropea, intitolato “Se il Piemonte diventa un pezzo del Sud depresso”, che cita, come casi emblematici di una totale incuria della politica, quelli di Embraco, Comital, Mahle, Pernigotti, Olisistyem, Lear, Blutec e della stessa  FCA

1.Ma come creare nuovo lavoro?

Tuttavia, quello che né Giannini, né Tropea (ma neanche nessun altro), dicono è come si dovrebbe fare per arginare la disoccupazione, quando, come oggi, non c’è, in Italia, alcun’ attività (salvo la droga, la prostituzione e le tangenti) che sia veramente redditizia, e, di conseguenza, nessuno che intenda investire nelle imprese italiane, siano esse delle pizzerie o delle fabbriche di missili, salvo i Cinesi, che, però, vengono rifiutati perché accusati di farlo con oscure motivazioni politiche.

Perfino gli Americani, i Russi, gl’Indiani, i Francesi, i Tedeschi e gl’Israeliani, che avevano fatto qualche timido tentativo negli anni passati, si stanno sfilando. Qui non c’è, né il potere, né un ceto imprenditoriale potente, né lo Stato partner e imprenditore, né la demografia, né il mercato. A chi vendere? Come conquistare i mercati mondiali? Come difendersi dalle ingerenze straniere?

In effetti, se i nuovi posti di lavoro “buoni” si creano tutti in Cina, nei Paesi in via di sviluppo, in Europa Orientale o, al massimo, in America, è proprio perché la creazione di nuove “vere” imprese è un compito eminentemente politico, che presuppone una politica di difesa degl’interessi nazionali. Le nuove aziende sono nate nei “garages” solo  perché sostenute dal DARPA, espressione del Pentagono, o dal Partito Comunista Cinese. Indosuez è nata come banca d’emissione dell’Indocina francese, e la Volkswagen come un progetto personale di Hitler, finanziato con i soldi dei sindacati nazisti. Ma anche le imprese italiane, dalla FIAT all’IRI all’ENI, all’ ENEL, non sarebbero nate, né si sarebbero sviluppate, se non ci fossero state alla base solide motivazioni e azioni politiche: dal trasferimento a Firenze della capitale, alle guerre italo-turca e mondiale, alla crisi del ‘29, alla politica “Terra, Mare, Cielo”, alle Partecipazioni Statali, al Centro-sinistra. Anche la loro decadenza deriva da nuove e opposte politiche: l’integrazione europea ed euroatlantica, l’aiuto allo sviluppo, le delocalizzazioni, le privatizzazioni….

E, infatti, le imprese italiane, come la Olivetti, che non furono favorite, bensì osteggiate, dal potere politico, nacquero morte, proprio quando, per i grandi concorrenti internazionali come la IBM, si apriva un’epoca d’oro.

Orbene, se si capisce benissimo come faccia la Cina a creare ogni anno 50 milioni di nuovi posti di lavoro all’anno (cioè finanziando lo sviluppo accelerato di nuove tecnologie, di regioni periferiche e di Paesi amici, svalutando lo Yuan, costruendo nuove città prima ancora che esistano gli abitanti, forzando i nuovi consumi), e come faccia l’America (finanziando il militare, mettendo dazi e sanzioni, obbligando le imprese nazionali a rilocalizzarsi), non si capisce come possa creare nuovi posti di lavoro  un’ Europa che finanzia pochissimo le proprie nuove imprese, che difende (almeno fino ad oggi) il corso dell’ Euro anche quando gli altri svalutano, tassa pesantemente il patrimonio immobiliare e il lavoro, ma non le multinazionali del web, accetta tutte le imposizioni americane in materia tariffaria, doganale e tecnologica, non ha né“partecipazioni statali”, né un esercito comune,  e  neppure potere coercitivo sulle proprie imprese…

Soprattutto, come insdiste Evgeny Morozov, il cuore pulsante dell’ economia di un Paese non è più né la sua industria, né la sua finanza, bensì il suo ”ecosistema digitale”. E’ questo che raccoglie e coordina i dati, dirige la politica (vedi campagna di Obama, Casaleggio,Cambridge Analytics, Fake News…), gestisce le transazioni finanziarie, prende il controllo dei media e delle imprese, coopera con i servizi, garantisce l’allarme atomico, automatizza  e terziarizza i posti di lavoro, distrugge il commercio tradizionale, stravolge l’educazione e la security… Chi non controlla l’ecosistema digitale non controlla la propria economia, ed è quindi destinato a scivolare fra i paesi in via di sviluppo. Questo, e non altre risibili cause, come l’eccesso di burocrazia, o l’instabilità politica, o l’immigrazione, è la vera causa della interminabile crisi italòiana (ed europea)

Evgeny Morozov

  1. Questo destino di decrescita era prevedibile

Così, da 40 anni, si  continuano a spendere somme astronomiche per mantenere in piedi dei puri simulacri d’impresa, come per esempio l’ Embraco di Riva di Chieri che avevamo venduto 25 anni fa perché già allora non aveva prospettive (ed è passata dagli Americani, ai Brasiliani, agl’ Israeliani, senza alcun miglioramento, anzi, peggiorando costantemente), mentre, con gl’ importi erogati dallo Stato, si sarebbero potute creare nuove  imprese informatiche o spaziali, oppure finanziare il reinserimento di imprenditori, managers, tecnici e operai come finanzieri, commercianti, albergatori o  comunque operatori turistici, o addirittura un loro tentativo di ricollocarsi altrove. Si noti che, sul piano mondiale, il 5% dei nuovi posti di lavoro sono creati nel settore del turismo, che è tradizionalmente il fiore all’ occhiello dell’Italia, e in cui esistono enormi margini di miglioramento.

Avendo lavorato per 30 anni per l’industria italiana, e, in particolare, piemontese, posso testimoniare circa  il fatto che l’idea che quest’ultima non avesse futuro aleggiava fra i decisori, politici e soprattutto industriali, fino dagli anni ’70, come emerso dagli archivi dei servizi segreti americani e riportato da storici inglesi. Già dagl’ incontri durante la IIa Guerra Mondiale fra i vertici della FIAT e i ministeri economici americani era risultato evidente che l’Italia sconfitta avrebbe dovuto puntare su produzioni a basso valore aggiunto, basandosi sulla mano d’opera a basso costo resa disponibile dalla smobilitazione e dall’emigrazione. Per questo, già all’inizio degli anni ’70, era diffusa negli ambienti industriali l’opinione che, dopo l’“Autunno Caldo”,  occorresse smobilitare gl’investimenti industriali in Italia, che sarebbero divenuti non competitivi. Di qui la fuga di capitali e le vendite a tappeto di aziende: dalla Olivetti alla RIV, dalla Way Assauto al Nuovo Pignone, dalla Lancia all’ Alfa Romeo….

Le aziende venivano vendute soprattutto dalle proprietà familiari, che, in mancanza di compratori esteri, cedevano ai grandi gruppi, che subito dopo incominciavano subito a rivendere.

Anche le delocalizzazioni venivano fatte in uno spirito sbagliato. Anziché delocalizzare la produzione mantenendo il controllo (familiare, finanziario, politico, giuridico, manageriale, tecnologico), come prima cosa si spostava la sede all’ estero, per poter manovrare senza controlli, tanto lo Stato italiano forniva il proprio supporto ai gruppi estero-vestiti anche se non pagavano le tasse in Italia, né rispondevano politicamente al nostro governo. Basti pensare agli   stabilimenti già della Crvena Zastava in Serbia.

Così, filiere che erano squisitamente italiane, come l’auto, l’informatica,  i pneumatici, la moda, sono passate sotto controllo straniero, facendo perdere al nostro Paese i vantaggi derivanti dalla proprietà, dalla fiscalità, dalla cultura aziendale e di management….

Invece di contrastare queste tendenze, si è fatto ricorso al neo-malthusianesimo (diminuzione della natalità), grazie a cui, pur diminuendo il Prodotto Nazionale Lordo, aumenta il Reddito Pro Capite. Tuttavia, anche così non si può andare avanti all’ infinito, perché (i) si alimentano i conflitti etnici catalogati oggi come “populismo”e “xenofobia”; (ii)gl’immigrati assumono presto le stesse abitudini dei nazionali, oppure emigrano nuovamente (come sta accadendo), non dando comunque alcun contributo positivo all’ equilibrio demografico.

 

 

Mark Zuckerberg

4.Come contrastare questo declino?

Arrivati a questo punto, “risalire la china” è veramente difficile.

Intanto, occorre sgomberare il campo da un grande numero di falsi miti e di ideologie che hanno dominato il campo negli ultimi decenni.

L’alternativa non è fra un aprioristico industrialismo e una decrescita “a prescindere”. L’industria è stata da sempre solo una  fra le tante attività umane: ha conosciuto un incremento a metà del XX secolo, e ora sta stagnando, e trasferendosi in altri Paesi. Questa vicenda è influenzabile solo in parte, perché una parte di essa è ormai irreversibile. Inoltre, alla preoccupazione per l’industria nazionale, e perfino per l’economia, da sempre si sono affiancate, giustamente, altre preoccupazioni: quelle per la sopravvivenza della popolazione, per i valori di una civiltà, per la libertà e l’indipendenza nazionale, per uno sviluppo armonioso, per la continuità di una cultura, ecc…Oggi, ci sono anche e soprattutto quelle per l’avvento delle macchine intelligenti e per il surriscaldamento atmosferico.

Tutto ciò detto, se non difendiamo almeno un pezzo di economia europea, non avremo neppure più quel minimo di strumenti che servono alla sopravvivenza della nostra popolazione e della sua cultura, alla sua difesa e indipendenza. Si noti che, secondo qualificate stime internazionali, fra 10 anni nessun’economia europea sarà fra le prime 7 del mondo, e saremo scavalcati da Indonesia, Egitto e Brasile, senza parlare, ovviamente, di Russia e Turchia. A ciò si aggiunga che in tutte le società industrialmente avanzate si prevede un crollo (intorno al 50%) dei posti di lavoro per effetto della disoccupazione tecnologica nel giro dei prossimi 10 anni.

Nonostante quanto precede, l’ingente apparato esistente in Europa, non solo industriale, ma infrastrutturale (Stato, eserciti, servizi, trasporti) dovrà essere come minimo fatto funzionare, manutenuto e aggiornato; il livello di vita dovrà essere mantenuto a un livello comparabile con quello delle altre grandi aree del mondo; i nostri politici e i nostri tecnici dovranno potersi interfacciare dignitosamente là dove si discute del futuro dell’Umanità. Ciò comporterebbe  il mantenimento di un livello almeno minimo di natalità, di scolarizzazione, di organizzazione e di sviluppo. Inoltre, se vogliamo che il consenso politico non scenda al di sotto di un certo livello, con i bei risultati che si stanno vedendo in America Latina e in Medio Oriente, occorre anche che gli Europei possano almeno intravvedere una qualche prospettiva di sviluppo personale non in contrasto con le nostre tradizioni di civiltà.

Ma già solo per conseguire questi obiettivi minimi occorrerebbe una vera rivoluzione, che potrebbe essere portata avanti solo a livello europeo.

Thierry Breton

5.Le sfide scottanti della nuova Commissione

Le difficoltà con cui si sta pervenendo alla formazione della nuova Commissione dimostrano chiaramente  che anche la politica europea è molto titubante sul da farsi. L’enorme peso del dicastero riservato alla Francia “a prescindere” (in contrasto con la retorica dell’eguaglianza fra gli Stati membri), e la clamorosa bocciatura di un candidato “pesante” come Sylvie Goulard, dimostrano che impresa, tecnologia e digitale sono i campi in cui l’Europa potrebbe dimostrare la  propria utilità, oppure squalificarsi definitivamente.

La nuova candidatura francese, quella di  Thierry Breton, già ministro francese delle Finanze e presidente-amministratore delegato delle principali imprese tecnologiche francesi, dimostra che la Francia e l’Europa sono oramai costrette a gettare sul tavolo tutte le carte. Il pretesto usuale per non fare nulla, quello secondo cui non esisterebbero lobbies che spingano per la creazione di un’industria tecnologica europea autonoma, non può più reggere. Breton rappresenta giustamente, in modo diretto, le lobbies europee delle alte tecnologie (e sarebbe autolesionistico se gli Europarlamentari non dovessero accettarlo proprio per questo). Se neppure lui facesse qualcosa di decisivo per colmare il dislivello che ci separa dall’America e dalla Cina, vorrebbe dire che l’Europa ufficiale ha implicitamente accettato di essere eternamente al di fuori dei veri giochi della nuova economia, e così di avviarsi deliberatamente al sottosviluppo (appunto dietro all’India, all’Indonesia e all’Egitto).

Come, poi, un’eventuale, e auspicabile, azione dell’Europa nel settore delle nuove tecnologie  potrebbe aiutare l’Italia nella lotta alla disoccupazione è tutto da vedere. Infatti, in Italia si è consolidata nei decenni una retorica autodistruttiva secondo cui la politica deve occuparsi, per l’appunto,  delle lobbies già esistenti, e non di creare nuove formazioni sociali (come la Cina ha fatto con Baidu, Alibaba, Huawei e TikTok); sicché:  le imprese italiane dovrebbero rimanere in eterno dei “followers” di quelle americane; i laureati dovrebbero essere modesti e conformisti, non già avere l’ambizione di essere veramente classe dirigente; gl’imprenditori dovrebbero essere poco più che degli operai di successo, e i lavoratori dovrebbero restare più ignoranti possibili, per non fare ombra, né ai padroni, né ai sindacalisti. Con queste premesse, il problema della disoccupazione viene liquidato da tutti con la frase: “ciascuno può fare solo quel che sa fare”. Ma se è così, quando, come ora, l’economia mondiale cambia radicalmente, che facciamo? Ci mettiamo tutti in disoccupazione e pretendiamo tutti (politici, imprenditori, managers o lavoratori), un vitalizio, un sussidio o un reddito di cittadinanza? Non c’è la possibilità di imparare delle cose nuove? Come hanno fatto i Cinesi e gl’Indiani a trasformare in una sola generazione un miliardo di contadini in operai, commercianti, tecnici, managers, imprenditori, scienziati e finanzieri?

I “fondi europei” dovevano servire proprio a questo: a organizzare una colossale operazione per riconvertire (con i metodi “energici” propri di consorzi di guerra, di cui tanto Monnet quanto Hallstein erano degli esperti) l’enorme apparato carbosiderurgico ereditato dall’ Asse; per reinserire in altre funzioni, con i Fondi Sociali, la mano d’opera così resasi inutilizzabile, per reindustrializzare con i Fondi Strutturali le regioni depauperate dal calo programmato delle produzioni e dallo smantellamento delle “pseudo-economie” create dal sistema doganale.

Non basta oramai nemmeno l’”Industria 4.0”, oggi, quando i Paesi leaders del mondo si dedicano all’intelligenza artificiale, ai computer quantici e ai 5G.

Perciò, in netto contrasto con quanto si sta ora facendo (o meglio non facendo), l’azione per contrastare la disoccupazione dovrebbe consistere in un’energica ristrutturazione in senso digitale delle filiere  dell’economia in senso lato, e in un generalizzato “upgrading” delle competenze dei nostri concittadini, attraverso una maggiore selettività, azioni di formazione permanente e d’incremento della partecipazione. Il bello è che tutto questo sarebbe già finanziato, per esempio, dai fondi europei, ma la gestione timida  da parte di Autorità timorose di urtare l’ignavia dei cittadini e l’occhiuta sorveglianza dei concorrenti internazionali porta al non utilizzo dei fondi e, anzi, alla loro dilapidazione.

Tutto ciò presupporrebbe inoltre un radicale incremento delle capacità di previsione, progettazione e intervento dei settori “pubblico” e “sociale”, intendendo sotto questi termini Unione, classe politica, Stati membri, Regioni, Enti locali e associazionismo.

Luca Ricolfi

  1. Il nuovo Statuto dei Lavoratori

Ci compiacciamo con Tiziano Treu, che avevamo invitato quest’anno al Salone del Libro di Torino, per aver organizzato presso il CNEL una serie di convegni sullo Statuto dei Lavoratori e sulla sua attualità oggi. Noi, come Alpina e come Associazione  Culturale Diàlexis,  abbiamo pubblicato due studi sull’ argomento: “Modello sociale europeo e pensiero cristiano” e “Il ruolo dei Lavoratori nell’ era dell’ intelligenza artificiale”, presentato al Salone del Libro di Torino del 2019.Quest’ultima opera caldeggiava l’attualizzazione del diritto del lavoro in Europa alla luce delle nuove realtà. Infatti, un nuovo diritto del lavoro può essere soltanto europeo, così come sono europee le principali novità legislative oggi vigenti.

Inoltre, non ha senso modificare le norme senza modificare la struttura economica sottostante. Occorre trovare un compito per tutti anche nella società delle macchine intelligenti. Per questo, avevamo inviato, nel 2014, al Presidente Juncker, il nostro ”Quaderno di Azione Europeista” intitolato “Re-statring Eu Economy via Technology-intensive industries”).  L’”upgrading” del lavoro comporta un progressivo passaggio dal lavoro fisico a quello intellettuale, dall’ intellettuale al direttivo, dal direttivo al politico, dal politico allo spirituale. Se le macchine sono nate per sostituire il lavoro degli schiavi, dei servi, degli operai e dei burocrati, gli unici “posti di lavoro” che resteranno disponibili saranno quelli al di sopra delle macchine, vale a dire attività d’ ideazione, di direzione, di progettazione e di comando. Quanto più le macchine saranno capaci di fare tutto, tanto più ci sarà bisogno di personalità che investighino sui fini, disputino sulle alternative, impersonino divergenze di opinione, prevedano, orientino (chierici, governanti, politici, intellettuali, gestori, teorici, educatori…). Quello che Luca Ricolfi ha chiamato “Società signorile di massa”, che oggi è una stortura dell’Italia decadente, dovrebbe diventare la regola, e l’unico modo di realizzare quella che era l’idea di “democrazia” all’inizio della Modernità, espresso in concreto nel “Machinenfragment” di Marx.

Contrariamente a quanto si pensa normalmente, il lavoro non mancherà per nessuno neanche nella Società delle Macchine Intelligenti.Resterà solamente da stabilire come ripartire i redditi prodotti dalle macchine. Ma la situazione non sarà molto diversa da oggi (o meglio da ieri), perché “macchina” sarà un campo come un ministero, una scuola come un esercito, una città come un ospedale. Anche queste avranno dei “padroni”, siano essi lo Stato o delle società, dei “capitalisti” o degli “enti senza fini di lucro”, delle cooperative o delle famiglie. Bisognerà solo contrastare (se ancora possibile) l’espansione incontrollata delle “Big Five”, le quali, grazie alla connivenza dell’ ARPA e dei politicanti, si sono appropriate in pochi anni (ma sono oramai 50) di tutti i principali centri di potere.

Organizzare tutto questo sarà il compito del nuovo “diritto del lavoro” europeo. Ma presupposto di tutto sarà che questo complesso sia in grado di produrre ricchezza sufficiente per mantenere gli Europei. Perciò, il nostro “complesso macchinico” dovrà essere competitivo con quello dei grandi Paesi tecnologici (oggi, gli USA e la Cina, domani l’India, la Russia, ecc…). Oggi, non stiamo andando affatto in quella direzione -na,anzi, nella direzione opposta-.

C i ripromettiamo di pubblicare al più presto un’opera che condensi le riflessioni oramai necessarie circa le basi culturali per siffatta rivoluzione culturale europea, e ancor più circa concreti progetti legislativi volti ad unificare e coordinare tutte le attività europee nel campo del digitale.

Cgliamo l’occasione per segnalare un’importante iniziativa su questo argomento

DECODE SYMPOSIUM 2019

Our Data, Our Future: Radical Tech for a Democratic Digital Society

DECODE is an ambitious EU project with 14 high level partners that aims to advance the cause of decentralised, rights-preserving and privacy-enhancing digital infrastructures that put individuals in control of their data while enabling them to share it for the common good. DECODE focuses
its research and development effort on novel notions of digital sovereignty and data commons, aspiring to see them implemented in new EU policies.

The theme of the 2019 DECODE Symposium is Our Data, Our Future: Radical Tech for a Democratic Digital Society. It will focus on constructing viable democratic alternatives to the Big Tech. The Symposium will discuss the benefit of decentralized and privacy preserving technologies as alternatives against the digital economy’s tendencies towards centralization and monopolization. After reviewing the most promising and impactful of such technologies on Day 1, the symposium will dedicate Day 2 to discussing how such projects could fit into the broader context of Europe’s efforts to protect fundamental rights of its citizens and restore its economic and technological sovereignty. The event will discuss issues that range from antitrust, competition law, the geopolitics of Finth, democratic control
over AI and platforms, and also how a Smart Green New Deal would look like today.

Amongst the main speakers of this year’s symposium the writer Evgeny Morozov, former CTO of Barcelona and founder of the DECODE project Francesca Bria, Nesta CEO Geoff Mulgan, the author of best selling book Postcapitalism Paul Mason, the artist and founder of DIEM25 with Yanis Varoufakis Brian Eno, Ann Pettifor, the main economic advisor to the UK about party and author of The Green New Deal, Harvard Law Professor Roberto Unger; Jen Robinson the main lawyer of Julian Assange, Robert Kockett, the main advisor to Alexandria-Ocasio Cortez on the Green New Deal….

 

This event is curated by Francesca Bria and Evgeny Morozov, and is brought to you by the City of Turin, the Festival of Tecnologia, Lavazza, New Institut and TopIX. Workshops are being curated by Dyne.

Conference Program

Day One: November 5th 2019

TECHNOLOGIES FOR A DECENTRALISED DIGITAL FUTURE: BUILDING THE EUROPEAN ECOSYSTEM

8.30 – 9.30

Registration and refreshments: Main chair for the day: Geoff Mulgan, Nesta

9.30 – 9.45

Welcome and opening:

  • Francesca Bria, DECODE
  • Olivier Bringer, European Commission
  • Paola Pisano, Italian Minister of Innovation
  • Valeria Portale, Blockchain Observatory, Politecnico Milano
  • Marco Zappalorto, Nesta
    Italia

9.45 – 10.00

Blockchains for Social Good: First results from the EU prize and related initiatives:

  • Fabrizio Sestini, European Commission

13.30 – 14.15

Panel: Blockchains, DLTs and Privacy-Enhancing Technology for the Common Good:

  • Olivier Bringer, European Commission
  • Marco Bellezza, Presidency
    of the Italian Council of Ministers
  • Denis Roio, Dyne.org
  • Irene Lopez de Vallejo, Ocean
    Protocol
  • Valeria Portale, Blockchain Observatory, Politecnico Milano
  • Chair: Anna Masera, La Stampa

11.00 – 11.15

The DECODE Ecosystem – Tools for Citizens’ Data Sovereignty

  • Denis Roio Dyne.org
  • Oleguer Sagarra, Dribia
  • Pablo Aragon, Eurecat

11.15 – 11.30

DLTs and Blockchain-based EU Project Pitches

11.30 – 12.00

Refreshments, networking and exploring the showcase

12.00 – 13.30

A New Deal on Data: Towards Viable Solutions:

  • Regis Chatellier, Commission Nationale de l’Informatique et des Libertés
  • Maria Savona, Sussex University Lorena
  • Jaume-Palasi, Algorithm Watch Neil Lawrence, University of Sheffield
  • Mara Balestrini, Ideas for Change
  • Chair: Javier Ruiz, Open Rights Group

13.30 – 15.00

Lunch break, networking and exploring the showcase

15.00 – 16.00

The Role of STARTS (Science, Tech and the Arts) for a Human-centric Digital Future

  • Holly Herndon, Musician
  • Mar Santamaria, 300000 kms (winner STARTS Prize 2019)
  • Ciro Cattuto, ISI Foundation
  • Christopher Roth, Film-maker
  • Chair: Ralph Dum, European Commission

16.00 – 17.00

Europe’s Digital Sovereignty: How Do We Get There?

  • Rob van Kranenburg, Founder of Internet of Things Council
  • Dan Hill, Vinnova
  • Andrea Fumagalli, Università di Pavia
  • Yasmine Fage, Entrepreneur Goggo Network
  • Caroline Nevejan, City of Amsterdam
  • Chair: Katja Bego, Nesta

17.00 – 18.00

Networking and exploring the showcase

18.00 – 19.30

The Evening Debate: The Future of Press Freedom

  • Jen Robinson, Human Rights Lawyer
  • Joseph Farrel, Centre for Investigative Journalism, Wikileaks Ambassador
  • Stefania Maurizi, Journalist Repubblica
  • Geoffroy de Lagasnerie, Philosopher
  • Chair: Renata Avila, Fundación Ciudadanía Inteligente

Day Two: November 6th 2019

RADICAL TECH FOR A DEMOCRATIC DIGITAL FUTURE

09.00 – 10.00

Registration and breakfast

  • Main Chair for the day: Barbara Carfagna, RAI

10.00 – 10.15

Welcoming remarks

10.15 – 10.30

Setting the Scene: Our Technological Future Beyond Techno-Nationalism and Techno- Globalism

  • Evgeny Morozov, Author

10.30 – 12.00

Democratizing Money vs. Centralizing Control: The Geopolitics of Fintech

  • Izabella Kaminska, Financial Times
  • Brett Scott, Author Hacking the Future of Money
  • Kevin Donovan, University of Edinburgh
  • Massimo Amato, Bocconi University
  • Rohan Grey, Digital Fiat Currency Institute
  • Chair: Barbara Carfagna, Journalist RAI TV

12.00 – 14.00

Lunch break, networking and exploring the showcase

14.00 – 15.30

Big Tech in Crisis: Policy Responses on Competition and Data Sovereignty

  • Paul Nemitz, European Commission, DG Justice
  • Paolo Ciocca, Consob
  • Tommaso Valletti, Imperial College, Chief Economist DG Competition
  • Alexey Ivanov, Skolkovo-HSE Institute for Law and Development
  • James Meadway, Economist
  • Chair: Francesca Bria, DECODE

15.30 – 16.00

Reconquering digital sovereignty: DECODE and beyond

16.00 – 17.30

Putting Data, Platforms and AI under Democratic Control

  • Paul Mason, Journalist and Author
  • Geoff Mulgan, CEO Nesta
  • Bruce Sterling, Writer
  • Amelia Andersdotter, Article19 (former EU MEPs)
  • Juan Carlos de Martin, Nexa-Politecnico di Torino
  • Edoardo Reviglio, Chief economist Cassa Depositi e Prestiti
  • Chair: Luca De Biase, Sole 24 Ore

17.00 – 18.00

Refreshments and networking

18.00 – 19.30

Democratizing the Knowledge Economy in the Times of the Green New Deal
An interview with: Roberto Unger, Harvard University

Panelists:

  • Robert C. Hockett, Cornell University, Advisor of Alexandria Ocasio-Cortez on the Green New Deal
  • Ann Pettifor, Author of The Green New Deal
  • Brian Eno, Artist
  • Francesca Bria, DECODE
  • Evgeny Morozov, Author
  • Chair: John Thornhill, Financial Times

19.30 – 20.00

Networking